giovedì 5 aprile 2012

La porta chiusa

I benefici e il buonumore portati dal matrimonio e dai giorni trascorsi a casa con mio marito, già ieri sera prima delle 21 erano scomparsi. L'idea di tornare a lavorare mi ha messa di cattivissimo umore... ma tant'è!

Ho pianto tanto ieri sera, a letto, tra le braccia del mio maritozzo. Ho pianto perchè le cose non vanno mai come dovrebbero e per l'ansia per il rientro.

Ho trovato un delirio di carte e documenti, una confusione e una montagna di cose da fare. Diluvia e il Messia è rimasto in ufficio fino a pochi minuti fa. E' tranquillo, contento per il mio rientro, dichiarando divertito che l'ho lasciato nei casini e sommerso dalle carte... e qui mi sorge spontanea una domanda... ma non era lui a dire che senza di me stava tanto meglio? Che io sono quella che non sa fare un tubo? Mah... come cambia idea in fretta la gente.

A sentirmi dire ste cose, mi sono sentita di pietra.
Si perchè proprio in quel momento avrei dovuto dirgli "Caro Messia, dal 2 maggio non verrò più a lavorare, fino a fine giugno...!". Non ce l'ho fatta! Sono stata zitta, con l'angoscia che preme sullo stomaco e sugli occhi arrossati dal pianto di stanotte e dal sonno mancato.
E ora come si fa? Come faccio a dirgli che mancherò per due mesi e che si dovrà arrangiare? Come faccio se nemmeno io sono convinta del passo che sto per fare.
Sono state fatte tante tante valutazioni ieri sera.
Il corso è una cosa che desidero fare, è un portone, una via, una luce nuova che magari non subito, ma mi porterà a fare quello che mi piace con soddisfazione. E' l'opportunità che mi fa sopportare meglio l'essere stagnante qui dentro, senza futuro e senza via d'uscita.
Oppure non porterà a nulla e sarà solo uno spreco di denaro.
Già, il denaro... è quello che manca, quello che non c'è quando serve. Quello che mi fa sorgere un milione di dubbi di tutti i generi, valutando tutti i panorami... e se mi dice no e mi licenzia? E se mi fa storie? E se mi dice va bene e poi non ce la facciamo a pagare tutto? E se ce la facciamo ma al rientro succede un casino?



Troppi se e troppi ma per una cosa che dovrebbe darmi gioia, ma che invece mi crea ansia più che mai.

Ho ricevuto la chiamata durante il nostro viaggio in Slovenia "Ciao Libby, sono Susanna della Scuola di toelettatura, volevo informarti che si parte il 2 maggio... alla peggio il 7!".
Gelo.
E adesso?
Si lo sapevo che avrebbero chiamato, avevo considerato il costo del pernottamento, dei pasti, della benzina... un cumulo di soldi, tanti, troppi se consideriamo che ci siamo appena impegnati il sangue per il matrimonio.

Vi capita mai di pensare che certe cose siano delle buone idee, ma nel momento in cui le affrontate, vi rendete conto che lo sono si, ma per gli altri? Perchè a me è successo proprio ieri, mentre parlavo con i miei di questa cosa.... sono certa che se non faccio il corso, tra qualche tempo mi ritroverò a guardare chi lo ha fatto che vive le gioie e le fortune che avrei voluto io... ma se lo faccio sono certa che andrà tutto storto, perchè dalla mia parte la fortuna non guarda mai. E così vorrei poter avere il dispositivo che hanno i PC, per il ripristino delle condizioni precedenti, provare e se va male tornare indietro e cancellare  tutto.

Eh lo so che non si può.... mica sono stupida!

Avrei anche trovato l'alloggio, pagando 5/10 € in meno di quello che avevo preventivato, vicino alla scuola... ma ora che faccio?

Se non farò ora questa cosa, la archivierò per sempre e sarà un'altra di quelle cose che hai tanta voglia di fare ma che resterà un sogno....

Chi mi da una risposta?

Libby


29 commenti:

  1. E' una risposta che puoi darti soltanto tu Libby. Le occasioni perse non si ripresentano, di solito, e poi si resta tutta la vita con il rimpianto di aver potuto fare qualche cosa per avere una vita diversa e poi avere sciupato l'occasione.
    Ti faccio un esempio preso pari pari dai tuoi racconti. Mi sembra di ricordare che all'inizio la tua storia con tuo marito non sia stata facile da portare avanti, però con caparbietà e costanza ti sei impuntata e ora dove sei arrivata???? non mi sembra che la tua vita possa chiudere il bilancio in negativo, almeno questa cosa positiva c'è stata, c'è voluta costanza e sacrificio, ma ne è valsa la pena vero?????
    Non pensare sempre negativo Libby, negatività, chiama negatività; positività chiama positività..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gil, si ma sono anche convinta che la positività ti porti ad illuderti e poi quando le cose non vanno come vorresti, ci rimani tanto male. E' vero, con Dr J non è stato affatto facile e poi il futuro mi ha regalato tante cose belle, tutti insieme a lui, ma qui non si tratta d'amore o di volontà, la volontà c'è ma c'è anche molto da perdere e io onestamente ho già perso molto per i miei gusti... non so... io sono una che si abbatte facile!

      Elimina
  2. oggi non sono n vena di rispondere nemmeno a me stessa, per cui mi limito a dirti che son qui. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaah.... ci credi se ti dico che ho commentato da te allo stesso modo???

      Elimina
    2. ahahah! preferirei una telepatia in positivo però!!!!!

      Elimina
    3. Si, non sarebbe male!

      Elimina
  3. Sono scelte importanti...Ma l'entusiasmo che hai quando parli di questo progetto dovrebbe darti la forza di buttarti in questa nuuova avventura...Certi i soldini sono importanti ma se hai già fatto due conti e credevi che fosse una cosa possibile allora vai avanti...Rimarresti con il rimpianto di non averci provato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O col rimorso di aver buttato tutto al vento e di essermi incasinata la vita per l'ennesima volta... che difficile!

      Elimina
  4. Magari è una cavolata che dico eh...ma posticipare tipo di un anno? Potresti mettere insieme la cifra ora che siete fuori dalle spese del matrimonio (a proposito tante, tante felicitazioni...:)) ed in qualche modo provare a vivere il tutto con più serenità...capisco che lavorare in un posto dove non ci si trova sia difficile (l'ho passato sulla mia pelle...) ma non fa stare meglio tentare un progetto sulla solidità della sua riuscita?...scusami se dico cose che magari hai già spiegato in altri post o se sono invadente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Violetta, figurati, macchè invadente... A parte che ho già pagato la caparra per il corso... quindi la perderei per poi magari dover pagare anche di più tra un anno (vedi IVA al 23%). E poi il punto di fare il corso ora, è perchè la Toelettatura non è ancora una categoria regolamentata, se aspetto un anno e tra un anno mi richiedono tre anni di corso??? Si insomma ci sono molte cose da valutare e se non lo faccio ora, non lo faccio più!
      Grazie mille....

      Elimina
  5. Libby, scusa, ti dico questa cosa con tutto l'affetto possibile, quindi non prenderla male, ti prego! Se affronti questa cosa, pensando che andrà male, stai pur sicura che lo farà! Possibile che tu non possa, per una volta, dare fiducia alla vita?? Pensare che, sì, stai affrontando la possibilità di un grande cambiamento, ma che andrà bene, che sarà per te un'opportunità??? Non puoi sempre vedere nero, perché altrimenti lo diventa!! Questa è una cosa che ti piace, che desideri fare, per fortuna puoi seguire questa tua aspirazione senza compromettere il tuo lavoro, al quale potrai tornare, eventualmente.. devi capire che sei fortunata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto cara Lisa... è che col Messia ne avevo parlato, ma i termini del corso era settembre ottobre. Ora mi ritrovo a dover mancare tra meno di un mese. Potrebbe serenamente dirmi di no, che non posso assentarmi e allora le alternative sarebbero il licenziamento o la rinuncia. Certo, prima di fasciarmi la testa dovrei parlarne con lui... ma devo avere l'umore positivo e propositivo, cosa che non ho.
      Se penso così negativamente è perchè in effetti ogni mio tentativo passato è andato di merda... anche se partivo positiva e con entusiasmo. Che la mia sia solo paura?
      Grazie comunque, sei davvero cara!

      Elimina
    2. Io condivido in tutto e per tutto.quello che ti ha scritto Lisa. Intanto parlaci, poi, in caso, disperati. Tanto in ogni caso il tuo fine ultimo è quello di uscire da quel posto, no?
      Coraggio Libby facci vedere di che pasta sei fatta!!

      Elimina
    3. Candy cara... io SEMBRO soltanto, ma non sono.... nel senso che sono "sborona" ma poi non ho tutta sta forza che mi attribuite! Mi faccio la cacca addosso, in sintesi!

      Elimina
    4. Anch'io penso che dovresti provare ad essere un po' più ottimista. So che la situazione generale non è delle migliori, ma tu sei in gamba, non sei mica una qualunque!!

      Elimina
    5. Esatto, ha ragione Mafalda: non sei mica una qualunque!! Ed il punto è che ci devi credere tu per prima, altrimenti non si va da nessuna parte! Noi crediamo in te.... e tu???? :-)

      Elimina
    6. :-( Nuuuu.... snif snif! Non ce la farò mai!

      Elimina
  6. Oh, bentornata alla Libby !!!

    Ma quoto tutto quello scritto!!!

    RispondiElimina
  7. Ti capisco, e capisco le tue mille seghe mentali e il tuo vedere negativo, ma sono come te. Ogni volta mi faccio tremiliardi di domande, e poi mi dico, ma se non provo come faccio a sapere????
    Certo, dovresti trovare una scusante valida col capo, xchè chissà come reagirebbe....il mio mi licenzierebbe e parlo per esperienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non c'è nessuna scusante perchè io a lui ho detto la verità... solo che un conto è dovermi assentare a settembre, un conto è arrivare a 4 settimane e dirgli che me ne vado due mesi...
      Ci parlerò, dovrò trovare il modo!
      Mal che vada marcirò in questo posto e avrò perso 1/3 del costo del corso che ho già pagato...

      Elimina
  8. E' tutto molto arduo. Ultimamente mi capita sempre più spesso di pensare: ma sì, buttiamoci. Tanto sono abbastanza convinta che nella vita ci sia abbastanza sfiga da colpirci anche quando pensiamo di avere il culo parato, quindi sfidiamo il mondo e combattiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella-testimone (abbreviazione SOR-TE!)ma sai che col culo che abbiamo noi cadiamo sempre di faccia vero?

      Elimina
  9. Posso immaginare benissimo l'angoscia che ti prende all'idea di dover parlare con il Messia. Il punto è....vuoi farla questa cosa o no?
    I pro e i contro credo li abbia già valutati tutti.
    A questo punto o rischi e ti butti o lasci perdere tutto e rimani col tuo lavoro insopportabile che ti fa piangere la sera.
    Forse ti posso sembrare dura e molto drastica, ma che scelta hai?
    Io son convinta che se decidi di rischiare, non ti potrà andare male.
    Ti abbraccio e scusami ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, macchè scusa... tutti che mi chiedono scusa perchè sono "schietti" con me. Siete le mie amiche virtualreali e quello che cerco è la schiettezza e la sincerità di pensiero. In questo momento mi sento molto in difficoltà, sono arrabbiata perchè da una parte mi sento in colpa a mollare il Messia e dall'altra vorrei fare sta cosa per vedere un po' di luce e di speranza. Obbiettivamente però... non dovrei farla e questo lo so bene, ecco perchè sono così "disperata"!

      Elimina
    2. Tesoro, che vuol dire la frase: "Obbiettivamente però... non dovrei farla e questo lo so bene"???

      Temo di non aver capito!
      Non si parte a far nulla, con la predisposizione d'animo dela sconfitta. No no no!!!

      Elimina
    3. Allora mi spiego meglio... obbiettivamente, se dovessi guardare ai soldi che mi ci vogliono e al fatto che per due mesi non becco un euro, al fatto che il matrimonio ci ha irrimediabilmente prosciugati, non dovrei farlo sto corso e dovrei concentrarmi su sto lavoro di merda per tirare a campà, finchè non mi viene l'ulcera. Il fatto che economicamente non dovrei fare sto salto però, non significa che non sia una cosa che vorrei tanto fare... anche se poi non so cosa mi riserva il futuro! Ecco... non so se mi son spiegata!

      Elimina
  10. Sono sicura che appena parlerai con il Messia, un giorno che è di buon umore, le tue prospettive cambieranno se ti ha già detto va bene perchè dovrebbe cambiare idea??? il fatto che sia stato anticipato di qualche mese non è mica colpa tua!!!!Una sostituta la si trova in un mese!!!!!Io non perderei l'occasione di fare il corso a costo di rinunciare alle ferie estive e di mangiare pasta in bianco per 2 mesi!!!!

    RispondiElimina
  11. Buttati Libby, buttati! Io mi sono licenziata dopo dieci anni di lavoro, farò la mamma a tempo pieno, finisco a fine maggio. In un momento di crisi come questo è una follia, chiunque mi ha guardata stupita, ma che mi frega? Scelgo ciò che mi rende più serena...e credimi, io non sono certo il tipo che si butta, i cambiamenti mi mettonop un'ansia indicibile. Ma tu hai un sogno, e la possibilità di portarlo a termine, chiaro, con sacrifici, ma quale sogno non ne richiede? Io direi che devi farlo! Per te stessa, perchè te lo meriti!

    RispondiElimina

Le vostre perle...