lunedì 21 maggio 2012

Week end di tante cose...



Difficile parlarvi di questo week end appena trascorso, troppe cose da dire e da raccontare. 

Venerdì sera.....

Eeeeeeeeeh si care ragazze, lo so che i gusti son gusti, che Masini non è Ligabue o Vasco Rossi, però voi dovete immaginare il vostro cantante preferito. Immaginate di seguirlo da 22 lunghissimi anni, immaginatevi di avere tutti i suoi dischi, di aver visto tutti i suoi concerti. Di averlo visto crescere e anche voi con lui, con le sue parole e la sua musica. Immaginatevi a 15 anni, incantate davanti alla tv, la prima volta che l'avete sentito cantare a Sanremo, immaginate di immedesimarvi nelle sue parole. Siete solo adolescenti e quello che vi entra nel cuore e nel sangue,vi segna in profondità.
Immaginatevi di avere quasi 40 anni e lui quasi 50 e di essere seduti con la vostra meravigliosa mamma (anche lei pazza di lui) in attesa al Gran Teatro Geox di Padova (a mio parere sto posto è spettacolare!).
Poi si spengono le luci e si apre il sipario. Sullo sfondo un video wall luminoso dove girano note musicale su sfondo bianco. Le stesse note di una canzone del 1996, Caro babbo fanno da sfondo ai giochi di luci. Escono il batterista, il bassista gli altri ragazzi del gruppo e poi arriva lui, in jeans e t-shirt con una giacca nera sportiva. E canta.... e canta per un'ora e un quarto, fino alla pausa, per poi riprendere e farci compagnia per un'altra ora e mezza. Canta qualche canzone nuova, ma per lo più fa medley di canzoni vecchie. Una carrellata di 22 anni di musica. Si ferma, parla con noi, fa battute e scherza con i suo compagni. Poi si fa serio e racconta della sua vita.
E canta ancora e noi cantiamo con lui. Poi verso la fine (che arriva sempre troppo presto e Lisa ve lo può confermare...) gira verso di noi il microfono e ci dice "Adesso tocca a voi, vediamo quanto siete bravi!". Partono le note di Bella stronza e canta solo il pubblico accompagnato da una chitarra e da lui al piano.
Alla fine saluta tutti ed esce. Il pubblico lo sa e non si muove, io dalla mia 5° fila (praticamente sotto le sue gambe) mi alzo e comincio col resto dei presenti a chiamarlo. Esce da solo e canta una canzone di Lucio Dalla, spettacolare.... mentre immagini del grande maestro girano sul video wall illuminato.
Poi si siede al piano e ci saluta con questa canzone...





Come sempre mi lascia un oceano di emozioni e di sensazioni, tutte positive, tutte di pace e di tranquillità, tutte che mi provocano sospiri.
Poi voi potete dire che porta sfiga o che non vi piace o che è una lagna, ma la gente che era con me venerdì sera non s'è persa una canzone, il Pala Geox è enorme ed era tutto esaurito. Poi è ovvio i gusti son gusti e io sono ormai abituata a sentirmi presa in giro per questo mio gusto musicale... e me ne frego!

Il sabato è passato tranquillo, con un giro al mercato e il pranzo dai miei suoceri. Pomeriggio ozioso e la sera davanti alla tv a guardare la finale di Amici, solo perchè altro non c'era, facendo le coccole a mio marito sonnacchioso.
Una volta a letto ho davvero faticato a prender sonno, mi sono rigirata tantissime volte, infastidita da qualcosa che non riuscivo a capire. Poi scivolo nel sonno, leggero e privo di sogni, finchè sento un rumore di fondo molto fastidioso e in una frazione di secondo penso "Ma non riesce a stare fermo?" riferito a mio marito che mi dorme a fianco. Poi sento il suo braccio che mi stringe, è sveglio come me. Il letto comincia a tremare, con l'armadio, la cassettiera e la lampada di vetro sul mio comodino che batte contro il muro. Tratteniamo il fiato e io riesco solo a dire "mamma..." mentre tutto intorno si muove in un boato sordo e costante.
Sento il cuore nelle orecchie e il respiro di Dr J vicino al mio collo, mentre ci stringiamo la mano pietrificati.
La scossa passa, così com'è arrivata, scivolando di nuovo nel buio.
Di scatto saltiamo in piedi e col cuore nelle orecchie corriamo in salotto dove il Micio Insulinico dorme pacifico sul divano, il lampadario è fermo ma noi corriamo fuori dove troviamo altri vicini di casa intenti a guardarsi attorno.
E' stata forte, fortissima calcolando che io sto a pian terreno. E' stata lunga, oltre i 30 secondi e ce la siamo sentita tutta, sta scossa di terremoto.
Come i migliori navigatori, ci attacchiamo ad internet, per essersi sentita così bene deve essere successo qualcosa qui vicino, per forza.
Sul web il tam tam ci informa che l'epicentro è stato in Emilia Romagna (e qui il pensiero va immediatamente alla Aus, a Laly e a Marta) Bologna, Ferrara, poi Padova e Parma.
Il popolo di Face è quasi tutto in allarme, alle 4.04 del mattino la scossa l'hanno sentita forte e chiara praticamente tutti.
Dopo un'ora decido di tornare a letto e non appena mi sistemo le coperte e tutti i sensi sono allertati, altra scossa, forte ma più breve.... salto in piedi e torno in cameretta, dove Dr J è ancora incollato al computer e si rende conto dal mio spavento, che la sua sedia che ballava, non era il gatto che si strofinava, ma un'altra scossa....
Fanculo, non torno più a letto, me ne sto in piedi.....
Alle 5.30 faccio colazione, che terremoto o no, io ho fame!
Alle 6.10, quando fuori ormai è giorno, io e mio marito torniamo a dormire e mi attacco tipo koala dalla fifa.
Non era la prima volta che sentivo una scossa di terremoto, me ne ricordo altre, ma decisamente più brevi e meno intense.

Abbiamo trascorso parte della domenica alla comunione della cuginetta di Dr J, giornata campale tra chiacchiere e racconti sul terremoto della notte, finchè, alle 15.20, un'altra scossa ci ha colti di sorpresa.
Siamo tornati a casa, dove sono riuscita a dormire un paio d'ore perchè ero distrutta.
Poi ho pasticciato con le perle (WIP-Work in Progress) e alle 21 ci siamo messi a guardare la tv.

Devo dire la verità, ho fatto molta fatica a prendere sonno, ogni minimo rumore mi faceva spalancare gli occhi e le orecchie, attaccata a mio marito che poverino non so nemmeno come abbia fatto ad addormentarsi.... alla fine il sonno ha avuto il sopravvento e son qui... Però, che brutte cose son successe nel week end.
Tra terremoto e quel che è capitato a Brindisi....

Vs Libby





















32 commenti:

  1. Eh si, un weekend tutt'altro che positivo...io stavo per piangere sabato quando ho sentito la notizia di Brindisi.... il terremoto non l'ho sentito, per fortuna, ma immagino quanto dura sia per chi invece è di Ferrara e dintorni....e oggi piove anche lì credo, tanto per avere proprio tutto insieme... Comunque sono contenta per il tuo concerto, non importa se agli altri piace o meno Masini, l'importante è che sia piaciuto a voi!!!!!!!!! :-) buona settimana Libby!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella, si si il concerto ovviamente mi è piaciuto un sacco, certo poi il resto del week end è stato un po' così così! Sono contenta perchè ho trascorso molto tempo con mio marito, quello si!
      Fortunata a non averlo sentito, il terremoto, io onestamente ho faticato a dormire stanotte, non tanto per la paura che mi crollasse addosso la casa, ma perchè son stata con le orecchie tese!!! Uffff...

      Elimina
  2. Tralasciamo le cose brutte, perché direi che ne abbiamo proprio fatto il pieno... Venerdì ti ho pensata tanto!!!!!!!!!!!!! E, pensa che cosa curiosa, quando sabato mattina sono andata a correre, ad un certo punto, nel mio mp3, è arrivata proprio una canzone di Masini, e ti ho pensata ancora, sicura che avessi passato una serata fantastica, come è stato, e sono proprio contenta!! Quando ho letto quanto è durato il concerto ho detto: "Caspita, tanto..", ma poi so benissimo che così non è, che il tempo vola e, quando finisce, ti sembra che abbia cominciato a cantare 5 minuti prima, che non ne hai mai abbastanza, ed è quello il bello!! :-) Comunque bellissima emozione e bellissima serata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, infatti ero certa che mi avresti capita. Anche durasse 4 ore non ti stancheresti mai e ti riempi gli occhi e le orecchie, che poi chissà quando ti ricapita. Ora sono in attesa della nuova data per Belluno (quella di maggio è saltata per non so quali problemi) non escludo di fare un'altra incursione!!! :-D

      Elimina
    2. Se vieni a Belluno, guai a te se non mi avvisi che ci beviamo un caffè!!!!! :-)

      Elimina
    3. Oook, ma guarda, se sto tempo di merda si sistema un fine settimana potrei fare un salto con Dr J... Belluno è molto bella per altro. Che dici?

      Elimina
  3. Eh si è stato proprio un week-end di brutte notizie e di tanto spavento. meno male che siamo comunque qui a raccontarcelo e tra i racconti ci sono anche cose belle, come il tuo concerto.
    Al di là del cantante, è l'emozione che conta, le sensazioni che provi...bello!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il 14 luglio abbiamo in programma Giacobazzi, è a Piazzola sul Brenta, vediamo se riusciamo ad andare a vederlo! Che ridere adesso ci serve proprio tanto!

      Elimina
    2. Cercate di andare a vederlo..Apocalypse il suo spettacolo è strepitoso !!! e oltre alle risate c'è anche molta attualità, molta verità :-)

      Elimina
    3. Infatti ho detto a mia mamma che tu lo avevi visto e che mi avevi detto che era molto bello.... anche a lei piace, sicchè stiamo vedendo di organizzare con mia zia Paola e mio zio Igor (che hai conosciuto al matrimonio e visto al mare ahahah!).
      Speriamo va'!

      Elimina
  4. Io mi sono ripetutamente commossa negli anni ascoltando "Dieci anni", la trovo splendida.
    Ripensando invece al weekend da fine del mondo posso solo lasciare che il silenzio commemori le vittime di queste due tragedie, contro cui l'uomo non può nulla, o poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh su una, il terremoto, non può nulla, sull'altra... potrebbe infilarsi una pistola in bocca e spararsi, invece di mettere bombe davanti alle scuole. Che crepi atrocemente sto maledetto!
      Si Dieci anni è tra le più belle....

      Elimina
  5. Io credo di essere stata l'unica in tutta il nord a non averla sentita sta benedetta scossa di terremoto!!!! Io me la sono dormita alla grande e la mattina quando il Felino mi ha detto "ho sognato io o stanotte si è sentito il terremoto?" io sono caduta letteralmente dal pero. Per carità una paura presa in meno, nelle mie condizioni poi meglio così, dev'essere stato terribile davvero....mamma mia che spavento. E che vergogna quello che è successo a Brindisi, che tragedia, che gesto inutile e vile......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè mi consolo allora perchè credevo di essere io l'unica che aveva dormito come un angioletto.....^__^

      Elimina
    2. Eh si che ragazze è stata davvero molto forte... voi quando andate a dormire, entrate in uno stato di coma profondo ahahahahaah!

      Elimina
    3. Bè io sono giustificata ahahaha ho una sanguisuga detta brioscina che mi ciuccia via tutto ed io entro in catalessi....mmmmhhhhh non convince neanche me sta giustificazione perchè ero così anche prima...ah che disastro ahahahahahahhah

      Elimina
    4. Tutto è possibile cara Mere, ma guarda, alla fine meglio per te se non l'hai sentito, io ne sono rimasta terrorizzata, quindi se dormivo era meglio!

      Elimina
    5. Si dai è ovvio che preferisco di gran lunga aver dormito perchè la sensazione dev'essere davvero di grande spavento, dicevo tanto per sdrammatizzare dai.....

      Elimina
  6. I concerti sono un'emozione sempre e cmq. Sentire dal vivo le canzoni che hai ascoltato sempre in cuffia è tutto un altro effetto, un'altra emozione... adoro i concerti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche io, indipendentemente da chi canta. Ora c'è all'Arena un concerto gratuito di Emma e Alessandra Amoroso, la prima non mi fa impazzire, ma la seconda mi piace.... vediamo se riesco a scoprire quando lo fanno e ad organizzarmi! :-D

      Elimina
  7. Anche la Fiorella ( <3 ) ha finito il concerto con una canzone di Lucio Dalla! che emozione!!!! sai che da giovedì quando l'ho vista al comunale mi sento addosso tutta un'altra energia, e' meravigliosa e poi in effetti dal vivo sono tutta un'altra cosa! poi lei ha fatto tutto un concerto con balli brasiliani una grande!!!! Per le tragedie di questi giorni non ho parole... sul terremoto, stanotte sono riuscita a dormire, nonostante tutto...ti ringrazio anzi del pensiero qua nel post....siamo pieni di sfollati in ostello e questo e' davvero uno dei lati più brutti del terremoto, da vivere. Intere famiglie che non possono più dormire in casa perche' si son crepati i muri....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si guarda, vi ho davvero pensate, specie te e la Aus. Te che so che sei vicino a Ferrara e lei perchè è mia sorella quindi il pensiero c'era! Speriamo sia finita qui, che di tragedie ne siamo tutti stufi!
      I concerti ti lasciano sempre una grande emozione. E' elettricità e vedere dal vivo cantare chi ti piace davvero... è una cosa davvero meravigliosa!

      Elimina
    2. Io sono proprio a Ferrara, in centro...solo che l'epicentro era a 20 km verso il modenese (Finale, Sant'Agostino e Bondeno...) ma era talmente forte che parenti miei in toscana lo hanno sentito...comunque non scordiamoci che in questa tragedia hanno perso la vita degli operai del turno notturno..voglio vedere se faranno loro i funerali di stato come a quelli che vanno in Afghanistan ....-.- poveracci!!!!!! :((((

      Elimina
    3. Credo tu lo sappia meglio di me che ci sono morti di serie A e di serie B. Non è per far polemica, ma le morti, lo sai anche tu, non sono tutte uguali e mi spiace infinitamente per le famiglie di queste povere persone, morte cercando di portar a casa da mangiare! Non c'è giustizia!

      Elimina
  8. Deve essere stato stupendo il concerto...Come mi sarebbe piaciuto esserci!!!
    Questa volta il terremoto ha spaventato anche me...Mi ha svegliata e mi sono sentita tutta la scossa...E poi che fatica riprendere sonno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho pensataaaa, non sai quanto! Ora so che c'è una data in sospeso a Belluno, ma non so quando la faranno, forse dopo l'estate! Se riesco vado.... eheheheh!
      Io proprio non ho più dormito sabato. Ho sonnecchiato la mattina ma niente di più!

      Elimina
  9. E per la prima volta in tutta la mia vita mi sono svegliata per la scossa, forte, fortissima, panico nello stomaco, rombo nelle orecchie, capogiro, mio figlio che urlava e mio marito che non era nel letto, e che è uscito dal bagno nudo come un verme, balbettando.. ma è il vento?!!?!??!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco... a parte l'uomo nudo in bagno, per il resto hai reso l'idea del terrore di sabato notte!

      Elimina
  10. E' stato un weekend di brutte notizie... quaggiù non si è sentito ma mia sore a Torino al 5° piano lo ha sentito. Noi abbiamo la suocera nel modenese e per fortuna non ci sono stati danni ma un pensiero va alle famiglie delle vittime...

    RispondiElimina

Le vostre perle...