giovedì 19 luglio 2012

Il covo degli ignoranti

Quando un tempo ero sposata con ExM, mi odiava quando passavo le ore libere con un libro in mano. Non in mano per bellezza o vezzo, in mano perchè leggevo.
Alzava la voce se si tardava a cenare e mi ripeteva "Chei libri te i bruso...." (Tradotto: "Quei libri te li brucio!") a cui rispondevo "Leggi, ignorante!!".
La cosa che mi ha sconvolta sempre e per sempre della famiglia del mio ex marito, era la totale assenza di libri. Con due fratelli e una sorella, e ovviamente i genitori, si arrivata ad un totale di 4 case e 11 persone, esclusi noi ovviamente, nessuno leggeva, non ho visto un libro che sia uno in 11 anni di frequentazione.
La cosa mi sconvolgeva non poco e mi chiedevo come potessero vivere senza libri. Non parlo di tomi sui trattati di pace o libri storici o scientifici, bastava anche un romanzo piccolo piccolo. Niente.

Ricordo quando ho preteso di avere una libreria, grande, enorme, piena di scaffali da rimpinzare con i miei volumi. Mia cognata la guardava mentre la pulivo, appena montata in salotto e mi chiese "Scusa ma.... a cosa ti serve?" io dalla scala le feci un sorriso e le dissi "E' una libreria..." e lei "Si lo vedo, ma a cosa ti serve??".... "Beh, a metterci i libri....!". Il suo viso era una colata di cera sconvolta, pareva quasi le mancasse la voce. Dopo un attimo di silenzio mi disse "A ma perchè ne hai?".

Non solo ne ho, cara cognata, li leggo anche, non trovi la cosa sconvolgente????

Nel giro di un anno la libreria era piena per metà, decine e decine di libri di tutti i tipi che facevano bella mostra, in fila per genere o per autore.

Una domenica a pranzo da mia suocera, mi imbattei in una conversazione che mi lasciò arida come il deserto, arida di parole ovviamente.
Non so come venne fuori il discorso dello spazio in casa, io ne avevo davvero tanto, la casa era enorme e l'avevo gestita in modo egregio. Mia suocera se ne uscì con la frase che "Quei libri sono uno spreco di spazio... non servono e fanno solo polvere." le risposi che a me piaceva leggere e che leggevo ogni momento libero che avevo, i libri non sono mai uno spreco di spazio. Lei mi disse che una donna che ha tempo libero per quelle cavolate, non è una buona moglie.... in quel momento capii perchè suo figlio era tanto idiota!!
Mia cognata, che mi dava sempre e comunque ragione, mi difese, dicendo che lei non avrebbe mai occupato lo spazio con dei libri, ma che se a me piaceva leggere perchè no?
Da lì nacque un lungo discorso fra loro dell'inutilità di leggere storie inventate o anche storie del passato, che non serviva a nulla. Io sinceramente non partecipai alla conversazione.... cosa si può dire a certa gente?

Diversi mesi dopo successe una cosa che attirò su di me le antipatie di parte dell'allegra famiglia. Eravamo in cantina tutti insieme a sistemare della carne nelle rispettive celle frigorifere (la famiglia del mio ex aveva una fattoria, quindi carne a volontà). Ogni sacchetto veniva etichettato con data, quantità e nome del taglio di carne. 1 arrosto 12.09.06, 1 spezzatino 12.09.06, 2 bracciole 12.09.06..... rilessi Bracciole....
"Scusa.... bracciole con due C?" chiesi a mio marito....
"Embè?"
"Guarda che braciole va con una sola C...."
Undici persone mi guardarono come fossi un'aliena, 3 delle quali cominciarono a ridere sguaiatamente. La sorella di mio marito mi disse "Che ignoranteeeee..... tutti i tuoi libri a cosa ti servono se non sai nemmeno come si scrive Bracciole!!! Ahahahaah!". Non potevo credere alle mie orecchie...
Le dissi "Scusa... sai da cosa deriva la parola Braciola? Da braci.... brace... o tu a casa tua fai le Bracci per cucinare????!"
A qualcuno venne un dubbio, ma lei, uguale alla strega di sua madre, insistette incalzando anche il fratello a prendermi per il culo.
Non dissi una parola, girai sui tacchi, salii al piano superiore, presi un libro di cucina, cercai la ricetta che m'interessava e una volta al piano di sotto, lanciai letteralmente il libro aperto in mezzo al macinato aperto sulla pagina giusta e le dissi "Bene, intelligentona, adesso trovami dove c'è scritto braciole con due C!! Non vi azzardate mai più a darmi dell'ignorante, tutti voi messi insieme non avete letto manco mezzo libro, tutti voi messi insieme non sapete nemmeno un quarto di quello che so io sulla grammatica, quindi silenzio.....!".
Ripresi il mio libro e me ne tornai in casa, lasciandoli parlar male di quella squilibrata della nuora/cognata/moglie, che aveva la fissa per i libri.....


Ci sono persone a cui non piace leggere, che occupano il loro tempo a fare altro, capita anche a me di non avere tempo o voglia. Le persone che non leggono sono per me creature incomprensibili, che non danno cibo alla loro mente e alla loro cultura, ma per carità, siamo in un mondo apparentemente libero.
Ma una cosa che non ho mai digerito e non digerirò mai, è come le persone veramente ignoranti, e la storia che vi ho appena raccontato lo dimostra, siano convinte di sapere tutto e di essere sempre nel giusto. Sono le stesse che si permettono di giudicare senza sapere una mazza e io davvero non le sopporto.
Non sono la persona più colta del mondo, non leggo libri storici o di letteratura importante come so che fanno alcune di voi, ma leggo. Leggo perchè mi piace, perchè è un modo per andar lontano con la mente.
E non sono sempre stata un'amante della lettura, anzi, quando a scuola eri obbligato a leggere cose che mi facevano pietà lo facevo, ma lo odiavo. Quando ho scoperto che potevo leggere anche quello che piaceva a me, che non tutti i libri erano mattoni pesanti e noiosi e che io POTEVO scegliere le cose da leggere, mi si è aperto un mondo.....

Ora mi domando.... come avrà fatto il mio ExM ad arrivare a 36 anni senza mai prendere in mano un libro?

Ahahahaahah!

Vs Libby


42 commenti:

  1. Una cosa a cui presto attenzione quando entro in casa di qualcuno è la presenza o meno di libri (e anche di dischi).
    E quando mi capita (per fortuna raramente) di non vederne, la cosa non mi piace affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche io faccio caso a questa cosa. E mi capita anche di vivere la cosa opposta, gente che viene a trovarmi e vedendo la mia libreria mi domanda "Ma li hai letti tutti o sono lì per bellezza?".... ecco da sta cosa se ne capiscono molte altre secondo me!

      Elimina
    2. Ah ah ah! E certo, per bellezza! che almeno, a differenza dei fiori, non li devi bagnare! :)

      Elimina
  2. Che dire mia cara Libby? meno male che sei uscita da quel covo di ignoranti...lasciamoli nelle loro convinzioni.
    Io resto sempre dell'idea che ogni libro letto è un sapere in più e non è certo tempo sprecato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma in questo caso, sapendo di chi stiamo parlando.... mi chiedo sinceramente l'acculturata della nuova moglie di ExM, come si trovi.... non che la cosa m'interessi eh, solo che da quel che so, lei è peggio di me!!!

      Elimina
    2. SAI CHE CI HO PENSATO ANCH'IO?

      Elimina
  3. Io ho la mia bella libreria in salotto.. In cameretta..dei libri sul cassettone in camera mia.. Un portariviste..ehm.. Ok mi fermo :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho la casa abbastanza contenuta, quindi abbiamo una libreria stracolma... e basta. Due scatoloni sono in garage perchè proprio non ho altro posto. Stavo pensando di far mettere delle mensole sopra le porte in corridoio.... tanto da guadagnare spazio..... che io non è che ho smesso di leggere eh!!!

      Elimina
  4. E arriverà anche oltre!!! io in casa ne ho uno che pure lui vede come tempo perso il tempo passato a leggere..... e s'è sposato una laureata in lingua e letteratura italiana!!!!!! pensa un po'!!!!!!! in casa mia lo spazio per i libri è sacro: tre librerie nel salone, una stipata con i volumi messi in doppia fila nello studio, un'altra in camera da letto... e quelli che non mi ci stanno.... sono a casa dei miei........ ora ho problemi alla vista, gli occhi mi si stancano in fretta, ma leggere è sempre stata e sempre sarà la mia passione, e il mio sogno è quello di poter passare ogni tanto un'intera giornata con un libro in mano!!!!!!!!!
    E nemmeno io capisco come mio marito, con tutta l'intelligenza che ha, non apprezzi la lettura allo stesso modo........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio marito non legge moltissimi libri, ne legge eh, ma non come me. Lui però è appassionato di tutto e tutto lo legge su internet. Passa interi pomeriggi in lettura, legge qualsiasi cosa. Quindi, il libro è un mezzo, ma ce ne sono altri a mio parere. Ci sono persone che mi dicono "Mi piacerebbe leggere, ma non ho mai tempo..." sono scusa, se ti piace leggere, il tempo lo trovi. Ovvio che non leggerai 5 libri in un mese, magari impiegherai molto tempo a leggerne uno, ma prima o poi lo finirai. Devo ammettere che io alterno periodi di intensissima lettura a periodi in cui non ce la faccio o non ho voglia. Ma mai rinuncerei a questo piacere.

      Elimina
  5. Io i libri li prendo in biblioteca: leggo così tanto che lascerei lo stipendio in libreria se li dovessi comprare. Cmq di persone come quelle che dici tu ne conosco diverse anch'io: la famiglia del mio ex, per es. Anch'io mi ero stupita che in salotto nn ci fosse nemmeno un libro, solo una grande enciclopedia che (parole loro) nn veniva mai aperta ma faceva arredamento. E anche con i figlio del fratello di mio marito nn va meglio: se regalo un libro (per bambini e che ho pure letto) più lungo di 50pag e magari più impegnato di Geronimo Stilton viene sequestrato perchè: "Sono bambini. Mica possono leggere dei tomi così lunghi"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio.... non ho parole Silly. Perchè anche io avevo dei nipoti e purtroppo cresciuti in una famiglia senza libri, non possono certo imparare da soli. Speriamo solo che la scuola li appassioni. Che poi non riesco più a sorprendermi se vedo ragazzi di 14/15 anni che non sanno scrivere in italiano... se non leggono... cosa si può pretendere!

      Elimina
  6. OMG. Bhè se ti consola dove lavoravo prima quando dovevo andare contro alcune argomentazioni con i titolari per questioni tecnico-scientifiche questi mi guardavano con odio e mi dicevano "...sai non siamo tutti dottori..." una volta ho risposto "... ed infatti si capisce benissimo..." e da allora Silenzio Stampa. I libri sono fondamentali. Punto. Aprono mente e cuore, spingono a riflettere. E se una persona legge la riconosci anche nella folla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero... ogni tanto anche qui il boss mi chiede come si scrivono certe parole, ma lui ammette anche di essere ignorante a livello grammaticale perchè odiava l'italiano e non gli piace leggere.... e si vede!

      Elimina
  7. Non ci credo!!! ma come hai fatto a sposarti con un tipo del genere????? Io adoro leggere, anche se, ad esempio, in questo periodo mi capita di rado....ci sono momenti in cui uno e' più produttivo a livello di lettura, e momenti meno produttivi...dopo la laurea specialistica ho avuto un momento di stanchezza, poi ho ripreso.... ma non leggere mai...non capisco come si possa fare! e se comunque ci sono persone che non leggono, bhe, ok, non ti capisco ma ti rispetto, ma che almeno non vengano a dire a noi che siamo ignoranti,no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto era proprio quello. Prima mi tirano un pippone sullo spreco di spazio dei miei libri, poi mi prendo parole perchè invece di togliere le erbacce dalle aiuole, mi sono permessa di mettermi a leggere e alla fine mi offendono pure dandomi dell'ignorante! Guarda, mi sto ponendo molte domande sul perchè io l'abbia sposato. Era un gran bel ragazzo... forse per quello ahahahahah!

      Elimina
  8. io mi chiedo tua cognata di che cosa parlerà ora con la sposina miss laurea. Che deve aver letto qualcosa. COMUNQUE LIBBY..... dimenticali TUTTI loro e i loro sacchetti di roba congelata (che poi non si usa +)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si, non è certo un problema lasciarseli alle spalle, tanto più che a parte la cognata della prima parte del post, con cui mi sento ancora e vedo ogni tanto, gli altri manco mi salutano.... ahahahahah! Davvero non si usa più congelare la carne??? Eeheheh!

      Elimina
  9. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda!
    Innanzitutto si vede che leggi tanto. Si vede da come scrivi.
    Poi devo dirti che ho dato corda a quello che sarebbe diventato IlMioAmore quando ho visto la libreria dei suoi e poi la sua. Nonostante fosse un somaro a scuola, ha sempre letto tantissimo.
    Certo che le bracciole me le ricorderò a lungo... mi fa male solo scriverlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti rendi conto? E avresti dovuto vedere come se la ridevano convinti di avere ragione.... santa Maria, sono diventata verde!!!

      Elimina
  10. Sicuro che non abbiamo sposato lo stesso (ex)marito??? Considera in casa sua erano tutti agricoltori o lavoratori in fabbrica, io l'unica (studiosa, aliena quindi) e non ti dico! Guai se arrivavo a casa dopo le 17.00 (il mio orario di chiusura)...che guai!!!!!! Meglio non pensarci, comunque regnava l'ignoranza allo stato puro! Come ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio.... mi fai venire i dubbi, il mio si chiamava Mauro!!! Ahahah tanto per essere certi che non avesse una doppia vita. Anche lui aveva la famiglia che si dedicava all'agricoltura e alle vacche, cosa che io adoravo tra l'altro, ma come cultura.... mmmmm, no, proprio non c'eravamo eh!

      Elimina
    2. il mio "buonanima (ahahahahahah) si chiamava Mirko...dai l'iuniziale era uguale....e l'ignoranza pure ahahhahahhahhahah

      Elimina
  11. Ho i brividi!
    Sarà che a me la polvere dei libri, l'odore che acquista la carta nel tempo piace tanto e che uno dei miei sogni chiusi nella cassaforte (perché il cassetto si apre troppo facilmente) sarebbe una minibiblioteca in casa con i libri catalogati e ordinati per case editrici e collana...
    Ma quanto brava sei stata a ricominciare una vita nuova?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità è stato molto più facile di quello che pensi. Questione di sopravvivenza. Devo dire, a distanza di molti anni, che mia madre aveva ragione... ExM non era l'uomo per me....

      Elimina
  12. Questa è la dimostrazione che la mela non cade mai troppo lontana dall'albero.. voglio dire: il tuo ex, essendo cresciuto in una famiglia del genere, come poteva sviluppare il desiderio di leggere? E' un circolo vizioso: chi è ignorante, generalmente, tira su degli ignoranti e così via, ma la cosa peggiore non è quella, che mica tutti possono permettersi di studiare, la cosa peggiore è l'arroganza, la presunzione di sapere tutto, di non aver bisogno di niente, la mancanza di umiltà del mettersi di fronte ad una cosa e non affrontarla con spirito critico, quella la condanno, eccome, e la detesto! Detto questo, io adoro leggere e penso che leggere fin da piccoli sia il modo migliore per acquisire proprietà di linguaggio ed apertura mentale! Il mio sogno è avere una libreria enorme, che per questioni di spazio non posso avere, dove mettere tutte le centinaia di libri che ho raccolto negli anni!!! P.S. E anche a me gli errori di grammatica fanno venire i capelli dritti; quando ho letto "bracciole" non potevo credere che lo avessi scritto così!!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non voglio fare la parte della spocchiosa, se non ti piace leggere mi spiace molto per te.... ma non puntarmi il dito e dare a me dell'ignorante..... mi si chiude la vena e faccio una strage!! Garantito!
      Io gli ho sempre voluto bene, anche se sapevo che era un pelino ignorantello, sapeva altre cose che io non sapevo, era bravo nei lavori manuali, aveva sviluppato altre capacità... ma sentirmi strillare perchè volevo leggere, ogni volta che mi sedevo col libro in mano lui aveva qualcosa da farmi fare.... ma vaffanculo va! Ignorante!

      Elimina
  13. Proprio ieri sera abbiamo dovuto smontare una mensola in camera di PP perchè stava cedendo al peso dei MIEI libri, purtroppo in casa nostra spazio per una libreria vera e propria non ce n'è e tu non sai quanto io soffra questa cosa, quando sono approdata in casa del Felino mi sono ricavata un posticino (lui non era granchè abituato a leggere libri in quanto ha poco tempo e più che altro non aveva ancora trovato la SUA passione, ossia i libri storici della prima e seconda guerra mondiale che ha scoperto grazie al riposo forzato causa frattura) finchè abbiamo deciso di dedicare due mensole della cameretta una per i miei libri una per i suoi. La mia ha ceduto....non dico altro......Fatto sta che ora ho dovuto fare una borsona di libri da portare su da mia mamma e tutti quelli ancora da leggere li ho dovuti chiudere in un armadietto.....è stato come darmi una pugnalata, a me piace vedermeli tutti lì, quando finisco un libro mi piace riporlo e nel frattempo scegliermene accuratamente un altro......saperli lì chiusi da soli è una sofferenza.........Ah ti ho detto si che ADORO leggere? Che la vita sarebbe INUTILE se ci togliessero i libri? Ecco....se non si era capito l'ho specificato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che qui si sfondi una porta aperta, chi scrive nei blog è una persona che legge. Molto o poco non importa, ma legge.
      Una volta a casa della mia seconda mamma, ho visto una cosa interessante, in corridoio, al di sopra delle porte, tutto intorno, avevano montato delle mensole. Il figlio dell'ex proprietaria aveva la passione per le VHS e ne aveva talmente tante che aveva ricavato sto posticino fuori dai piedi. Pensaci... se hai posto, comincia a mettere mensole in alto... piuttosto che chiusi in una borsa, meglio sopra le porte no?

      Elimina
    2. Oddioooooooo no tafanari sopra le porte proprio no........stavo pensando ad una bella mensolona in camera nostra ma sinceramente nel posto dove sarebbe possibile metterla ci andrà sotto il lettino di brioscina per cui anche facessi una mensola la userei per le sue cosine, non abbiamo posto neanche per quelle fai conto tu, nei prossimi mesi mi dovrò ingegnare per sistemare il suo nido.....amen.....mi accontento di un armadio chiuso e non appena possibile in casa nuova metterò una libreria ENORME!!!!

      Elimina
  14. il momento in cui il Riccio mi conquistò totalmente e definitivamente fu quando al primo appuntamento mi chiese di fare una tappa alla Feltrinelli per comprare un libro. Questo direi che è esemplificativo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, anche mio marito ha la passione per le librerie... poi che i suoi gusti, per me, siano orridi, questo è un altro discorso! Ahahah!

      Elimina
    2. anche noi abbiamo gusti molto diversi, ma questa è un'altra faccenda!

      Elimina
  15. Mi hai fatta ridere, sorridere, riflettere. Che dire... scampata al clan della fattoria, mettiamola così :-) (Terribili i clan, e soprattutto le mamme, e poi le sorelle, e le donne dei clan!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terribili si..... e guarda che 11 anni sono tanti eh! Mi stavo ignorantizzando pure io ahahahah!

      Elimina
  16. Non concepisco nemmeno io la gente che non legge, e il guaio è che ne conosco tanta, ma tanta... Però purtroppo ci sono due categorie peggiori, so che sembra impossibile eppure esistono: quelli che leggono solo libri "culturali", che non si abbasserebbero mai a leggere, che ne so, Grisham, ma che quando gli chiedi di che parlava il libro ti raccontano tutto fuorché la trama: ma l'avranno letto? Mah, visto il livello culturale (Grande Fratello, UOmini e donne di solito sono i loro unici programmi alla tv, manco il telegiornale guardano) ho il sospetto di no... (vedi le mie colleghe). Oppure gente come mio padre: legge un sacco di libri, passa le giornate con il naso immerso nelle parole crociate, ha anche scritto un romanzo (scritto... va be', per scrivere scriveva) ma se ne esce con perle come queste nella lista della spesa: oltre a bracciole, anche coscie di pollo, oppure stendibianchieria. Guai a farglielo notare, o si arrabbia o "era distratto". Anche quando scrive "ho letto" senza h era distratto, eh. Mamma mia... Ci credi che questa gente mi dà l'ansia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ci credo perché ho amici che non sanno coniugare un verbo che sia uno e mi domando come cazzo sono arrivati dove sono. Ci sono persone predisposte per la matematica e la ragioneria, altre più portate per la letteratura, ma sapere la propria lingua correttamente mi pare un obbligo assoluto..... senza se e sansa ma!

      Elimina
  17. Certo che migliore titolo non potevi metterlo! Peeerooo.... che ex vita interessantissima.... povera te! Certo... anche per me, "leggere" è davvero importante... l'ho scoperto alle superiori, grazie ad una professoressa che ci costringeva a leggere davvero moooooolti libri, con opportuno riassunto, commento, domande ecc... però ho scoperto anche io che ADORAVO leggere... scoprire tra le righe le storie, immaginare come in un film, le vicende e vedere così i personaggi quasi vivere! Mio marito non legge molto... però devo ammettere che si informa continuamente, e se gli capita qualche parola di cui ha qualche dubbio, non ci pensa due volte a prendere il vocabolario... e poi è un tipo molto più "tecnico" che "romantico"... per capirci....per lui meglio qualche manuale che qualche romanzo! Non si può avere tutto nella vita... ma lo amo immensamente! Mio figlio, poi, è un capitolo a parte! Leggere lo sente come un "obbligo"... solo se capita qualche libro che parli di meccanica, trattori o cose del genere, allora sono sicura che si immerge volentieri nella lettura... si fa qual che si può... almeno spero! Pazienza... e complimenti per la scelta che hai fatto... brava! Sei stata coraggiosa, questo ti fa onore! Baci da Federica.

    RispondiElimina
  18. Per fortuna te ne sei liberata!
    Raffaella

    RispondiElimina
  19. C'è una sola cosa da dire: il divorzio è stato sacrosanto ... in una famiglia così prima o poi si arriva alla paralisi cerebrale,... o alla neuropsichiatria,no!

    RispondiElimina
  20. Ho sempre letto molto fin da ragazzina...E ho avuto la fortuna d'essere circondata da persone che mi hanno fatto amare i libri...E sono contenta d'avere questa passione...Anche il mio ex non sapeva nemmeno come fosse fatto un libro e non riusciva a capire come potevo trascorrere così tanto tempo in libreria per scegliere le mie letture...Per lui erano soldi buttati...Per me sono un preziosissimo investimento e continuo ad arricchire la mia libreria...

    RispondiElimina
  21. Un incontro ravvicinato del terzo tipo direi, con dei veri alieni, cazzo! Incredibile, più ci penso più mi pare impossibile vivere così. Figurati che io sono giorni che mi sento male all'idea di non avere i miei libri liberi per casa. Che sono tutti ancora negli scatoloni, perché non abbiamo soldi per comprare la libreria. Pensa quanto sto fuori: mi mancano i miei libri, quelli che ho già letto! XD

    RispondiElimina

Le vostre perle...