giovedì 4 ottobre 2012

Di nuovo a scuola...

Con ago e filo ho litigato fin dalla nascita, quindi quando comunicai a mia madre l'intenzione di fare un corso di cucito, rise fino alle lacrime.
Un po' deprimente in effetti, ma la decisione l'ho presa ancora a maggio, pagando una piccola quota per fermare il posto e attendendo fiduciosa l'arrivo della prima lezione.
Devo dire che col proseguire delle settimane mi sono un po' smontata e gli entusiasmi sono andati a farsi benedire, ma a volte bisogna farsi violenza e vedere un po' più in là. Trasformare un corso di taglio e cucito nel sogno di farmi una tenda o una tovaglia con le stoffe Ikea.

E' anche vero che dopo le prime risate di mia madre, ha aggiunto seria che non è che io non sappia cucire... semplicemente non ho mai avuto interesse ad imparare e nessuno mi ha mai insegnato come si fa.
Insomma, mi ha lasciato una speranza.

Sta di fatto che martedì sera, imbottita di antidolorifico, sono andata alla prima lezione. Onestamente mi aspettavo ci fossero donne più grandi, della mia età quanto meno, invece ho scoperto con orrore, che sono la più vecchia.
In tutto siamo in 6 del primo corso più una ragazza che sta facendo l'intermedio-ripasso, prima di partire con l'avanzato.
Il corso si svolge sotto il bar della Casa del Popolo del mio paese, a due passi due, da casa.
La stanza è illuminata bene anche se un po' angustia e direi anche piuttosto sporca, ma non ci siamo perse d'animo e armate di fazzolettini di carta, i miei, abbiamo pulito i tavoloni e ci siamo messe all'opera.

Per la prima lezione c'erano da portare alcune cose, tra cui matite rosse-blu...

...forbici da sarta, spilli, stecca da 60 cm, metro da sarta e carta per i carta modelli.

Essendo in mutua ho mandato il mio meraviglioso marito a fare i miei acquisti, è stato anche bravo, contando che non è sua materia, solo che non ha trovato la carta... 

Fortuna che al corso le ragazze si sono dimostrate gentili con me e io con loro ovviamente, e c'è stato uno scambio di stecche da 60 cm con carta e matite con temperini. Insomma una collaborazione.

Il corso iniziava alle 19.30 e ad essere presenti a quell'ora eravamo solo in tre. Alle 19.40 è arrivata una certa Paola, con cui ho lavorato quella sera e con molta calma, alle 20.10 sono arrivate altre due ragazzine. Appena uscita da scuola.... e indovinate che scuola? 
Si esatto, la scuola sartoriale, al che ci è venuta spontanea una domanda.... che cazzo siete venute a fare?
Alla domanda "Sapete cucire un pochino?" Paola, Silvia, Nelda ed io, abbiamo risposto "Assolutamente no...." mentre le due principesse han risposto "Un po' tanto...!".

Abbiamo iniziato dai cartamodelli per il busto e per la gonna, nemmeno tempo di iniziare le spiegazioni che le due principesse (di cui ignoro i nomi) avevano già finito il disegno, mentre noi cercavamo di capire da che parte mettere la squadra!!!

Mi è stato dato un compito per martedì, portare 10 kg di carta da sartoria, che potrò acquistare in un negozio vicino a dove lavoro.... peccato che io sia in mutua fino a domani sera.... e poi forse di nuovo da lunedì (ma questo è un altro post, oggi non si parla di ospedale eh!). Questi 10 kg di carta verranno poi divisi con le mie compagne di corso.

Poi abbiamo i compiti per casa.... ovviamente!
Tre cartamodelli del busto parte avanti e parte dietro. 
Uno con le nostre misure, prese durante la prima lezione lavorando a coppie;
Due con misure di altre due persone, quindi esercizio per prendere le misure. Ho così deciso che uno sarà mio marito e l'altra persona? Boooo.... potrei misurare la mia cuginetta che ieri ha compiuto 7 anni... così mi alleno anche per i capi da bambino!!!

Quello che ho imparato alla prima lezione:
- come prendere le misure del busto;
- come riportare le misure per fare il carta modello per il corpetto base davanti e dietro;
- come fare il carta modello di una gonna a tubino ad anfora e svasata;
- come calcolare e posizionare le piches doppie o singole in una gonna.

Impressioni?
Una figata!!!!

Vs Libby

46 commenti:

  1. Caspita!!!! Tra un po' oltre ai gioielli, farai anche i vestiti: il business si allarga!!!! :-) Le due principesse hanno soldi da buttare, mi sa, perché che senso ha fare un corso meno avanzato rispetto a quello che già sanno?? Boh, fate finta di niente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che mi sembrano con la puzza sotto il naso. Ma non fate un corso base per imparare a tenere in mano ago e filo, e guardate chi non lo sa fare come se fossero delle merde... Sono loro fuori posto, non noi!

      Elimina
    2. Non hanno un tubo da fare???? che poi che senso ha fare un corso base se sei da avanzato....per fare le sborone direbbe Bruce :-)

      Elimina
    3. Si e la cosa brutta è che ti guardano anche con superiorità... ma caspita, sarei pure io brava se avessi studiato per cinque anni per fare la sarta.... o no?

      Elimina
  2. SCUSA, a me di tutto il post ( che anche io ho pensato di fare un corso di taglio e cucito eh..) è rimasto il BAR DELLA CASA DEL POPOLO?????? MA come in Don Camillo e l'Onorevole Peppone?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo scrivere le stesso commento ahah

      Elimina
    2. Ahahahaahah.... si, si chiama proprio così Casa del Popolo e ha un baretto con una stanza sotto. Detta tra noi, a quell'ora è pieno di marocchini...

      Elimina
    3. Libby, se è la casa del popolo, intesa come lo era negli anni di Peppone e Camillo, chi meglio dei Marocchini è a casa propria? I "braccianti" sfruttati dal "padrone" oggi sono loro. ;)

      Elimina
    4. Beh si.... in effetti hai perfettamente ragione! Non c'avevo pensato! :-)

      Elimina
  3. Ti sento molto entusiasta...Sono contenta che ti sia trovata bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si bello bello. Martedì iniziamo con la stoffa.... sono gasatissima. Speriamo di stare bene e di poterlo fare fino in fondo!

      Elimina
  4. Uauhhhhhh!!!! così tra un po' ti ordinerò anche abiti, oltre che gioielli!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ahahaha... non ti conviene!! non so cosa potrei combinare!!!
    Però grazie della fiducia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai che già prima di cominciare perdi di autostima???????

      Elimina
    2. Perchè sono famosa per essere una brocca con ago e filo, ma ti annuncio che martedì inizierò la mia gonna a tubino ad anfora..... poi ve la mostro!!!!

      Elimina
    3. Non vedo l'ora!!!!!!!!!!!! e poi se nessuno ti ha mai insegnato............. comunque non puoi essere peggio di me: quando facevo le medie, ai miei tempi le femminucce avevano l'ora di "applicazioni tecniche" e mentre i maschietti ci davano dentro di traforo, a noi toccava imparare l'arte muliebre del cucito.
      Quando la mia prof vide quel che avevo fatto, semplicemente per attaccare un bordino, la sua espressione non me la dimenticherò mai..... ancora ora mi perseguita mentre mi appresto a riattaccare un bottone..........

      Elimina
    4. Ahahahh oddio cosa avevi combinato??? Beh io ancora non ho iniziato con le stoffe sono sono al cartamodello e qualche pasticcio lo combino. Però oggi ho provato a rifare il mio busto e quello di mio marito, più il davanti del tubino che mi serve per martedì..... vediamo!!

      Elimina
  6. brava brava brava! Ho imparato personalmente che mettersi delle sfide (a me la corsa e a te il cucito) è molto stimolante per l'umore. Ben fatto Libby!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro... sono sicura che qualcosa imparerò. Magari non a farmi i vestiti, ma anche solo fare un orlo per me è una conquista!

      Elimina
  7. Bene, sono contenta che ti piaccia il corso, almeno ti distrai. Normalmente se hai creatività e manualità riesci in queste cose. E tu sei una grande in materia!
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffaella sei davvero gentile. Sono curiosa di vedere cosa faremo martedì... mi pare di essere una bambina a Natale! Ahahah!

      Elimina
  8. Bello sentirti così entusiasta!!!!
    anch'io non so tenere in mano ago e filo (figurarsi la macchina da cucire), ma dev'essere bello, sono curiosissima su come proseguirà questo corso!
    E poi...su pinterest ci sono quintali di tutorial per fare cose carinissime!!!!!
    Smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti sono mesi che ne faccio raccolta.... vediamo cosa imparo a fare! Che poi la fantasia va allenata provando e riprovando!
      Baci

      Elimina
  9. tesoro se riesci a prendermi le misure del culone sarò la tua modella aggratiss :)
    bello leggerti così entusiasta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Che bello.... beh aspetta che io riesca a tenere in mano un ago e poi ce se prova!!!

      Elimina
  10. Bellissimo sentirti così entusiasta!!
    E ricorda che se fate la lezione sulle taglie forti, mi offro come modella XD

    RispondiElimina
  11. ecco...adesso non avrai mai + bisogno di me....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scherzi??? Aspetta che io inizi a usare ago e filo e magari la macchina e sarò il tuo incubo!!! :-D

      Elimina
  12. Io non so attaccare neanche un bottone...sono anni che mia madre ci prova ad iniziarmi all'arte di ago e filo, ma niente!!!Per fortuna ho una sorella sa sfruttare :):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ero come te. Poi sinceramente mi sono resa conto che trovare una sarta economica è un miraggio e ho un amore sconfinato per le stoffe e i bottoni. Non mi sono mai spiegata il perché. Non so se diventerò brava, ma almeno imparerò qualcosa no?

      Elimina
  13. ma che figata!! Posso scriverlo!
    Anche io vogliooooooooo!!
    Sono anni che cerco un corso così...anni!!

    Eh Marlene, mettiti in fila :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho cercato per diverso tempo a dire il vero. Su internet trovi tutte scuole da milioni di euro, ma a me interessava una cosa economica e breve, non troppo lussuosa. Questo corso lo organizza una ditta col Comune del mio paese.
      Si ecco... mettetevi in fila ahahahah!

      Elimina
    2. anche qui, o scuole che ti fan diventare Donatella Versace (e anche no), oppure c'è l'università delle libere età che tiene i corsi al mattino :-(
      Ma non mollo...

      Elimina
    3. E fai bene, prima o poi troverai qualcosa. Dovresti provare ad informarti nei negozi che vendono stoffe, magari loro sanno dove mandarti...

      Elimina
  14. Che bello!!!!!! Mi piace sentirti così entusiasta, al diavolo le principessine sul pisello (che mi sa che non lo vedono da un po' ehhehheheheh)!!!! Mmmmhhhhh mi stai facendo pentire quasi quasi di non averlo fatto a suo tempo......bè vorrà dire che qualche dritta me la darai tu!!! Io magari ti insegno a fare le pochette ehehheheheehhhe Un bacione ciccia bella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che si, quando vuoi. Più avanti ci insegnerà a fare gli abitini per i tati. Ti ho pensata, imparo e poi ti insegno ahahah!

      Elimina
  15. Troppo bello! Per il mio hobby mi servirebbe un sacco!:-) questo mi ricorda che dovrei imparare ad usare la mia macchina da cucire^^" tu impara bene che poi ti commissiono qualcosa un giorno:D

    RispondiElimina
  16. Ma è una cosa bellissima!
    Mia mamma sa cucire benissimo. Anche lei, ai suoi tempi, ha fatto la scuola per cucito, ma non mi ha mai insegnato nulla... E' piuttosto difficile guardando come lavora, ma mi affascina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che per il poco che so e che ho fatto, ci sono molte cose da tener presente e da ricordare. Non so cosa imparerò e cosa sarò in grado di fare alla fine, ma sono certa che un bagaglio in più lo porterò a casa.

      Elimina
  17. Io lo rifarei!!! Nel senso che ho fatto un corso di cucito anni fa, ma era organizzato male e sinceramente non mi ha preso come avrei preferito. Il corso consisteva nel fare una gonna svasata... l'ho fatta, pure larghina per i miei gusti... mai messa perchè mi cade appunto... ma avrei preferito un corso di "come sopravvivere con ago e filo"... della serie se devi accorciare dei pantaloni o le tende, se devi fare l'orlo, se devi rimettere un bottone, se rompi una cerniera... insomma avrei preferito un corso di pronto soccorso del cucito... spero che il tuo sia più interessante!! Ricordo che io ero la più giovane... l'età media era quella delle pensionate!! per cui c'è speranze che ritorni!! ciau

    RispondiElimina
  18. Ti farò sapere come sarà il proseguimento del corso. L'insegnante ci ha detto chiaro e tondo che se abbiamo delle cose da riparare a casa, cambiare una cerniera o fare un orlo, di portarle al corso che ci insegna, quindi oltre al programma in sé, c'è la possibilità di fare riparazioni direttamente sulle nostre cose e quindi imparare. Io credo sia un buon corso, poi sta a me imparare eh!

    RispondiElimina
  19. Sono contenta che il corso ti piaccia! Io sono negata a cucire, non so nemmeno attaccare un bottone... Ma anch'io non ho mai avuto nessuno che mi insegnasse, quando devo far riparare qualcosa chiedo aiuto alla nonna ;-)
    E, devo dire la verità, non ho molta voglia di imparare!!

    RispondiElimina
  20. Anche io anni fa ero come te, poi ho sentito l'esigenza di imparare, non tanto per farmi da vestire quanto per fare piccole cose che mi tornano utili e che dalla sarta mi costerebbero davvero troppo!

    RispondiElimina

Le vostre perle...