martedì 1 settembre 2015

Miss Cuoio

Aaaah che bella l'abbronzatura.... che cosa fantastica e meravigliosa quel colorito dal miele, all'ambra al mogano (a seconda delle carnagioni) che ti dà quel salutare colorito e ti fa sentire ed essere decisamente più bella!
Non sono una lucertola, nel senso che non sono una che si piazza sotto il sole dal primo giorno all'ultimo di vacanza. Anzi, mia amica è l'ombra, miei amici sono il cappello e l'ombrellone.
Questo non ha vietato i potenti raggi UV di attraversare la stoffa dell'ombrellone, come non ha vietato di riflettersi sulla sabbia o sull'acqua al riverbero e quindi a fare moderatamente il suo lavoro.

Ma si, diciamolo pure.... quest'anno senza eccessivo sforzo o impegno, sono diventata molto scura. Tenete presente che io solitamente ho la pelle color latte, quindi teoricamente non dovrei prendere sto gran colore.

E invece no care donne, nonostante la chiarezza della mia pelle (a tratti giallo malattia!) ho la fortuna di non diventare rossa (Beh certo, se prendo sonno sotto il sole alle due del pomeriggio... l'eventualità di diventare color aragosta c'è!). Però poi la pelle si tinge d'ambra e io con i miei bellissimi occhi azzurri (sti cazzi quante arie mi sto dando!!!) divento splendidamente abbronzata!

Questa è la parte divertente.
Lo è un po' meno a 20 giorni dal ritorno a casa, quando si ha un po' meno voglia-pazienza di impomatarsi, mettersi l'olio, la crema idratante e allora ci si scuoia. Letteralmente!
La pelle si secca e diventa una specie di sottile corteccia che vi abbandona, regalando abbondanti abbuffate agli acari e montagne di velette trasparenti attaccate ai pantaloni neri, al divano, ai cuscini delle sedie in cucina.
La parte che si secca principalmente, è la parte di gamba che va dal ginocchio in giù compresi i piedi, poi la porzione di braccio dalla spalla al gomito ed infine le cosce e dal gomito al polso.
E' ORRIBILE!
Sinceramente!

Prima ti assicuri di mostrare le gambe perché tutti si complimentino per la tua abbronzatura (si si, l'ho fatto!!) e poi ti assicuri che nessuno ti possa più vedere, il che comporta coprirsi e muoversi poco. Si perché se ti muovi una nuvola di pulviscolo di pelle ti segue come l'aura dell'AIDS.


Che poi, tutto sto post per dirvi che ho seguito il consiglio di mia cugina e stamattina mi sono fatta un bello scrub. Lo so, non me lo dite, dovevo farlo prima di mettermi al sole per evitare di perdere poi la pelle come un serpente... mpfff mi par di sentirvi, suocere!
Non lo sapevo, ok? Ora lo so...
Comunque, mi sono armata di olio di cocco (che fa molto esotico eh!)


e normalissimo zucchero bianco...


...si mescola il tutto facendolo diventare una "Pappetta granulosa" (testuali parole di Elena) e poi si strofina energicamente dal basso verso l'alto.

Fatto!
Beh devo dire che non sono è uno scrub assolutamente a basso costo, ma funziona. Certo io sono poco pratica e vedo che di pelle da togliere purtroppo ne ho lasciata, ma nessuno mi vieta di rifare l'esperienza.
La parte di pelle che è stata "ripulita" rimane liscia come il culetto di un neonato. Tenera e inodore perché l'olio di cocco non ha nessun tipo di profumazione, beh quello liquido come in foto che è poi quello che ho usato io eh, altri non saprei.

Mia cugina ne sa una più del Demonio, ve lo assicuro.

Mi ha anche consigliato questo tipo di olio di cocco.


Lo si trova nei supermercati Bio e ha un profumo paradisiaco, se vi piace ovviamente il cocco. Lei lo utilizza per struccarsi, lo tiene in frigorifero perché tende ad essere liquido. Massaggia il viso fino a completo scioglimento del trucco e poi risciacqua.
Mi ha informata che sua mamma, ossia mia zia, lo utilizza come crema e che le lascia il viso completamente liscio e privo di punti neri. Lei ha provato ma nei punti più delicati le sono venute piccoli arrossamenti ed irritazioni, guarite smettendo di usarlo come crema. Questo per dirvi che non è evidentemente adatto a tutte le pelli.

Comunque, oggi non avevo proprio voglia di uscire, ma domani vado alla ricerca di questo fantomatico olio di cocco... così ne ho imparata un'altra.

Ma quante ne sa mia cugina, quante???

Ora magari voi mi direte che lo sapevate e che non ho certo scoperto l'acqua calda.... ma cercate di capirmi, io che ne so.... sono una specie di camionista che ha imparato a truccarsi (imparato è una parola grossa in effetti) un anno fa!!!

Ok per oggi vi ho stressate a sufficienza, vi saluto.... fate le brave e scrubbatevi tutte!

Ciao Libby



4 commenti:

  1. Io uso l'olio di mandorle dolci......... l'odore del cocco mi da la nausea, però il metodo è validissimo, se avessi un po' più di pazienza lo farei anch'io, ma siccome io e la pazienza per queste cose prendiamo sempre strade diverse, lo scrub lo faccio con prodotti preparati, però pure io, che so che le cose andrebbero fatte PRIMA... arrivo sempre lunga e mi ritrovo, al ritorno a casa con gambe, braccia e piedi in condizioni penose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consolo allora. Io invece sono una che per pigrizia e per perdita momentanea di memoria, non ricordo mai di acquistare i prodotti per questo uso e mi lascio estasiare da questi metodi fai da te.

      Elimina
  2. L'olio di cocco lo uso per i capelli; so che i vari oli hanno vari utilizzi ma sì, dipende dalle pelli. Per esempio a me l'olio di mandorle okkeissimo per smagliature e piedi ma no tutta la vita in faccia, invece c'è chi lo usa=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero non sapevo nemmeno che si potessero usare per struccarsi, invece leggo che molte lo utilizzano ed è mille volte meglio di qualsiasi latte detergente. Però si, immagino dipenda anche dalla pelle. Proverò comunque....

      Elimina

Le vostre perle...