lunedì 30 luglio 2012

La verità dell'acqua.

Ieri sono stata qui, in questo posto (vedi foto).
Non fatevi ingannare... non siamo al lago o al mare, siamo sotto le montagne e l'acqua è a 5 - 6°, non di più. Come la gente abbia il coraggio di fare il bagno, proprio non lo so! Io giusto i piedi, mentre orde di bambini con le labbra viola, sguazzavano come anguille.

Questo è il fiume Astico, che in questo punto è solamente un torrente che in certi punti forma pozze adatte ai bagni, per i più coraggiosi. Per la maggior parte dell'estate l'Astico è poco più che un torrente, che poi si allarga fino a diventare un vero e proprio fiume, impetuoso alle prime piogge.
In questo punto, e per molti chilometri, l'acqua arriva poco meno che al ginocchio ed è costellata da grandi pietre che la gente usa a mo' di lettino prendisole!
Siamo completamente immersi nella natura (Pink, ti ho pensata ieri, ho pure detto a mio marito "La Pink qui avrebbe già dato di matto e sarebbe fuggita a cavallo di un tacco 12!" ahahahh) sotto le montagne, circondati  da animali, pesciolini e zanzare!


Stare seduti nel bel mezzo del letto del fiume, su un sasso abbastanza capiente da contenere il mio di dietro (a proposito, tra sabato sera e domenica tre donne mi han detto che sono grassa: mia madre, mia suocera e la mia seconda mamma!!! Ora.... dovrei preoccuparmi vero?) ha un che di illuminante, nel senso che l'aqua, qualsiasi sia la fonte, mi chiarisce le idee, o meglio, mi fa nascere pensieri e verità che in un'altra circostanza non avresti mai ammesso, nemmeno a te stessa.
Che poi non abbia soluzioni per questi stati d'animo, non si può certo incolpare un fiume no?


Osservando il pelo dell'acqua, dove si rifletteva il versante della montagna, dove gli alberi parevano fotografarsi e le rocce sdoppiarsi, piccoli insetti si posavano formando cerchi concentrici, che da lontano parevano piccole gocce di pioggia. 
E poi nuvole di pesciolini quasi trasparenti, mentre l'acqua cristallina lambiva i miei piedi ormai ghiacciati. 
Vi assicuro che con 40°, quell'acqua è un toccasana!

Alla fine di una giornata rilassante, riposante e, come piace a me, completamente immersa nel verde, sono tornata a casa amareggiata e forse più confusa di prima. 
Le acque chete non mi hanno dato le risposte, forse perchè non ho posto le giuste domande, ma in compenso mi ha dato degli spunti su cui riflettere, mi hanno raccontato verità scomode e shockanti su cui lavorare. Mi hanno fatto capire quanto io sia cambiata a causa dei fallimenti e della quasi totale assenza di autostima....

Come ha detto mio marito ieri, una volta, io brillavo!

Libby




19 commenti:

  1. Mi piace il posto dove sei andata...io ho fatto in passato il bagno nel Piave e nel Cordevole (ora non è il caso!!)....comunque, cara Libby, puoi brillare ancora.....!!!!! ti lascio un abbraccione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che coraggiosa, io arrivo a sguazzare fino alle ginocchia, non oltre... troppo freddo!
      Ti ringrazio, forse è vero anche se per ora non ci credo molto!
      :-)

      Elimina
  2. Ma come sono poi quelle tre gentili signore che ti hanno detto che sei grassa?????????
    Sai che io ho passato un periodo come il tuo proprio più o meno alla tua età........ facevo bilanci della mia vita e il saldo che ne veniva fuori non piaceva proprio, non c'era verso, era sempre negativo.
    Poi così come è iniziato, così è finito... a forza di avere intorno gente che mi diceva quanto ero brava in tutto, alla fine sono arrivata a crederci, che nessuno mi stava prendendo per il ciul...... ero, sono davvero brava..... e soprattutto ora non lo devo più dimostrare a nessuno, e soprattutto a me stessa.
    Lo so non è mica facile, certe cose non vengono dall'oggi al domani, me se c'è qualcuno vicino a te che ti dice quanto sei brava, quanto sei bella, quanto sei buona, gentile.. alla fine non puoi continuare a pensare che non è vero....... alla fine ti devi fidare, e allora nasce questa nuova consapevolezza di se stessi.......e le cose appaiono nella loro vera essenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La differenza tra il tuo periodo e il mio... è che nel mio c'è la totale assenza di chi mi dice che sono brava, bella e simpatica. Io ero brava, bella mai stata a dire il vero e la cosa non mi preoccupava e non mi preoccupa affatto, simpatica magari lo ero, lo sono, chi lo sa. Il punto è che io ho sempre saputo il mio potenziale, ma forse mi sono illusa e non era così pieno di energia come pensavo io. C'è un disordine continuo, dalla casa all'alimentazione, passando per tutto il resto delle cose della vita. Il frequentare gente che ti fa sentire un'inetta qualsiasi cosa fai, frequentare gli amici che chiamano solo se han bisogno di favori, guardarsi allo specchio e rendersi conto che non hai più 20 anni. Che poi non li vorrei nemmeno i 20 anni, vorrei l'energia che avevo all'ora, convinta di poter fare mille cose. Invece so cosa non voglio ma non ho la più pallida idea di quello che voglio fare invece!!!

      Elimina
    2. Sei in pieno marasma e non senti e non ascolti chi ti sta vicino e ti vuole bene.........
      La nostra vita, la mia, la tua, quella di chiunque è fatta così: momenti felici e momenti un po' così..... non vedi nulla di bello e di positivo intorno a te, pensi che sia colpa tua, che sei tu inadeguata, e invece non ti rendi conto che le circostanze a volte ci rendono più vulnerabili di fronte alle difficoltà, o anche solo alla noia di una vita fatta di routine che non ti da soddisfazioni, o che non ti da quelle che vorresti tu. Non ti dico di reagire, che tanto non servirebbe a nulla, se non sei tu che ti rendi conto delle cose come stanno e non trovi in te stessa la forza di vedere quanto di positivo hai intorno, potrei parlare per ore e non servirebbe a nulla.......

      Elimina
  3. simpatiche a dirti che sei grassa eh!!!:)) il posto e' bellissimo ....!!!!! per il resto, non so cosa dire, perche' capisco anche il sentirsi male se le cose non vanno come dovrebbero...
    Godersi la natura e' a mio avviso un modo per mettersi in pace con noi stessi e capire quanto piccoli ed inutili siamo di fronte a lei che, non appena vuole, si risveglia e ci ricorda che può spazzarci via in un secondo (mi viene in mente il terremoto che abbiamo vissuto da poco qua in emilia) . Io prima non la amavo-non amavo i luoghi naturali-, ultimamente invece mi rendo conto di quanto bella e perfetta sia e di quanto noi uomini "civili" abbiamo in realtà bisogno di un po' di verde, di starne a contatto, per ritrovare la nostra parte selvaggia che spesso dimentichiamo dietro etichette e cose che "si devono fare": il mio sogno e' andare a vivere in un paesino un po' defilato dove se posso posso passeggiare nel verde. Ecco, magari in questo momento di "non brillio" riparti da lì, datti pace e mettiti in contatto con lo spirito selvaggio, segui i tuoi desideri profondi, cosa vuoi davvero, il tuo "te" più intimo e capendo cosa la tua anima vuole forse ti risveglierai da questo torpore, seguendo quello che davvero dentro di te desideri fare. La "donna selvaggia" che Clarissa Pinkola Estes tratteggia nel suo libro Donne che corrono coi lupi riparte da lì, dal suo stomaco e dal suo ventre, e segue solo quello che loro le indicano. Se vuoi, puoi leggere quel libro che secondo me potrà darti molte risposte. Probabilmente non sei centrata su te stessa, su quello che davvero desideri, per essere così insoddisfatta. Scusami se mi sono dilungata libby:) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, figurati... nessun disturbo per il commento lungo! Sai qual'è il mio problema? Io so cosa non voglio assolutamente, ma quello che voglio non lo so proprio. Ho troppe idee che mi sembrano solo vie di fuga per scappare da qui, dallo stato d'animo e dal malessere, però se mi chiedi quello che voglio.... beh, ti direi una lista di cose non praticabili e tutte diversissime tra loro. Nessuna equilibrata, nessuna realizzabile. Mio marito ogni tanto mi dice che avrei bisogno di stare a casa 2/3 mesi per riprendermi e solo allora, capire cosa voglio fare. Peccato che io non possa prendermi sti 2/3 mesi!!!
      Grazie per il suggerimento letterario, magari lo leggerò!
      :-D

      Elimina
    2. E' un libro impegnativo ma a me e anche ad altre amiche ha cambiato la visione delle cose... :) qualcosa con gli animali ti farebbe bene, io non mi abbatterei così rispetto al "fallimento" del corso di toelettatura, guardati intorno ancora :)

      Elimina
    3. Dovrei spiegarti delle cose perchè tu possa capire... magari ti scrivo in privato! :-D

      Elimina
  4. Che belli questi posti mamma mia!!!!! Meraviglia davvero!!!! Per i tuoi pensieri davvero non so che dirti, come ti ho ripetuto varie volte io credo che tu sia di una forza pazzesca, nonostante i "fallimenti" (che per me fallimenti tuoi non sono), nonostante le avversità tu hai sempre la forza di rialzarti, di guardare avanti e di avere fiducia nel futuro, pertanto dovresti essere assolutamente fiera di te stessa ed invece tu ti abbassi di continuo, non credi in te. Io sono sicura che tornerai a brillare come un tempo, voglio crederci fortemente. Non so che risposte ti abbia dato l'acqua ma se sono contro di te ha pienamente torto!!! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, l'acqua non ti da mai risposte contro, solo che ti fa vedere più chiaro e più lontano, poi sta a te aggiustare quello che hai visto e che non ti piace.
      Ti ringrazio per la fiducia, che almeno ne abbia un pochina tu, visto che io non ne ho! :-D

      Elimina
  5. Il posto, nonostante l'acqua gelida, mi sembra veramente bello e un pò di refrigerio fa sempre bene, così come un pò di tintarella :-)
    Per le tre donne non ho parole, perchè sicuramente te l'avranno detto con ottimi intenti, ma un pò di tatto non farebbe comunque male.
    Per quanto riguarda infonderti autostima, è quello che io cerco sempre di fare con te, perchè tutte le sfighe nere che ti senti addosso, anche se sicuramente ci sono, possono però anche essere superate. Il problema è che, come ti ha detto anche Giliola, ora potremmo parlare per ore, dirti mille cose, ma tu non le senti.
    Devi uscire da questo stato negativo e tornare a capire che i problemi ci saranno sempre, ma si può andare avanti, si può tornare a brillare. Com'eri con quell'abito rosso? veramente bella e luminosa. E lo puoi essere con qualsiasi altra cosa....e questo è solo uno dei tanti motivi per non abbatterti. ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anto, lo so che tu, come altre persone, mi dite le cose per il mio bene, so anche che non recepisco quasi nulla. Il punto è che non so cosa voglio e come voglio fare, so solo quello che mi rende infelice. E poi l'acqua mi racconta e mi fa vedere, mi chiarisce fino ad un certo punto e poi il resto devo farlo io... mi sa che sono impazzita ed ho bisogno di ferie.
      Con chiunque io parli (e non lo faccio quasi mai) mi dà alcuni suggerimenti, ma quando racconto loro lo stato delle cose, scuotono la testa dicendo "beh si in effetti... non puoi....!". Possono esserci le idee e i desideri, ma se non ci sono i mezzi per realizzarli, non resta altro che stare fermi.

      Elimina
  6. sono molto d'accordo con quanto detto da Marta, nei momenti difficili fermarsi in mezzo alla natura aiuta. A volte anche solo a far scendere quelle lacrime represse o ammettere l'insoddisfazione che proviamo. Il primo passo per risolvere i problemi è identificarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah se è per questo il mio grosso problema l'ho identificato da anni ormai, il non poterlo risolvere in nessun modo è un altro par di maniche!!!

      Elimina
  7. Caspita che bel posto!!! E in quell'acqua così gelida non avrei messo neanche un dito, nonostante il caldo!!! Per quanto riguarda il brillare, prescinde dagli altri: tu brillerai di nuovo solo quando lo deciderai tu, e puoi farlo eccome, perché hai tutte le carte in regola!! E sai perché ti hanno detto che sei grassa (carine....)?? Perché non ti vuoi abbastanza bene, perché ti senti grassa e gli altri ti vedono così! Prova a sentire che puoi brillare, prova a crederci davvero ed accadrà, e lo vedrai tu e lo vedranno gli altri!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, chiarisco... non sono grassa... sono ingrassata, che è diverso. Le persone sono state abituate a vedermi un chiodo per 36 anni, 50 kg scarsi per un metro e 70. Adesso ho messo su peso, 12 kg per essere precisi e si vede. Inutile che dica di no. Non mi piaccio no, perchè sono diversa da come mi sono sempre vista, ma per cambiare, per vedermi meglio, dovrei muovermi, in tutti i sensi della parola, ma non ne ho voglia! Tutto qui!!

      Elimina
  8. Ah, che colpo al cuore! Anche io brillavo una volta :_(

    RispondiElimina
  9. Questo ti fa render conto che ora non brilli più! E' questo il vero colpo al cuore!

    RispondiElimina

Le vostre perle...