martedì 3 luglio 2012

Vi racconto e poi mi dite...

E' lunedì sera, ma ho deciso di preparare un post per domani, così da prendermi per tempo. Spesso ho parlato del mio lavoro e tutti sapete cosa ne penso. Qualcuna di voi, ha avuto la fortuna di sapere in presa diretta, le vicissitudini che lo caratterizzano, oggi, senza nessuna rabbia o rancore, voglio raccontarvi alcuni aneddoti, sono sicura vi divertiranno.

Aneddoto n. 1: la strana scomparsa della bolletta ENEL.

Quando arrivano i documenti in questo merdaviglioso posto, mi premuro subito di registrarli nello scadenziario (leggasi un quadernetto di due milioni di anni fa che perde i pezzi) e di riporle nel cassetto con scritto FATTURE Fornitori. Se ci si avvicina a fine mese, solitamente registro la fattura e la ripongo nella cartellina che poi verrà consegnata al commercialista.
La stessa sorte è toccata alla fattura di Enel, ma essendo, la cara malcapitata, in scadenza, ho ordine preciso di lasciare tutto bene in vista (voglio far notare che segno la scadenza in 3 calendari e nell'agenda del boss, evidenziato tutto in giallo).
All'inizio di questa settimana, come ben sapete, ero in malattia, rientro giovedì e mi viene detto, in modo conciso e scazzato, che devo mettere bene in vista i documenti che scadono e che non hanno trovato da nessuna parte la fattura di ENEL che a me risultava registrata.
Per scrupolo guardo in mezzo a tutte le mie carte, ma nulla e la cosa mi puzza, ma non potendo dimostrare la correttezza del mio operato, mi limito a dire che solitamente le cose in scadenza le lascio sopra alla scrivania.
Oggi, cercando un preventivo, trovo nella cartellina di un cliente, un tale Moldivo (nome di fantasia) srl, la fattura ENEL con tanto di bollettino.........
Non ho ancora avuto il piacere di far presente la cosa al Messia, ma non mancherò, infatti la fattura è esattamente dove l'ho trovata.
Ovvio che non ce l'ho messa io no?

Aneddoto n. 2: gli F24 si danno alla macchia.

Circa due mesi fa, lo studio paghe mi domanda di preparare tutti gli F24 dello scorso anno e quelli di gennaio e febbraio di quello in corso, essendo un lavoro che detesto fare, cerco di raccoglierli mano a mano che passano i mesi e di riporli in una cartellina, quindi, a parte gli ultimi due, avevo tutto pronto. Ho consegnato la cartellina alla Signora Messia e per me la cosa si era conclusa così.
Stamattina ricevo una telefonata dallo studio paghe che mi intima, anche in modo perentorio, di consegnare sti benedetti F24 e io, frastornata dalla richiesta (nella mia testa la cosa era archiviata da tempo), non ho saputo dare pronta risposta. Pochi minuti dopo mi torna in mente tutto e nel frattempo mi chiama anche la Signora Messia, dicendomi "Lo studio aspetta gli F24 che le hanno richiesto 2 mesi fa!", al che rispondo "...e che io ho consegnato a lei il giorno stesso!!!".
Casca dal pero... dopo averle ricordato il giorno preciso, le torna in mente, ma non ha idea di dove li abbia messi. Ovviamente la colpa è mia, che mi devo assicurare che le cose vadano a buon fine!!!

Aneddoto n. 3: Ognuno archivia come meglio crede!

Quando tre anni e mezzo fa, sono venuta a lavorare qui, ho trovato un disastro. Leggasi: fatture clienti e fornitori archiviate senza nessun criterio e tutte nello stesso raccoglitore, banca 1 e banca 2 nello stesso raccoglitore a casaccio, cartella preventivi inesistente e tutti i documenti in arrivo e uscita stipati in un unico cassetto. Ovviamente ogni volta che c'era da cercare un documento, ci si impiegavano giorni a sfogliare polverosi raccoglitori. Il mio primo lavoro infatti fu quello di ordinare dal 2007 al 2009, tutti i raccoglitori di banche, clienti e fornitori, facendo una stampa dei numeri protocollo per una più facile consultazione. Il secondo lavoro fu quello di predisporre un raccoglitore a cassetto, dove mettere tutti i DDT di trasporto, nostri e dei fornitori, separati e in ordine alfabetico. La cosa è durata una settimana, poi tutto è tornato come prima perchè loro si trovano meglio e io faccio solo casini.
Innumerevoli i ddt persi per questa ragione, ovviamente.
Ho predisposto un raccoglitore per i preventivi numerati, ma è durato un anno, poi ho scoperto che il Messia faceva preventivi senza dirmelo e si sballavano tutte le numerazioni.
Posso continuare, ma credo abbiate capito.

Aneddoto n. 4: gli altri han sempre ragione, io no!

Venerdì mattina rientra il boss da un incontro con il commercialista e mi porta subito a conoscenza che una delle ragazze che lavora presso l'ufficio, si è molto risentita perchè attendeva da diverso tempo (fine maggio) un documento che mi aveva richiesto e che IO non le ho mandato.
Ricordavo bene l'accaduto e ho detto al Messia che io quel documento lo avevo mandato via fax lo stesso giorno, ossia il 30 maggio. Lui mi risponde che no, non è vero perchè lei ha detto di non averlo ricevuto.
Allora... il fatto che una persona ti dica che non ha ricevuto un documento, in modo anche maleducato, non significa che la tua impiegata non abbia fatto il suo dovere, i motivi per cui il documento non è arrivato a destinazione, potrebbero essere centinaia. Tiro fuori il documento per fargli vedere l'ok del fax e mi liquida dicendo che sono io che mi devo arrangiare con ste cazzate, che lui è stufo di prendere parole per causa mia.
Stamattina chiamo la ragazza dello studio e le chiedo spiegazioni, lei mi risponde che non ha visto nulla, e al mio "guarda che ti ho spedito il documento il 30/5 alle ore 10.28" mi ha risposto che le colleghe forse non sapevano che era per lei. Allora dico io, prima di rompere i maroni per nulla informati no? Così le dico "Scusa, ci siamo parlate al telefono, ti ho detto che te lo avrei mandato subito, se dopo due mesi ancora non ce l'hai, prima di andare dal mio titolare a dire che non ti ho mandato niente, non facevi prima a chiamare?".
Troppo difficile!

Anrddoto n. 5: i pagamenti fantasma!

Ritorna protagonista lo scadenziario a mano, quello dell'era antidiluviana, dove in ordine (ordine?) di numero e data, vengono segnate tutte le fatture dei clienti e fornitori, con relative scadenze. Mano a mano che vengono saldate o incassate, vengono cancellate e segnate a fianco con PAGATO. Questo in teoria, perchè dal 2009 è così, prima mi risulta ci sia solo una infinita lista di dati, numeri e importi e nessuno di loro risulta pagato, tranne qualche sporadico caso.
Dieci giorni fa, ricevo da un fornitore un estratto conto, dove risultano da pagare 3 fatture. Una di 600 e rotti euro del 2007, una di 123 euro del 2008 e una di aprile del 2012. Effettivamente, quest'ultima era l'unica che mi risultava ancora da saldare.
Faccio una ricerca nel casino disumano degli incartamenti vecchi di anni, anni in cui io non c'ero, e scopro che la fattura del 2007 è stata pagata con un assegno (così è scritto sullo scadenziario) che però non risulta essere mai stato incassato, quella del 2008, porta a fianco un pagato, ma senza che ci sia specificato in che modo e io da nessuna parte trovo il pagamento. Ergo... se fosse stata pagata per cassa, nessuno lo avrebbe mai segnato, infatti il commercialista mi dice che a lui risulta ancora aperta!!!!
Ovviamente sta a me risolvere il problema.
Questo è solo UN esempio dei tanti che potrei fare del genere, ma mi è stato spesso ripetuto che loro stavano tanto meglio quando io non c'ero, e meno male!!

Alla luce di questi piccoli aneddoti, successi in un paio di giorni, vorrei che provaste ad immaginare cosa può essere successo in tre anni e mezzo......

Lo so, adesso capite perchè sono così fuori!!!

Buon martedì bamboline.



19 commenti:

  1. In realtà volevo commentare il post sotto rispondendo alla tua domanda con un: 'in mezzo al bosco!'...tanto x riprendere il mio ultimo post in maniera simpa.

    A questo tuo ultimo scritto potrei solo dirti di cambiare lavoro, ma tu mi insulteresti, e fa troppo caldo e io non sto dormendo, e allora non commento.

    Ah, no, ecco bello specifico come voglio la mia prossima casa: COL CONDIZIONATORE!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora hai deciso di andare a vivere in quella simpatica casetta di cui mi parlavi quando ci siamo viste? Si lo so... adesso stai tu insultando me!!! Ahahaahh!
      Cambiare lavoro.... si si anche adesso, se solo fossi sicura che mio marito non perde il suo, trovo davvero difficile mangiare senza entrate... un po' come adesso comunque!!

      Elimina
    2. NO
      NO
      E POI NO
      era x farti ridere.....

      Elimina
  2. Mi fai venire in mente quando mi sono ritrovata anni fa a gestire l'ufficio di un'impresa edile di cui conoscevo il titolare da tempo immemore e che era cliente nostro quando io e mio padre lavoravamo insieme. Mi sono trovata catapultata in un marasma in cui non vedevo il fondo, le cose che tu hai narrato erano all'ordine del giorno. Ho dovuto ricostruire le storie di innumerevoli clienti e fornitori di cui si erano persi documenti.. pagamenti..... dati....... era un incubo...........
    quando mio marito mi ha chiesto di venire a lavorare con lui e io correttamente l'ho comunicato al capo, sembrava che non vedesse l'ora che me ne andassi......... salvo poi dopo qualche mese venire a cercarmi per chiedere se avrei potuto tornare sui miei passi, e diceva in giro che senza di me le cose in ufficio stavano andando a catafascio, e quando l'impiegata che aveva preso il mio posto (che tra le altre cose è pure sua nipote) mi ha chiesto se potevo sostituirla nel periodo di assenza per maternità......... eggià....... troppo tardi si rendono conto del valore delle persone che lavorano per loro ........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la speranza che un giorno possa pensare (che dire, non lo dirà mai) che con me, per quanto casinara e isterica, si trovava decisamente meglio. Lui sa che è così, ma non lo ammetterà mai. Ma un giorno, sentirà la mia mancanza.... si si!

      Elimina
  3. Quanto mi fanno arrabbiare certi comportamenti. L'arroganza di certe persone che pensano che " ti danno lavoro" e si possono permettere di tutto. Purtoppo è ancora molto diffusa questa mentalità. Mi immagino il tipo, spocchioso, basseto e grassoccio, che non sa usare un pc, che fa della maleducazione il suo potere perchè lui può, che sbaglia le frasi in italiano. Ne ho visti, tutti uguali. Ah, che odiano le donne, pure. Odio sta gente. Come ho scritto già,bifolchi si nasce e ci si rimane anche.
    Tieni botta e sdrammatizza. Pensa la faccia se sapesse come lo umili pubblicamente!
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma.... tu conosci il Messia? No perchè lo hai descritto alla perfezione, anche fisicamente ahahahahah! Lui non odia le donne, no, ma pensa che siano inferiori e in quanto tali vanno pagate poco e male e vanno comandate come fossero dei cani. Quello si.... oggi la nuova scusa per la mia paga che ancora non è stata fatta, è che la banca si è persa il bonifico!!!

      Elimina
  4. Io ti farei santa subito giuro!!! Io non so se al posto tuo sarei resistita così tanto giuro, come minimo avrei fatto un esaurimento nervoso.
    Anche io quando sono arrivata in questa azienza ho preso in mano tutto da zero, in effetti prima che arrivassi io non esisteva un vero e proprio ufficio commerciale. Sicchè io ed il mio collega abbiamo creato procedure, archivi e modi di gestire tutti nostri che ancora oggi vanno avanti e sono stati portati da esempio anche nelle altre filiali. E troviamo tutto quando serve soprattutto!!! Ma per questo lavoro siamo stati lodati e non schiacciati e umiliati. Per carità non che qui siano larghi di manica con le lodi specie negli ultimi anni, a volte ho l'impressione che non ti dicano mai che le cose vanno bene per paura che tu chieda un aumento e preferiscono tenere la gente "sotto" anzichè dargli la possibilità e la voglia di crescere però perlomeno certe cose non si permettono di dircele neanche per sogno!!! Ti abbraccio forte e ti auguro con tutto il mio cuore di trovare qualcosa di meglio che quella maledetta ditta, dove si accorgeranno troppo tardi di quanto hanno perso non valorizzando il tuo lavoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vorrei aggiungere che oggi, 3 luglio, non ho ancora visto la paga e sono l'unica qui dentro.... comincio a pensare che sia un messaggio chiaro, un invito a prendere la porta e andarmene. E' quello che farò domani se non vedo il mio bonifico. Ma che scherziamo????

      Elimina
  5. Direi che la situazione è allucinante, ma la cosa che mi fa più arrabbiare (e che mi farebbe più arrabbiare se fossi al tuo posto!) è che lui non si fida di te!! Cioè, se una pincopallina qualunque gli dice che tu non hai fatto una cosa, lui dà per scontato che sia vero e se la prende con te, anziché dare per assodato il contrario, visto che tu sei la sua impiegata e dovrebbe esistere un rapporto di fiducia.. mah... Comunque anche il mio capo, che è fantastico e lo sai che sono fortunata, deve essere seguito, per cui, se ad esempio gli mando una mail con qualcosa che mi ha chiesto, poi mi devo accertare che l'abbia a) ricevuta, b) letta, c) fatta sua, d) eventualmente girata a chi di dovere.. mentre io sarei portata a mandarla e poi considerarla chiusa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non è affatto consolante, ma fa così con tutti. I miei colleghi ce l'hanno a morte per questo motivo, ogni volta che uno qualsiasi gli fa notare una nostra mancanza (vera o presunta) lui viene in ditta accusando tutti di essere degli incapaci, quando poi vien fuori che non era vero nulla, non si degna mai di chiedere scusa!
      Non si fida di nessuno e più di una volta gli è stato detto di lavorare da solo!!!!

      Elimina
    2. mi sembra di vedere il mio ex datore di lavoro, ogni volta che in qualche spedizione non andava qualcosa doveva essere colpa nostra, mai del cliente impedito, come poi nel 90% dei casi era... pensa che una volta ho dovuto spiegargli peso x peso (lavoravo nel settore alimentare) come avevo lavorato, poi gli suggerii cosa il cliente idiota non aveva capito e, dopo un pomeriggio di prove alla bilancia, anche lui capì dove stava il problema e potè suggerire al tipo che la sua bilancia era starata....per quello tutti i pesi non tornavano (guarda caso) tutti di 600gr...
      ma x principio, io avevo sbagliato a pesare una decina di prodotti...

      Elimina
  6. Ma che gente assurda!!
    Mi dispiace che ti tocchi lavorarci...

    RispondiElimina
  7. Non ho idea di come tu faccia a rimanere ancora lì!

    RispondiElimina
  8. Come ti capisco.... a me viene la depressione ogni mattina quando suona la sveglia dal lunedì al venerdì....

    RispondiElimina

Le vostre perle...