lunedì 29 ottobre 2012

Questione di feeling.

Ammiro le persone che sono convinte di essere al di sopra di ogni errore, che sentono di avere l'animo pulito  e immune da comportamenti scorretti. Coloro che puntano il dito o che si sentono offesi per cose che non sono mai esistite.

La scorsa settimana vi ho accennato ad una telefonata intercorsa tra me e una vecchia amica, facente parte di una coppia che da tempo non frequentiamo più. Ci sono stati per così dire, dei quid pro quo, dei fraintendimenti da entrambe le parti e quindi per un lungo periodo ci siamo persi.
Riassumendo brevemente l'accaduto... per un periodo siamo usciti con questa coppia, con moltissime affinità con noi, per cui passavamo diverse serate insieme tra DVD e pizze casalinghe. Senza alcuna pretesa e senza strafare.
Poi un periodo buio per me, il lavoro di mio marito che lo obbligavano ad orari assurdi anche nel week end, qualche uscita con altri vecchi amici e improvvisamente ci siamo persi di vista.
Noi li abbiamo invitati ad una cena a casa nostra, e loro hanno rifiutato, avvalendo come scusa la nipotina da accudire. Poi li abbiamo invitati alla prima serata in un locale, e hanno rifiutato di nuovo. Poi è stata la volta del loro invito, un lunedì sera a ballare in un localino vicino casa, ma con mio marito che al mattino si alzava alle 5, ci era davvero impossibile muoverci.
E' bastato un niente perchè loro pensassero subito di essere stati scaricati a favore di vecchi amici con cui avevano avuto da ridire, che ci additassero come falsi e traditori e noi, che di questo non sapevamo nulla, abbiamo letto nel loro comportamento, che non volevano più uscire con noi, forse anche per gli amici che avevamo ripreso a frequentare.
Ma da quando un'amicizia ne deve escludere un'altra? Io non devo essere obbligata a scegliere di chi essere amica, vi pare? Se non vi vanno le nostre frequentazioni del venerdì... usciamo il sabato, cosa cambia.
Sta di fatto che a ottobre dello scorso anno, abbiamo scoperto che ci avevano anche cancellati da Face Book (sia chiaro, non che sia vitale, ma è abbastanza significativo!) e siamo rimasti abbastanza perplessi.

Di mio devo dire che sono una abbastanza spiccia, mio marito mi aveva detto che forse avevano frainteso qualcosa, ma io gli avevo risposto che dal momento che non avevamo fatto niente di male a nessuno, se avevano da dire qualcosa, avrebbero dovuto parlare e non cancellarci e non cagarci più senza spiegazioni. Ho pensato sinceramente, che anche loro avessero trovato di meglio da fare.

Poi lo scorso agosto abbiamo avuto modo di parlare con un'amica in comune e scopriamo così che sono offesi a morte per le nostre frequentazioni e che siamo stati delle merde perchè li abbiamo scaricati!!!!
La cosa mi ha sorpresa non poco, dal momento che in più di un'occasione avevamo tentato di coinvolgerli nelle nostre uscite di gruppo, sentendomi rispondere di no con un sacco di scuse.
Poi noi per un lungo periodo (che continua anche adesso off course) abbiamo smesso di uscire. Che sia per un fattore economico, che sia perchè io non sono stata bene, sta di fatto che passiamo moltissimo tempo da soli, o con gli zii di mio marito, o con i miei.... insomma, vita abbastanza isolata, considerato anche che con il gruppo non abbiamo davvero più nulla in comune. E' stata una scelta e va bene così.
E viene che la scorsa settimana mando un sms a R. chiedendole come va e da lì il chiarimento, con lei.
Ammetto che forse al loro posto avrei frainteso anche io (che noi non siamo senza peccato eh) ma che anche loro con l'atteggiamento tenuto hanno fatto si che anche noi fraintendessimo, che forse, se avessero parlato subito, tutto sto casino non sarebbe mai nato.
Lei mi dà ragione e mi dice che D. (suo marito) è un osso duro e che è rimasto troppo deluso. Ok, mi prendo l'impegno di chiamarlo e di dirgli quello che ho detto a lei. Poi, se ritiene che le spiegazioni, valgano l'amicizia, bene, altrimenti amici come prima (anzi no!).

Arriviamo quindi a ieri sera... provo a chiamarlo ma ha il telefono spendo, riproverò.... Nel frattempo trovo lei il chat (dopo averle chiesto io l'amicizia ovviamente) e mi dice che ha parlato col marito, ma che lui è molto molto deluso e che sarà difficile che di discosti dai suoi pensieri....

Ok.... ragioniamo un secondo..... in fin dei conti, che cazzo abbiamo fatto???? Io non mi sento nella posizione di dovergli chiedere scusa di nulla. Alla fine loro si sono comportati nello stesso modo, solo che io non mi sono mai sognata di levargli l'amicizia o di non rispondere ai messaggi e agli inviti.
D'accordo con me anche mio marito, che mi ha detto "Beh senti, che si cuocia nel suo brodo!!".
E ha ragione... io lo chiamerò, gli dirò che mai in nessun momento c'è stata la volontà di scaricarli, che mi spiace che ci siamo capiti male e fraintesi, ma punto. Io non devo chiedere scusa e perdono a nessuno, perchè non abbiamo fatto nulla!!!
Poi D. si è chiesto perchè ora mi sono fatta viva, che sicuramente è perchè il gruppo ci ha scaricati di nuovo. Certo, il gruppo ci ha scaricati.... ma molti mesi fa e di sicuro non sono tipa da andare a recuperare vecchi amici per solitudine. Ve lo dico chiaro.... io da sola sto benissimo e amici con cui parlare ne ho lo stesso. Uscire non usciamo quasi mai, quindi non vedo dove sia sta necessità.
Se mi sono fatta sentire (e vorrei sottolineare che l'ho fatto io, NON LORO, quindi potrei dire lo stesso) è perchè dopo la chiacchierata con l'amica in comune, mi scoccia passare per quella che "ha trovato di meglio e allora ci ha scaricati" perchè non è vero. Mi sono fatta sentire perchè mi dispiaceva che la pensassero così, per dar modo anche a loro di spiegarsi, di sicuro non per strisciare e chiedere scusa per una cosa mai successa.



Così resto sorpresa di come ci siano persone che non vedono ad una spanna dal naso, che si mettono in una posizione in cui sono convinti di avere ragione e che gli altri debbano chiedere scusa, quando loro per primi non sono immuni da errori.

A questo punto mi chiedo se ne valga la pena, o se sarebbe più giusto lasciarli sbollire, visto che io le nostre ragioni le ho dette a lei e sono a posto così.....

Strane creature....

Vs Libby

25 commenti:

  1. Per fare pace bisogna essere in due. Il primo passo lo hai fatto. Ora tocca aloro.
    Il nuovo Layout è bellissimo. Mi piace tanto.
    Vedi che stai cambiando qualcosa?
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffy, si il layout molto minimalista e ordinato fa per me in questo momento, e poi adoro le foto in bianco e nero...

      Che dirti, io sono contenta di essermi chiarita con lei, capisco anche che vorrebbe che suo marito fosse un po' più comprensivo e non sa come convincerlo. Io lo chiamerò, gli dirò le cose come le ho dette a lei, ma nulla più. Se vorrà accettare e capire bene, altrimenti non credo di dovermi scusare per una cosa che han fatto anche loro. Poi se l'amicizia ci sarà ancora bene, altrimenti non mi taglio di sicuro le vene.
      Diciamo che in questo frangente mi pare che lui faccia troppo il prezioso... però sai, ognuno vede le cose come meglio crede!

      Elimina
  2. Concordo con il commento sopra... tu hai fato il primo passo, hai spiegato le tue ragioni... io sono sempre dell'idea che andare in chiesa a dispetto dei santi è controproducente...........
    Ciao Libby... il tuo gatto è bellissimo....... ho visto le foto nel post di sotto.... io avrei voglia di prendermene uno, ma Cagnetto sicuramente non ci andrebbe molto d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo cosa mi dirò quando lo chiamerò, che detta tra noi, non ne ho moltissima voglia, proprio perchè ritengo che se la stia tirando eccessivamente.... poi che vuoi, sarà un'idea mia, ma non è nemmeno lui senza peccato!

      Il mio micione è un tesoro... quindi non ho avuto problemi a farlo convivere con altri cani e gatti, però sai, non sono tutti uguali!!!

      Elimina
  3. mah.. io vorrei solo chiarire la mia posizione, come te.. ma chiedere scusa de che? alla fine bene o male non vi siete capiti in due, capita, ma tutta sta delusione per sta cosa..insomma.. non e' che un po' la sta pompando?

    comunque io proverei a richiamarlo, senza ansia.. che a lei hai parlato, quando riesci lo fai pure con lui.

    buona settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è quello che farò, lo chiamerò per dire quello che ho detto a lei, anche se a voler essere pignoli, una volta che l'ho detto a lei.... che vogliono ancora? Ma voglio essere corretta e parlare anche con lui. Conoscendolo so già che farà l'offeso, ma non è mia intenzione chiedere scusa di nulla, solo di dirgli che ha frainteso e che in nessun momento c'è stata intenzione di scaricarli... poi oh, se vuol capire bene, altrimenti io ho fatto il mio dovere!

      Elimina
  4. mah.. io vorrei solo chiarire la mia posizione, come te.. ma chiedere scusa de che? alla fine bene o male non vi siete capiti in due, capita, ma tutta sta delusione per sta cosa..insomma.. non e' che un po' la sta pompando?

    comunque io proverei a richiamarlo, senza ansia.. che a lei hai parlato, quando riesci lo fai pure con lui.

    buona settimana :-)

    RispondiElimina
  5. Ma si, tu il tuo l'hai fatto. Hai parlato con lei, direi che può anche bastare...se aveva il telefono spento, troverà la tua chiamata persa, e se è interessato chiamerà...o non si parlano tra moglie e marito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo, lei gli ha riferito della nostra chiamata, ma a quanto pare lui non vuole saperne. Mi sento anche idiota a chiamarlo, in effetti io il mio passo l'ho fatto, ora dovrebbero essere loro a dirmi le eventuali perplessità. Io non devo pregare nessuno no?
      Voglio sentirmi a posto con la coscienza e magari lo richiamerò stasera.... ma poi la cosa finisce lì, io non prego nessuno che sia mio amico eh!

      Elimina
  6. Scenderà anche lui dal suo piedistallo prima o poi!!>_< odio queste situazioni: io per quieto vivere mi trovo tra le palle gente convinta di essersi comportata sempre solo bene, scappando dai confronti con la coda tra le gambe (ma venendo elogiata comunque)...'na rabbia>_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a volte penso seriamente di avere una visione sbagliata dell'amicizia, vedo intorno a me tutta gente che mi pare predichi acqua e beva vino. Allora immagino che non possano essere tutti loro sbagliati, magari sono io. E poi quanta ipocrisia, quanta...

      Elimina
  7. Io sarò spiccia... ma un "amico" così, meglio perderlo che trovarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sicuramente ragione, ma quando ho parlato con lei, non pensavo facesse tanto il prezioso, ora onestamente m'è anche passata la voglia di chiamarlo!

      Elimina
  8. Ma che età hanno questi? E soprattutto.....ma quanto buon tempo hanno questi???? Ma nella frenesia di una vita fatta di lavoro, casa, nella migliore delle ipotesi famiglia, in una vita fatta di incastri che neanche un puzzle questi hanno il tempo di farsi tutte ste paranoie??? Ci sono state delle incomprensioni? Bene! Si risolvono parlando e mi sembra che tu la tua parte l'abbia fatta eccome!!! Sicchè ha ragione tuo marito, che cuociano nel loro brodo e amen! A sto punto vale davvero la pena di avere amici così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace molto per lei, perchè con lei ci siamo chiarite e abbiamo entrambe capito che è stato proprio un fraintendersi, ma io non vado a pregare nessuno perchè sia mio amico. Tanto più che non ho fatto nulla di male. Come dicevo sopra, m'è anche passata la voglia di chiamarlo!

      Elimina
  9. Prima di tutto, complimenti per il nuovo layout del blog: mi piace molto! Secondo: a me sembra che voi non abbiate fatto nulla di diverso da quello che hanno fatto loro, con la differenza che poi voi vi siete messi in discussione, hai chiamato lei, ti ci sei confrontata, hai provato a chiamare lui.. direi che la vostra parte l'avete fatta, e anche abbondantemente, e direi pure che non avete ucciso nessuno, per cui non si spiega la chiusura di lui! Quindi io personalmente non farei altro, ora sta a loro fare un passo verso di voi.. se invece vogliono restarsene sul loro piedistallo facessero pure, voi vivete benissimo lo stesso, e con la coscienza pulita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... la penso allo stesso modo. lei mi ha chiesto se per favore chiamo lui, perchè lei da sola non riesce a convincerlo e a fargli capire che c'è stato sono un quid pro quo, ma io penso di non dover convincere nessuno della mia innocenza, se non ho fatto nulla di male. Quindi non so cosa farò, certo io credo dovrebbero essere loro a questo punto a dire "Beh parliamoci a quattr'occhi e vediamo!". Poi guarda sono stufa di rincorrere la gente....

      Elimina
  10. Il primo passo l'hai fatto Libby, infatti la tua amica ha capito e vi siete chiarite... se poi il marito ha ancora il dente avvelenato, tu non puoi certo insistere, lascialo pure nel suo brodo. Sei apposto con la coscienza, sei serena e quello che potevi fare l'hai fatto. Se questo è un osso duro, peggio per lui, non sei tu che chiudi, ma lui.. per cui salutalo!!! Queste persone che fanno i preziosi, che ostentano di essere superiori, mi fanno saltare i nervi, sei stata persino brava a cercare di contattarlo dopo il chiarimento con sua moglie... ora basta, la vita va avanti con o senza di loro!!! Non perderci altro tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più leggo i vostri commenti, più mi rendo conto che è così che la penso pure io... chi me lo fa fare di ripetere le cose a lui, che tanto parte già con la delusione e quindi la convinzione che siamo in torto?
      E poi guarda, non è periodo, ho solo problemi ultimamente.... di farmene altri non ne ho proprio voglia!

      Elimina
  11. hai fatto il primo passo, non devi certo strisciare ai loro piedi. E se finisce e non si recupera si vede che doveva finire così...se non quella ci sarebbe stata un'altra occasione...
    Se sono adulti dovrebbero comportarsi da tali, se invece non hanno nulla di meglio da fare che rimuginare..beh mi sembra che tu sia già abbastanza impegnata in altro;))
    ciao:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è un periodo facile per nessuno, ma che io mi faccia carico anche delle paturnie altrui è escluso.
      Volevo che capissero che non c'era stata intenzione da parte nostra... lei lo ha capito, lui si rifiuta anche solo di ascoltare.
      Eh allora ciao eh!!!!

      Elimina
  12. per me a loro non gliene frega una cippa di voi. Io non telefonerei PROPRIO dopo le parole di lei. tu non devo convincere NESSUNO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ho pensato la stessa cosa. Le persone che vogliono fare i martiri e le vittime per niente mi danno fastidio. Io ho mandato un messaggio, lei mi ha chiamata, ci siamo chiarite, se suo marito è sordo.... mi spiace ma non devo proprio convincere nessuno!

      Elimina
  13. ecco concordo con quanto detto da Chanel.
    Tu il primo passo l'hai fatto, non devi chiedere scusa a nessuno, perchè il fraintendimento è stato reciproco.
    Ora chiarito questo, il tipo in questione se ci tiene può farsi sentire, in fondo mi sembra che non abbiate ammazzato nessuno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, in effetti non abbiamo ucciso nessuno e non abbiamo fatto un torto mortale a nessuno, quindi mi sa che alla fine non chiamerò... che detto tra noi, se ci sono tutte ste difficoltà sei anche malfidente e non mi piace essere analizzata come una cavia solo perchè sei deluso....

      Elimina

Le vostre perle...