giovedì 21 giugno 2012

Riciclando...

Se c'è una cosa che mi affascina da tempo immemore e che ho imparato ad apprezzare col tempo, è l'arte del riciclo.
Non posso dire di esserne una fautrice, ma una folle amante di quello che è possibile fare con le cose di recupero e da buttare, quello si.

Guardate ad esempio questa foto (fonte Better Homes & Gardens).
Questo era un vecchio cassetto, magari tolto da una cassettiera fatiscente, vecchia e brutta. Chi avrebbe mai pensato ad un mobile a vista per il bagno? O per l'entrata, perchè no.
Dipinto di bianco o dei colori pastello che più vi piacciono, aggiunta una piccola mensolina all'interno e voillà! Il mobiletto a vista è pronto per essere utilizzato come meglio credete.


Per non parlare poi di questa idea... (la trovate qui). Quante volte capita di non sapere dove appoggiare il cellulare a caricare. Io ho il gatto che sale ovunque ed è capitato che si agganciasse al filo e me lo lanciasse a terra. C'è chi ha bambini, chi prese scomode e fili corti per cui il cellulare penzola. Allora perchè non riutilizzare una bottiglietta di plastica? Può essere questa, quella dello shampoo, quella del bagnoschiuma. Certo non si possono utilizzare tutte, ma perchè non cominciare con una intanto?


La cosa del riciclo non è una cosa propriamente semplice ok? Tutto si può riciclare, alcune cose in modo veramente geniale, altre magari in modo bizzarro e che a parer mio servono poco, ma poi dipende molto da come si è abituati.
Una cosa che ho imparato è che i mobili vecchi hanno 9 vite, come i gatti (o erano 7?). Non si buttano mai. 
Nell'agosto del 2009 ho trasformato uno scrittoio che cadeva a pezzi, in una scrivania funzionante e coloratissima. Un mese di carteggio, pittura e decorazione, ma poi ha fatto bella mostra di sé nella mia cameretta e poi anche nella casa di ora.
Purtroppo devo dirvi che non ha avuto una felice continuazione. Il primo danno l'ha fatto mia suocera, convinta che un cassetto fosse vero (non lo era, i cassetti non si sa che fine avessero fatto e io ne ho costruiti di finti con tanto di pomolo) ha forzato per aprirlo e le è rimasto in mano un pezzo....
Poi, col tempo, le tarme (ste stronze non sapevo nemmeno che abitassero lì dentro) hanno iniziato ad organizzare party su una delle gambe... sob sob!

Il fatto è che la fantasia va allenata come i muscoli. Più la si abitua a lavorare, più facile diventa inventare e trasformare. Guardando sul web (la mia fonte è Pinterest) si trova davvero di tutto e così copiando, modificando e poi successivamente, facendosi venire la grande idea, ecco che il riciclo viene più facile. 
Partire da zero, senza suggerimenti a me viene molto difficile, ma spero un giorno di allenarmi abbastanza per avere idee mie.

Intanto, prima di comprare scaffali, porta riviste o altro, andate al centro di raccolta, i così detti eco-centri e guardatevi attorno. Quei posti sono una miniera d'oro!!!

Sulla scia di questo argomento infatti, lunedì sera sono stata ospite di Chanel, che dopo una cena fresca e rapida, ha riportato in vita due pezzi vintage del  mio guardaroba.
Un paio di jeans (ve lo ricordate il post dove vi dicevo che ero venuta ridicolamente grassa in una foto? Ecco, quei jeans!!) che io adoro, ma che hanno il fondo scampanato e non mi piaceva moltissimo portarli, lei me li ha tagliuzzati e sistemati, facendone un paio di jeans normalissimi, ha sistemato la mia camicetta nuova che mi stava un pochino grande e... trasformato una vecchia camicia in seta bianca, con ruches, che aveva veramente oltre 20 anni (portata una sola volta al matrimonio di mio zio) e che io avevo già infilato in un sacco nero, in una camicia di moda oggi, smanicata e sportiva. Le foto non le ho, ma prometto di postarvele non appena Chanel mi consegnerà tutto. Non pensavate forse che in una serata avessimo fatto tutte ste cose vero??? Eh no, avevamo anche da chiacchierare.
Mentre lei si dilettava con i miei straccetti, io le ho smontato una vecchia collana di sua madre e ne ho fatto un paio di orecchini e un bracciale vintage per lei e un braccialettino per Chanellina, deliziosa creatura.
Condita da chiacchiere e da un gran caldo.... e dalla voce di Chanel che ripeteva "Mi serve il tuo corpo...!" ma non pensate male, era solo per farmi provare le cose che stava modificando.
La cosa che mi spiace è non aver fatto la foto del prima e del dopo delle cose... ma non importa.....

E voi che fate? Riciclate?

Vs Libby




17 commenti:

  1. Io riciclo poco. O meglio niente anche se si dovrebbe fare. Si risparmierebbe tanto!
    L'idea del porta tel. non mi convince tanto, per la plastica e il calore che emana la presa. boh!
    Però, per quanto riguarda i vestiti sì, la mia mamma sa cucire bene, allora ci sono vestiti di 10-15 anni fa, appartenenti ad una moda completamente diversa per quantoi cui colori e fantasia potrebbero andar bene anche per oggi, completamente trasformati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si anche io la faccio sta cosa degli abiti. Non butto niente finchè non è proprio inutilizzabili, come le orrende maglie ombelicali degli anni 90. Quelle non saprei come sistemarle, ma ci posso pensare ahahaah!
      Per quanto riguarda il porta cellulare non saprei, non ho mai provato a farlo, ma se ci provo ti so dire!

      Elimina
  2. Mi piacerebbe avere la fantasia, l'estro e anche il tempo ......... anche per i vestiti, io che non butto via nulla, vorrei essere capace di cucire, tagliare......... ma sono proprio negata.....
    P.S. ma il progetto Blogger...........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono negata, per quello a settembre faccio il corso di taglio e cucito, per vedere se riesco a recuparare qualcosa, tanto se è roba da buttare, posso sperimentare no?
      Il Progetto Blogger è in standby... per mancanza di tempo. La settimana che mio marito è di mattina è IMPOSSIBILE che io abbia tempo da dedicare alle mie perline, lui mi vuole tutta per sè. Settimana prossima riprendo ^__^.

      Elimina
  3. Io riciclo x fare i vestiti di carnevale...per il resto, la fantasia non manca, manca il tempo, il vero lusso dei ricchi, e la forza di scacciare la pigrizia. Quindi ciccia.
    A parte quella del portacell... Che gran genialata...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, hai detto proprio bene, il tempo è un vero lusso e io ne ho pochissimo. Infatti devo sempre far conciliare tutto e quando ho tempo sono distrutta e di mettermi a far cose non ne ho voglia.... Considerando che ad agosto sono a casa (forse perchè ancora non ci han detto nulla per le ferie) vedrò di impegnarmi!!

      Elimina
  4. CHe invidiaaa! Vorrei fare questo genere di cose, ma: ho una casa piccola (Sembra grande, ma è un buco in realtà) e per esempio il cucito proprio non fa per me, totalmente negata. Mi piacerebbe riuscire a riciclare qualcosa, di mobili mezzi disfati ne ho a bizzeffe, i miei raccolgono di tutto, ieri pensa che al centro di raccolta abbiamo trovato una leccarda da forno praticamente nuova, peccato che nel mio forno non ci sta... potessi almeno riuscire a cavarne fuori qualcosa! L'idea del cassetto come mobile del bagno è stupenda, la terrò da conto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non è proprio semplicissimo in effetti... io ho una casa che definirei normale, ma non è mia, quindi ci faccio meno che posso. Diversamente le idee non mi mancherebbero!
      Poi guarda, la cosa del riciclo è davvero questione di allenamento. Se alleni la testa a vedere una cosa trasformata in altro, è una cosa che son convinta poi ti venga naturale, è proprio questione di allenamento!
      Per quanto riguarda in cucito, io sono una capra, è per questo che vado al corso. Non me ne sono mai interessata e quando il mio ex marito, in modo molto saccente mi voleva obbligare ad imparare "perchè mia mamma è capace..." è stato il colpo di grazia per disinteressarmene completamente. Ma non ho più 20 anni, tra poco meno di 2 anni ne faccio 40 e devo dire che gli interessi sono cambiati moltissimo. Quindi, presa dalla curiosità, ci provo. Magari non imparerò abbastanza da potermi fare qualcosa, ma quello che s'impara va sempre a far parte del tuo bagaglio personale.... e poi quando ci si mette la passione, hai fatto già metà della fatica!

      Elimina
  5. Ammiro molto chi sa pensare e realizzare idee del genere, io non so fare una ceppa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A ognuno il suo, magari sarai bravissima in altre cose!

      Elimina
  6. Io non butto nulla, ahimé, ma essendo completamente incapace con i lavori manuali ed avendo meno creatività di una rapa, non riciclo nulla.. ti dico solo che ci ho masso una vita a capire che dalla bottiglia si tira fuori quel coso portacellulare: sono senza speranza! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahah... davvero??? Beh dai, meglio tardi che mai. e come dicevo a Mafalda, probabilmente tu sarai portata per altre cose, ognuno di noi ha la sua stella da far brillare!

      Elimina
    2. .. sì, certo.... devo solo riuscire a capire per quali cose sarei portata!!!! :-)))

      Elimina
  7. A me piacerebbe da morire tenere tutto xke si sa prima o poi quella cosa la riutilizzo e infatti facevo cosi fino a 3 anni fa, andata a convivere ho preso un ordinato compulsivo che mi elimina tutto... ma quella per il porta cellulare da presa devo provarlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' carino in effetti, io non l'ho provato ancora, ma se mai avrò tempo!
      Tu hai un ordinato compulsivo? Io un disordinato cronico!!! Da paura!

      Elimina
  8. il riciclo più riuscito di casa mia è stato realizzato da altri ma l'idea era nostra. Per la cucina dovevamo tirare su una parete in cartongesso e dovevamo metterci dentro una finestra sennò il corridoio d'ingresso sarebbe stato senza luce. Invece di una finestra abbiamo usato una porta fatta di vetro di murano della nonna del Riccio, che era avanzata da vari traslochi e stava in cantina inutilizzata. Il risultato è super chic!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo! E così avete pure risparmiato sulla finestra e avete una cosa davvero trendy!
      :-D

      Elimina

Le vostre perle...