martedì 21 febbraio 2012

Quante parole...

Nessuno si offenda per questo mio post contro corrente. Non è mia intenzione offendere il credo di nessuno, voglio solo esporre alcuni pensieri e perplessità su ciò a cui ho assistito ieri sera.

Alla fine sono andata a questa specie di funzione prebattesimale, se non altro per passare del tempo con Dr J, che altrimenti non avrei praticamente visto per tutto il giorno.
No davvero, io ve lo chiedo seriamente.... ma voi gente di credo e di chiesa, credete veramente alle cose che vi vengono dette dal prete?

Ci siamo seduti tutti attorno al tavolo, con un fogliettino rosa dove c'era scritta praticamente tutta la funzione. La piccola in braccio alla mamma che urlava per la fame, gli zii e i padrini pronti a dire le preghiere.
Si inizia col diacono che chiede ai genitori perchè hanno richiesto l'incontro e loro LEGGENDO sul foglietto, rispondono che chiedono il battesimo della loro piccola e la fede.
Già qua mi vien da ridere scusate... spontaneità meno di zero e io penso che per una persona che CREDE, dovrebbe essere una cosa naturale, non una lettura pubblica....
Poi il diacono procede dicendo ai genitori che col Battesimo loro si impegnano ad educare la piccola secondo la religione cattolica e se sono coscienti di questo impegno. I genitori rispondo SI, sempre leggendo!
Poi si fanno dei riti (perchè altro non sono) in cui i genitori toccano le orecchie e la bocca della piccola (perchè possa ricevere la parola del Signore e la possa tramandare) e poi i padrini toccano le mani e piedi (non mi ricordo bene perchè, ma credo sia per il cammino verso Dio). Poi viene cosparso l'olio nonricordocosa sul petto della bimba, poi tutti fanno la croce sulla fronte della piccola (me compresa, fatta con la mano sinistra... da un'atea... cazzo speriamo di non portarle sfiga!).
Poi è stata fatta una lettura tratta dal Vangelo secondo Marco, se non ricordo male, in cui si raccontava di come un contadino sparse i semi su un terreno sassoso e non crebbe nulla o in mezzo ai rovi e non crebbe nulla e poi il seme andò sul terreno fertile e crebbero molti frutti... addirittura 100... e per questa cosa c'è stata una sorpresa generale, alimentata dal signore che si era occupato della lettura.... Ora mi spiegate che senso ha? Il contadino sparge i semi, cadono tra i sassi e il sole li brucia perchè c'è poca terra e le radici sono deboli, poi alcuni semi vanno tra i rovi, che soffocano la pianta... e poi sul terreno fertile che da invece tanti frutti.... cos'è una lezione di agraria??? Vorrei capirne il senso. I semi siamo noi? Che lasciati in luoghi sbagliati non diamo il meglio? Oppure i semi sono gli insegnamenti, che gettati in una zucca vuota non trovano la via per crescere? E chi stabilisce quali siano i semi giusti? O il terreno giusto?
Mi sono tenuta dal ridere più volte onestamente. Mi succede sempre durante le cerimonie religiose. L'unico posto dove non rido è ai funerali, per rispetto del defunto.
La cerimonia procede poi con la benedizione dell'acqua (di rubinetto) e un rametto di rosmarino. Il diacono dice tre parole (io non le ho sentite perchè pensavo al post di stamattina) e l'acqua diventa santa, con cui poi fa la doccia a tutti. Io figlia di nessuno, visto che non sono battezzata non sono rinata nel corpo di Gesù e quindi sono una peccatrice, a contatto con l'acqua santa.... non mi sono sciolta come pensavo!. L'acqua santa, suggerisce il diacono, potrà essere utilizzata per benedire la casa o i figli, perchè anche i genitori hanno facoltà di farlo. Insomma, sono stati promossi!

Ora io mi sono posta dei quesiti ovviamente, sono un bicchiere vuoto ok? Non so nulla e sono ignorante, ma davvero....
Però, una bimba nata ad ottobre, deve essere purificata da cosa??? Rinasce in Gesù perchè così sarà protetta dal male! Ma davvero? Cioè nella vita non le capiterà mai nulla di brutto? Mi faccio battezzare anche io allora.
No scusate, davvero... ma la più bella è stata la domanda che mi è stata posta dalla mamma di Dr J alla fine. "Ti è piaciuta la cerimonia, bella vero?".
Cosa dovevo rispondere? Onestamente le avrei detto che l'ho trovata inutile, banale e anche piena di tante bugie. Ma non si può dire ciò che si pensa ad un cattolico (già voi mi starete odiando), essendo io un vuoto bicchiere senza educazione... è un caso che non abbia ucciso gente e non abbia torturato animali, perchè secondo quello che ho sentito ieri sera, solo chi incontra la parola di Dio sarà salvato dal male e da Satana.

Ma daiiiii.... io non ho incontrato nessun Dio perchè lo hanno deciso i miei genitori, ma sono stata educata comunque a non fare del male, a non uccidere, a non torturare. Ma per la chiesa e per le persone di chiesa, io sono Satana... sono l'eretica, sono quella da guardar male. E credetemi, ho 37 anni, so quello che dico. Il fatto di dire che non sono battezzata, che non vado in chiesa e che non prego, sconvolge sempre un sacco. Non capisco cosa ci sia di diverso in me. Se mi conosci e vedi come sono, cosa cambia se ti dico che non cammino con Gesù?
E poi le domande.... oddio... le domande che mi vengono poste mi fanno scompisciare... "Ma allora perchè festeggi il Natale?" "Ah ma allora non puoi sposarti con l'abito nuziale!".... no mi sposo nuda!!!!
"E' un peccato che non ti sposi in chiesa, è tanto meglio!". Sicuri? Un ora e mezza di messa è meglio di 20 minuti di cerimonia civile e poi tutti a divertirsi?
Siate onesti, quanti di voi vanno ai matrimoni pensando "Urrà alla messa....!" e quanti dicono "Uh che palle chissà che finisca presto e che si vada a mangiare!".
Io almeno sono onesta e lo dico. Ma io posso.... non cammino con Gesù!

Vs Eretica Libby

59 commenti:

  1. Ahahhahahhahaha!!!! Bè se ti fa piacere io ti dico che non sono sconvolta dal fatto che non sei battezzata e che non cammini con Gesù....ho sempre detto che sei un po' indemoniata (d'altronde te l'ha detto pure la psicologa no??!!) ehehehhehe. Scherzi a parte io sono d'accordo con te su tutto il fronte. Io sono stata battezzata e, come tanti altri, lo sono stata non tanto perchè i miei genitori credessero chissà quanto in dio o andassaro in chiesa ecc ma solo perchè "si fa così", come se fosse una cosa obbligata. E ancora oggi sembra che sia un passo obbligato quando nasce un bimbo....ma de che???? Io ed il Felino abbiamo già deciso che se avremo un pargolo non sarà battezzato, non andiamo in chiesa, reputiamo la chiesa ipocrita non vedo perchè affidare l'educazione di mio figlio ad un prete. Oltretutto io non credo neanche che esista un Dio, come ho già avuto modo di dire, per cui non vedo perchè partecipare a questo teatrino del battesimo (perchè come dici tu è proprio un teatrino). Io ho fatto la madrina al Fagotto Nipotoso, ma solo perchè Amicadelcuore me l'ha chiesto e per me era un onore che fosse attestato che farò parte della vita di questo bambino ma potevamo anche dircelo in mezzo ad un campo per quello che mi riguarda....non so se mi spiego. Devo dire che non salto di gioia ad andare ai matrimoni ma non tanto per la cerimonia, perchè ci sono dei matrimoni e dei preti che anzichè recitare una particella dicono parole che possono essere commoventi, vicine alle persone che vivono QUEL momento, e non frasi fatte inutili, come se imporre le mani su un po' d'acqua la rendesse benedetta. Diciamo che tutto va preso nelle dovute maniere, per chi ci crede è un rito che mette in pace col mondo, sai di aver affidato a Dio l'anima di tuo figlio, non che poi non gli succederà nulla ma che qualsiasi difficoltà si troverà ad affrontare avrà il conforto di dio vicino, per chi ci crede e vive la fede in maniera corretta è così, per chi fa le cose perchè "vanno fatte così" è solo una messa in scena misera. Per chi non crede come me invece è semplicemente inutile!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ecco, ora hai detto una cosa corretta. Se una persona crede, veramente nell'anima, che esista un Bene superiore in grado di aiutare la sua anima, è giustissimo che faccia questa scelta. Vederla fare da gente che non va nemmeno mai in chiesa, no, non la capisco. E' corretto anche il discorso che si fa il battesimo perchè "Si fa così" o "lo fanno tutti". No mi spiace, lo farò quando ci troverò un senso. Mia nonna pregava tutte le sere prima di dormire e io da piccina le facevo compagnia. Lei era contentissima di questa cosa, pensa che non deve essere stato facile per lei avere una nipote atea. Crescendo e capendo in significato di molte cose, mi sono rifiutata di farlo solo perchè bisognava. La cosa non le piacque, ma rimasi comunque la sua nipotina adorata. E' una cosa molto personale, che deve venire da dentro non deve essere imposta come vedo fare da tutti... ecco cosa mi rende questo rito una pagliacciata.

      Elimina
  2. ahahah eretica libby...allora...io sono battezzata, cresimata, mio padre e' molto credente...io ho frequentato tanto la chiesa da piccina, facendo la chierichetta, che mi sono davvero schifata da quanta ipocrisia e bugia c'e'....e ho smesso, diventanto anticlericale come sai.Mio nonno era talmente anticlericale che si e' fatto fare il funerale civile, ma devo dire che io vengo dalla toscana, e penso che non ci sia bisogno di aggiungere altro...:) Detto questo, il Vangelo e la Bibbia, presi da soli, se servono per non far del male, ben vengano..voglio dire, l'importante e' che uno cresca con buoni principi se poi glieli insegna la Chiesa oppure gli vengono insegnati da "ateo" va bene uguale..la Chiesa fa schifo per quanto riguarda preti pedofili, ricchezze spropositate, ma se uno segue la parola di Dio, perche' credente, ha tutto il mio rispetto e sostegno. Non importa in cosa crediamo, se questo e' motivo per migliorarci...se la religione diventa motivo di divergenze o addirittura guerre(come succede fin troppo spesso e dovunque nel mondo)allora diventa negativa. L'unica cosa che vorrei dire ai cattolici praticanti: io non pratico non vado alla Messa e vi porto rispetto.Cercate di portarne anche voi a chi non la pensa come voi perche' fin troppo spesso, come dici tu, chi non e' battezzato o in linea coi sacramenti viene guardato male..insomma, noi non credenti vi lasciamo stare e penso sia sacrosanto essere lasciati stare a nostra volta. PS son sempre io, Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te su tutta la linea. Il mio infervorarmi per certi argomenti, è dato dal fatto che ci sono cattolici che non sanno nemmeno come sia fatta la chiesa del loro paese, ma che se per sbaglio scoprono che non sono battezzata, si lanciano in sermoni gratuiti di una pesantezza e di un'offensività senza pari. Allora m'incazzo. Ammiro invece le persone che sono coerenti con il loro credo e il loro insegnamento. Che credono in ciò che pregano e mettono in pratica gli insegnamenti che gli sono stati dati. Ammiro molto il loro modo di vivere e anche se non lo condivido, lo appoggio. La Bibbia è semplicemente un libro scritto da un essere umano.... un romanzo se vogliamo. E se c'è chi ne trova giovamento bene, io potrei trovarne altrettanto leggendo Proust! O Sparks... Sono scelte. Io ho scelto questa strada e non me ne sono mai pentita, pare invece che ci siano cattolici che si beano del fatto di esserlo, ma non hanno la minima coerenza in quel che credono. Però giudicano gli altri...
      Tipo mia cognata che mi dice che anche se mi sposo vivrò sempre nel peccato perchè non sono sposata in chiesa e poi augura al marito di morire... ma lei è battezzata e Dio la perdonerà.... fanculo va'!

      Elimina
  3. Cara Libby, io penso che nessuno dovrebbe permettersi di giudicarti per quello che dici, perché la religione è un fatto talmente personale, di fede, che uno o ce l'ha o no, c'è poco da fare, e non penso che questo ti renda una persona peggiore di un cattolico, né viceversa! Detto questo, io non condivido particolarmente l'istituzione della chiesa, perché mi rendo conto che ci sono un sacco di schifezze in giro e, anche lì, predicano bene e razzolano male, che è la cosa peggiore che possano fare in quell'amibito, secondo me! Però credo in Dio e, ti stupirò, ad un matrimonio io preferisco essere alla cerimonia, che mi emoziona, perché è una cosa che sento (pur essendo un rito), che al pranzo, dove mi annoio a morte a stare ore a tavola!! :-) In ogni caso, al pre-battesimo non sarei andata neppure pagata!!!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahah... ma sai che io apprezzo molto le persone che mi dicono "Si, io credo e per questo vado in chiesa e le parole che vengono dette le sento molto!". Bene, sono contentissima di questo e lo trovo molto coerente. Purtroppo però non lo si può dire di tutti, anzi, è proprio il contrario.
      Nella mia vita di non battezzata, mi sono sentita dire di tutto. Cose anche molto molto brutte, tipo che brucerò all'inferno... non so se mi spiego. Io sono una brava persona, non rubo, non uccido, non faccio del male a nessuno, ma questo non basta se non sei battezzato. La cosa grave è che queste cose vengono dette da gente che è battezzata e va in chiesa a Natale e Pasqua, ma che magari abbandona un cane o picchia la moglie... ecco cosa mi fa arrabbiare. Io non giudico chi decide di seguire la parola di Dio e pretendo che nessuno giudichi me o voglia a tutti i costi costringermi a dire che la chiesa è una cosa giusta o che Dio esiste. No, non mi va proprio!

      Elimina
    2. Le persone di cui parli io le classifico tra quelli che predicano bene e razzolano male e, nello specifico, bigotti falsi ed ipocriti, dei quali non vale neppure la pena di perdere tempo a parlare, figuriamoci ad ascoltarli!! Ci vuole rispetto, poi va bene tutto!!!

      Elimina
  4. ahahah, sei un'indemoniata!! Dai, scherzo! Comunque, io credo in Dio...un pochino meno alla Chiesa; pensa che ad un funerale il prete al rosario ci ha cazziato tutti perchè invece di dire "ora pro ea" (si scriverà così...prega per lei) abbiamo detto tutti "ora pro nobis" (prega per noi)...un cazziatone che non ti dico! Ma scusa, non le puoi dire in italiano anzichè in latino le preghiere?!? Allora mi sono detta che in fondo siamo tutti uomini, ecco perchè io ai predicozzi dei preti non ci credo poi molto, preferisco l'idea di poter "parlare" direttamente con Dio (non prendetemi per pazza però eh?!) anche perchè, come già detto negli altri commenti, parecchi preti predicano bene e razzolano male!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti prendo affatto per pazza. Il punto è questo... se tu fossi nata nel medioevo, forse avresti creduto alle streghe e saresti andata da un mago per scacciare un maleficio. Ci sei? Il punto è che credete a ciò che vi è stato insegnato e va benissimo se ci credete e avete fede. Ma non credo sia corretto trattare da lebbrosi una persona che come insegnamento ha avuto che la Terra è stata creata da un'esplosione e che niente è nato per la creazione di un'entità o di un bene superiore. E' come se io sapessi il cinese e tu il russo... puoi avercela con me perchè io no so il russo? No! E' la stessa cosa.
      Apprezzo chi crede in Dio, non condivido, ma è giusto. Ma quando sento certi predicozzi, ti pregooo... Al matrimonio di una mia cara amica, lo stesso prete che si era rifiutato di sposarmi in chiesa se non mi battezzavo, ha fatto tutta la predica parlando di come un matrimonio solo civile viva nel peccato....ma ti rendi conto? Ho passato la cerimonia a ridergli in faccia... Non puoi, tu prete, ad un matrimonio, parlare di peccato solo perchè non ho acconsentito a farmi battezzare.... non credo sia quello che gli sposi volevano sentirsi dire.

      Elimina
  5. Io credo in Dio, prego ma non vado in chiesa tutte le Domeniche, inoltre non giudico chi è ateo, chi non frequenta.....sono scelte di vita!!!!Nessuno dovrebbe giudicare!!!Per quanto riguarda il battesimo molti lo fanno, perchè è così, perchè è la società che lo impone, magari dovrebbe essere il bambino a scegliere e non il genitore per lui......mi pare che il bambino si debba purificare dal peccato fatto dai genitori per concepirlo mi pare sia così perchè mia nonna mi raccontava che ai suoi tempi la madre non poteva partecipare al battesimo!!!!Che assurdità.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dimmi te.....ma questa chiesa è davvero un'assurdità....ma secondo te può Dio infinitamente buono dire che un atto d'amore è un peccato???? E sennò come si dovrebbero concepire i figlioli secondo i pretacci??? Guardandosi negli occhi.....Io ho lo schifo del ruolo della donna nella chiesa, sempre vista come il demonio!!!!!

      Elimina
    2. Ecco ste cose mi fanno ridere vedi? Lo ripeto per correttezza, io apprezzo molto chi crede e chi prega. L'andare in chiesa tutte le domeniche non serve, se Dio è davvero in ogni dove, puoi pregare anche stando a casa tua. E' giustissimo che lo si faccia se si ha fede e si crede. Però vedi? Dio è una cosa, i preti e la religione un'altra. Hanno raccontato una bella favola agli esseri umani e loro, ignoranti, ci credono. Come dice la Mere, vedono la donna come in demonio... ma siamo noi a dare la vita. Non ci credo che Gesù, figlio di Dio avrebbe questo pensiero sulle donne, non ci credo che un essere infinitamente buono possa pensare queste cose. E' l'essere umano uomo a pensarle e ad insegnarle. Ecco cosa mi fa ridere....

      Elimina
  6. il fatto di non sposarti in chiesa, visto che sei atea, ti fa onore.
    Conosco tante che si sposano in chiesa solo perchè "è bello" o "lo vuole la tradizione" cosa che è veramente offensiva e senza coerenza, soprattutto se poi in chiesa non ci vanno più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O quelle che si sposano in chiesa perchè poi la festa può essere più grande, ecc ecc, come se chi si sposa solo civilmente non potesse fare una mega festa comunque, con tutti annessi e connessi!!!! Ma quanto bigotti siamo ancora in Italia???

      Elimina
    2. Mere tesoro, nel mondo hanno tutto tranne il Papa, in Italia abbiamo il Papa tranne tutto il resto. E con questo ho detto tutto no?
      Elena, hai ragione. Conosco amiche che dopo la cresima non sono più entrate in chiesa, ma che hanno fatto una cerimonia in pompa magna in chiesa ed hanno avuto il coraggio di sorprendersi perchè io in comune indossavo l'abito bianco. Che ipocrisia! Anche stavolta mi sposo in comune e già mi è stato chiesto se non mi piacerebbe sposarmi con l'abito da sposa... visto che pare si possa indossare solo in chiesa. Che cazzata... a scanso di equivoci ho un bell'abito ROSSO DEMONIO per questo matrimonio....sono una peccatrice!

      Elimina
  7. è la prima volta in vita mia che sento parlare di "prebattesimo"... eppure io vivo in un posto in cui la domenica il prete a messa fa praticamente l'appello... Manco a dirlo, io l'appello ormai lo salto a piè pari e neanche più si stuèpisce della mia assenza... sono passata da fare la catechista, cantare in chiesa e partecipare a tutti le attività del centro parrocchiale, all'assenza totale... e solo perchè il prete nuovo non mi andava giù... voleva a tutti i costi che dicessi alle mie bambine del catechismo che devono arrivare vergini al matrimonio e io mi sono rifiutata, ribadendo che io alle mie bambine avrei insegnato ad avere rispetto dell'amore e del loro corpo... beh, ci siamo fatti uan litigata epocale, dopodichè ho messo una corce su quel prete... che io credo in dio, ma il suo fanclub mi irrita parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credere in Dio è una gran cosa, specie se aiuta ad amare e a fare le cose giuste, come lui insegna. Credere in Dio è un aiuto e una forza per le persone di fede. Ma come hai detto tu... il suo Fanclub è da mettere al rogo.
      Insegnare alle bambine ad arrivare vergini al matrimonio??? A che pro, se fanno le cose con amore, perchè dovrebbe essere sbagliato? Come fa un prete a venirmi a parlare di queste cose, lui che il sesso non sa nemmeno cosa sia. Ipocrisia allo stato puro, una cosa che irrita da morire anche me.
      E poi senti di preti pedofili che ne approfittano di ragazzini indifesi... Dio dovrebbe farli ardere vivi!!! Ecco cosa non posso tollerare...

      Elimina
  8. sono cristiana-cattolica e praticante e non mi sconvolge per niente il tuo essere non cristiana, è solo una delle tante possibilità!

    il tuo post mi fa sorridere e arrabbiare allo stesso tempo.

    se non credi, avresti fatto bene a non andare o a fermarti in un'altra stanza, almeno avresti evitato di farti ribollire il sangue :p

    mio marito è come te, non credente, e non è entrato in chiesa nemmeno per il funerale di mia mamma a cui voleva bene. L'ha salutata a modo suo :)

    matrimoni? dipende! ad alcuni matrimoni religiosi mi son chiesta "ma perchè si son venuti a sposare qui, se non ci credono?" e vedevi solo ipocrisia :(
    ad altri matrimoni in chiesa, ti si riempie il cuore nel vedere la gioia e il desiderio del matrimonio, non solo come atto civile, ma anche religioso.

    l'acqua non è santa.....è benedetta. E si, di solito si prende l'acqua da un rubinetto per poterla benedire. Altrimenti da dove pensi la si prenda?
    il benedire non è cosa propria ed esclusiva dei preti, ognuno puo benedire un'altra persona.

    e a chi ti giudica?!?!? un bel biglietto di sola andata per.......

    ah, non sapevo che l'acqua benedetta avesse il potere di sciogliere i corpi, dici che funziona bene anche come disincrostante? :p

    Fabiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabiana, te lo devo dire, mi sono fatta una sana risata. Ho letto tra le righe, che il tuo commento sta tra l'acido e il divertito e va benissimo così eh. Io adoro i confronti, sono quelli che ti fanno crescere dentro. La mia ignoranza mi ha fatto scrivere acqua santa... e invece come mi hai corretta tu, è benedetta... per me non fa molta differenza in sintesi, ma sono ignorante, quindi posso essere perdonata? La cosa dell'acqua che fa sciogliere... non l'ho detta io, l'ha detta il padrino della bimba, così pour parler!! Matrimoni in chiesa ne ho visti 2 in tutta la mia vita, uno ero pure testimone, pensa te. In questi due casi io ho visto solo ipocrisia, però immagino che non tutti i matrimoni siano così e per fortuna dico io. Tuo marito è come mio padre, io almeno ai funerali vado, lui nemmeno a quelli, lui aspetta fuori dalla chiesa. E' giusto così in fondo no?
      Ho tenuto per ultimo il discorso del prebattesimo, fosse stato per me, me ne sarei rimasta a casa sul divano, ma ho un quasi marito che vedo pochissimo e che mi ha pregato di accompagnarlo. Avrei potuto chiudermi in un'altra stanza, ma avrei solo acceso inutili discussioni e domande che avrebbero scatenato scenari apocalittici. A volte, con molta ipocrisia magari, preferisco far finta di niente. E sia chiaro, io ieri sera non ho pregato, non ho fatto segni della croce e non ho detto AMEN in nessun momento. Io ho assistito e ti dirò di più, questo mi è servito come... studio sul campo se vogliamo, che non mi piace parlare di cose che non conosco per niente. Almeno oggi ho potuto dire la mia su una funzione che in chiesa non ho mai seguito, visto che non ci sono mai andata.
      Grazie infinite per il commento comunque. :-D

      Elimina
    2. nessun acidume io ho sogghignato tutto il tempo mentre ti scrivevo e pensavo "porella, oltre al rito s'è dovuta sorbire pure la domanda della suocera!" ;p

      comunque se dj è praticante, potete comunque sposarvi in chiesa, senza bisogno che tu ti battezzi ecc ecc

      Elimina
  9. Sono figlia di madre al tempo cattolica e ora non più praticante, e padre ebreo, tornato a praticare dopo il divorzio con mia madre. Non ho fatto il catechismo, comunione e cresima da piccola, come di solito si usava, proprio perchè mio padre criticava il proselitismo tipico dei cattolici.
    A settembre mi sposo e il mio compagno mi ha chiesto di farlo in chiesa, nonostante lui non sia il cattolico più praticante che io conosca.
    Ebbene... dopo 30 anni in cui mi sono reputata di essere migliore di alcuni cattolici praticanti poichè ho una mia etica morale (più forte di altri proprio perchè non condizionata dal "timor" divino), dopo 3 esami di teologia e uno di storia del cristianesimo sostenuti all'università per cercare di capire, ho deciso di confrontarmi con il parroco della mia chiesa... Sai cos'è la cosa bella? ho imparato a mettermi in discussione...non mi è stato fatto il lavaggio della testa, alcune scetticità permangono, ma ho imparato a dire di meno "io sono, io faccio..." per abbracciare il "noi" (che poi è l'essenza vera di unpercorso di coppia che sto per intraprendere)... Prima il matrimonio (civile o religioso) non era fondamentale, ero convinta fosse più difficile e più bello andare avanti scegliendoci ogni giorno...ma facendo così saremmo rimaste sempre e solo 2 persone, ciascuna con le sue scelte.
    E mi sposo in chiesa, finalmente con una emozione che mi scuote e che pensavo di non riuscire a provare.
    La festa dopo? I don't care.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che questa è una cosa molto molto bella e lo dico con la più totale sincerità. Il fatto che una persona si metta in discussione, che decida di affrontare una cosa di cui sa molto poco e che da questo impari a vedere una cosa in modo nuovo e differente, io la trovo davvero una cosa molto positiva.
      E' bello anche sapere che ci sono persone come te, che vivono l'unione, il matrimonio religioso, in modo profondo e non solo come "una cosa che va fatta così" come la maggior parte di quelli che conosco. O che mi dicono "Ah mi sposo in chiesa perchè è più bello!". Ovvio che io di dica... ma come più bello? Non dovrebbe almeno essere più profondo? Io non credo che scegliere di sposarsi in chiesa o farlo in chiesa piuttosto che in comune, sia più vero o più importante rispetto al rito civile, anche se molti me lo vogliono far credere. Abbracciare il noi va benissimo, ma lo si può fare indipendentemente da dove decidi di sposarti, o da che credo vuoi seguire. Sai una volta cosa mi ha detto un prete (anche io ci ho parlato eh...) Dio, Gesù, Cristo... è un'invenzione dell'uomo per esorcizzare le sue paure più cupe. UN PRETE mi ha detto questo.... che Dio è un'invenzione perchè abbiamo paura. Ok, allora ci sto, posso anche crederci, ma eviterei tutta l'ipocrisia che lo circonda ecco.

      Elimina
    2. Eheheh!! sì, è proprio così!! ciò che andrebbe fatto è attualizzare la parola di Cristo al giorno d'oggi...perchè se parliamo del medioevo, ci credo che la gente avesse bisogno di aver paura dei demoni, ma oggi giorno? Ringrazio di avere un parroco come il mio: pensa che è stato bello anche sentir parlare Don Serafino della sessualità della coppia, finalmente non considerare peccato il sesso prima del matrimonio o sentirsi negare la cresima perchè si convive..perchè 2000 anni fa a 14 anni una ragazza era già madre, ora se lo diventa a 30 è quasi un miracolo!!

      Elimina
    3. Hai perfettamente ragione... a volte le apparenze ingannano e la cugina del mio ex marito non ha potuto sposarsi nella sua parrocchia perchè il prete ha saputo che aspettava un figlio. La mia domanda di allora fu "Ma può essere condannato un atto d'amore? Non è comunque un figlio di Dio? E se davvero è stato un errore, perchè non provare a farle capire l'eventuale errore e perdonare, come dovrebbe poi essere l'insegnamento?". Domande che mi sono posta da ignorante ovviamente.

      Elimina
  10. Ma davvero l'acqua benedetta non ha sfrigolato quando è caduta su di te, demone perverso che andrai sicuramente all'inferno a bruciare insieme a tutti i peccatori!!!!!!!!!! Mi fai morire Libby, io sono stata battezzata, cresimata, ho fatto la prima comunione, ho perfino insegnato catechismo, e quando ho chiesto di battezzare mio figlio mi sono sentita rispondere che non era possibile perchè era figlio di un adultero e di una concubina!!!!!!!! quindi trai le tue conclusioni su quello che penso ora riguardo a certe cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahah.... vedi... è diverso credere in Dio o dar retta alla chiesa o ai preti. Dio avrebbe abbracciato te, tuo figlio e il tuo compagno.... porgi l'altra guancia no? Ecco cosa detesto, l'ipocrisia, il credersi superiori e senza peccato. Mentre tutti, bene o male siamo dei peccatori. Non mi pongo domande su cosa tu possa pensarne ora della chiesa... ma mi scappa da ridere!

      Elimina
    2. ai tempi io ne ho fatto una malattia ho quasi rischiato di perdere il latte, tanto mi sono sentita in qualche modo tradita e offesa. Ora vedo le cose con più distacco, il bambino poi è stato battezzato, ma non con tutto quel cerimoniale che hai descritto tu e che francamente mi ha fatto davvero ridere, ha fatto la prima comunione e la Cresima, io e il suo papà nel frattempo ci siamo sposati, ma per la Chiesa siamo sempre una concubina e un adultero.

      Elimina
  11. La prima volta che ti vedo ti annego nell'acqua santa! Peccatrice impura!
    Mah, solo su una cosa ti do contro: fossi stata in te, cosi convinta delle tue idee e salda nelle tue convinzioni, a sta festa non ci avrei manco messo piede, marito o non marito. Anzi no, c'è anche un'altra cosa: prima di parlare male dei matrimoni in chiesa, dovevi venire al mio! Il prete era mio parente, mi ha fatto togliere una lettura e dimezzare un'altra, via le invocazioni ai santi e predica che recitava più o meno cosi 'questi giovani sono cosi belli e emozionati, sposiamoli subito che tanto qualsiasi cosa dica non mi danno retta'. Durata della cerimonia:,45 minuti, senza tanto 'dio di qua, gesù di là', ma una celebrazione dell'amore e della famiglia. Cioe quello che è il matrimonio. Tutte le mie amiche i sono prenotate il mio prete! Un grande. Sarebbe piaciuta anche ad un'atea come te, cosi come è piaciuta a chi era presente e con dio e i preti aveva poco feeling!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho dubbio alcuno Candy cara, infatti non ho nulla contro i matrimoni in chiesa, sia chiaro. E' l'ostentazione e l'ipocrisia che non mi vanno a genio. Il parroco del mio vecchio paese bacchettava noi ragazzine perchè andavamo a 14 anni in giro in pantaloncini corti, poi si è scoperto che passava le notti dalla madre superiore dell'asilo.... si ecco, tanto per farti capire.

      Elimina
  12. Libby sei un mito, bel post :) il ramo di rosmarino e la voltura dell'acqua da normale a santa mi piacciono tantissimo (no davvero, il rosmarino non lo comprendo, cosa sarebbe una nuova dieta? acqua santa e rosmarino e perdi 10 kg in sette giorni? mah.).
    Se ti consola, aspetto di lasciare il nido per iniziare le pratiche dello sbattezzo. Perchè aspetto? perchè temo più l'ira (e il rompimento di scatole conseguente) di mia madre che l'ira di dio ;)
    Comunque chapeau alla riflessione finale sul non essere necessariamente satana sebbene tu non sia stata lavata dal tuo peccato originale (in pratica si nasce con una tara spirituale. che simpatici.).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si che poi, cara Paola, sta cosa del battesimo mi sta un po' sul culo sai.... tu obblighi un bambino ad una scelta che potrebbe fare in età della ragione. Tu imponi una cosa che magari a lui non sta bene. Tu lo "salvi" dal peccato di quella stronza di Eva che ha mangiato una cazzo di mela, mica ha ucciso Adamo perbacco!!! Già colpevoli solo per essere nati. Roba da matti.
      Non sapevo esistesse una pratica per lo sbattezzo.... ma capisco l'evitare le ire della mamma... quelle si che se si arrabbiano sono peggio di satana ahahahah!

      Elimina
  13. Ps: se e quando avrò figli, li battezzerò xche le nonne ci tengono. Mi darai dell'incoerente vero? Però non voglio dare dispiaceri alle nonne.....e poi.... Sia mai che non se là prendano e non vogliamo più farmi da babysitter!! Orrore! Val la pena un po d'acqua spruzzata in testa, via!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti do dell'incoerente, è una scelta, ma io una scelta tale la farei perchè credo in questo gesto e non per far contente le nonne.... IO, ma si sa, io sono una cazzona!
      Io non avrò mai figli, forse è meglio così... ho detto troppe volte che non li avrei mai battezzati, mi stanno punendo ajhahahah!

      Elimina
  14. Potrei dire un miliardo di cose negative sulla chiesa. Ad esempio che tutti questi riti mi sanno tanto di superstizione arcaica (toccare i piedi perché il bimbo rimanga sulla strada di Dio... mah), che trovo l'idea della Chiesa di fare sesso solo per procreare roba da animali, visto che sono loro che lo fanno solo con quello scopo e io speravo che in quanto esseri umani fossimo più evoluti, e che la maggior parte delle chiacchiere dei devoti/bigotti sono totalmente ipocrite... Conosco gente che, quando hanno cambiato il prete in paese, e questo era molto antipatico, è passata ai testimoni di Geova. Perché, se prima andava in chiesa tutti i giorni? Perché questo prete non è gentile, non è simpatico, poi c'è stato lo scandalo pedofilia e il papa non ha reagito come doveva... No, stop un attimo: ma a te che te ne frega? Sei cattolico? Okay, conitnui ad esserlo, come fai a cambiare religione? E se domani il capo dei testimoni di Geova (mi scusino i testimoni di Geova, non so come funzioni nella loro chiesa, sparo a caso) non ti saluta perché ha le scatole girate, tu cosa fai, diventi musulmano? Trovo tutto ciò sommamente ipocrita.
    Io in chiesa, ripeto, non vado anche se ho mio padre che fa il sagrestano: ma sospetto sia tutta una questione di amore per la cerimonia, per l'organizzazione della faccenda eccetera, non la vedo una cosa legata tanto a Dio quanto a una cosa che deve funzionare in un certo modo e lui deve fare la sua parte perché tutto fili liscio. E' poi la stessa ragione per cui mi piace il mio lavoro, ma con la religione c'entra proprio come i cavoli a merenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa vuoi dire. Infatti se vogliamo si possono separare le due cose, DIO è una cosa, la Chiesa con i suoi sacerdoti un'altra. Una persona può fermamente credere in Dio e non andare in chiesa. Che sia per il parroco che non gli va a genio, che sia perchè trova ipocrisia, più che fede. Io potrei credere in Dio ma detestare la Chiesa in quanto istituzione che t'infarina la testa di cose che poi non mette in pratica, leggasi pedofilia ecc ecc. Proprio oggi, in un discorso sulla chiesa, il mio consorte, cattolico mi ha detto che lo sto portando sulla cattiva strada.... solo perchè effettivamente, si è reso conto di alcune forzature. Non sono stata io eh, è solo molto intelligente ecco! Se le persone aprissero gli occhi, scoprirebbero che per amare Dio, non servono sceneggiate, perchè il Dio che vogliono farmi credere che sia, ti legge nell'anima, non ha bisogno d'altro.

      Elimina
  15. Siamo molto "vicine"su questo argomento.
    Facciamo prima a vederci per un caffè, ne avrei da raccontarti!
    Quanto a catechismo le so tutte, sono stata credente anch'io fino agli otto-nove anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahh.... sei una grande. Oh sto caffè... facciamo dopo il matrimonio, hai pazienza vero? Che se ti do un appuntamento ora, sicuramente ti do buca! :-D

      Elimina
  16. non sono solita prendere le difese di nessuno, ma nel post leggo derisione e poca tolleranza nei confronti dei credenti, o di chi va a messa...
    ma spiegami, tu riesci ad essere così coerente e perfetta nella tua vita? se non possiamo giudicare nessuno, facciamolo!
    ci sono persone che purtroppo non si chiedono il perchè dei loro comportamenti e dei loro malesseri e vanno avanti per inerzia. quindi ci sono persone che vanno a messa senza pensare al motivo, così come ci sono persone che per partito preso fanno di tutta un'erba un fascio e, senza essere informate, sputano sentenze su riti, significati, contenuti delle letture (!!!)...
    vista dall'esterno il tuo post sembra davvero poco rispettoso.
    eppure ti leggo da un po' (silenziosamente) e non credo tu porti poco rispetto... forse ti fregano i toni, almeno per come la vedo io.
    e non sono una casa-chiesa come potresti pensare. credo sinceramente nel cattolicesimo, e in cosa fa la chiesa a livello pastorale, locale, spirituale anche. ma fatico ad identificarmi in riti in cui non capiamo bene il significato, con parole memorizzate e poco pensate.
    ma dietro ci sono cose che non sappiamo, "incrostazioni" temporali che non conosciamo, parole che non comprendiamo ma che non per questo sono vuote...
    questo per dire che certo, tra i praticanti ci sono gli incoerenti... ma a ben vedere quest'ultima categoria c'è in tutti i credo e non credo... quante volte un ateo per tutta la vita, si ritrova a pregare dio quando gli si presenta una grande difficoltà nella vita.
    e poi, anche se non lo ritieni possibile adesso, non si sa mai cosa possa riservare la vita...
    per me è impossibile non riconoscere una mano divina nel mondo, eppure c'è chi la pensa diversamente.
    e va bene, ci sono menti, sensibilità, trascorsi diversi.
    ma non credo potrei parlare "del merito", dei contenuti delle motivazioni degli altri, che sono intime e poco conosciute dalla gente che osserva dall'esterno...
    no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, hai perfettamente ragione nella tua esposizione, ma ti assicuro che il mio post, in nessun modo vuol esser di derisione per i credenti, ma per gli ipocriti e le persone che avevo attorno ieri sera, mi spiace dirlo, lo sono. Persone che si fanno il segno della croce prima di mangiare e poi augurano la morte al proprio marito. Persone che pregano ma che cornificano la moglie... persone che dicono di amare il prossimo ma godono della loro vita disgraziata. Mi spiace se in qualche modo ho usato toni poco rispettosi, in effetti il mio modo di esporre è colorito a volte, ma ti assicuro che in nessun momento ho voluto prendere in giro chi prega col cuore e chi ci crede per davvero.
      I riti che ho visto ieri sera, con tutto il significato che possono avere, sono sembrati poco naturale e poco sentiti e quindi per un'ignorante come me anche poco compresi forse. Sarà che difficilmente faccio qualcosa in cui non credo.
      Poi scusa, quando ho deriso chi crede o chi va a messa? In che momento e in che modo.... ho detto solo che trovo ipocrita andare a messa alle feste comandate e poi passare il resto dell'anno a metterla nel didietro al prossimo, che tanto Dio ti salva l'anima, basta chiedere scusa. Questo non fa di me una persona migliore, sia chiaro, ma nemmeno peggiore come molti han tentato di farmi sentire. L'arroganza di credere di essere più alti perchè si va in chiesa, io mai mi sono sentita superiore di nessuno, che fosse credente o meno.
      Non sono di sicuro coerente, e men che meno perfetta, tanto è vero che ieri sera, per amore del mio compagno sono stata ad una cerimonia che non m'interessava per niente.
      Il punto è... se volete andare in chiesa, con la testa, con il cuore o con i piedi, se credete davvero a quello che la religione vi racconta, bene, sono felice per voi, ma non giudicate male chi non ci va e io non ho conosciuto MAI NESSUN cattolico praticante che non mi abbia fatta sentire una merda! Quindi non è a me che devi chiedere se sono o meno coerente, non è a me che devi venire a dire che derido e manco di rispetto, perchè io non manco di rispetto volontariamente a nessuno e se lo faccio e me ne accorgo chiedo scusa. Saranno i toni? Forse, o forse in questo caso faccio quello che mi insegna la Bibbia... occhio per occhio, dente per dente!

      Elimina
    2. mi sono un po' "infastidita" quando dici che la lettura della bibbia sembra una lezione di agraria... ok, è una battuta, ma direi di rimanere sul "meno pesante"?
      (sarà che le ritendo cose importanti)

      cmq capisco che ti senta infastidita da persone che hanno due facce e poi si permettono di giudicarti ma... questo è un loro problema, che è indipendente dall'andare a messa o dal professarsi cristiani... no?
      cioè, criticherei il comportamento incoerente, non i riti e le parole che non capiamo.
      ecco, forse questo volevo dire! :)

      (cmq la bibbia non insegna occhio per occhio... :D)

      Elimina
    3. Tratto dall'antico testamento
      Esodo 21, 24: "Occhio per occhio, dente per dente, mano per mano, piede per piede, bruciatura per bruciatura, ferita per ferita, piaga per piaga. "
      Levitico 24, 17, 22 La legge del taglione: "Se un uomo colpisce un essere umano sia messo a morte, chi colpisce un animale ne darà un risarcimento: vita per vita. Se un uomo ha inflitto una mutilazione ad un suo compatriota, come ha fatto così gli venga fatto: frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente; com'egli ha inflitto una mutilazione a qualcuno, così la s'infligga a lui...".

      E comunque la mia battuta sull'agraria era riferita al signore che ha fatto la lettura e che si è prodigato in esplosioni di giubilo per i 100 frutti... non per la lettura in sé.

      Di sicuro ci sono persone che giudicano, a prescindere dal fatto che siano credenti o meno, ma in questo post, parlavo proprio di chi, da cattolico giudica chi non lo è, e non ritengo in questo caso sia un problema solo loro. Tutto qui.

      Elimina
    4. guarda, lasciamo stare la citazione letterale della bibbia perchè la lettura che se ne dà è diversa (perchè l'antico testam è stato scritto in un'epoca molto diversa culturalmente da oggi)...

      per il resto, mi pare abbiamo messo sul tavolo le nostre opinioni! :)

      Elimina
    5. La citazione letterale è stata riportata semplicemente perchè nella Bibbia C'E'. Se poi mi dici che Gesù con la Legge dell'Amore ha sovvertito quello che compare nell'Antico Testamento, si hai ragione. Se parliamo di epoche comunque, anche la nostra è molto diversa da quella che è rappresentata nel nuovo Testamento, se ci pensi bene. Però sarebbe davvero bello che tutti applicassero le cose buone della Bibbia... non lo si fa, ma del resto siamo solo dei piccoli esseri umani.

      Per il resto si, direi che abbiamo messo le carte in tavola.
      Ciao. :-D

      Elimina
    6. si si, nella bibbia c'è ma non vuol dire quello!

      è come se, sotto qualche post cfa che hai scritto "sopprimetemi", noi venissimo lì in massa a farlo! non volevi dire uccidetemi, giusto? :)

      per comprendere la bibbia bisogna essere interessati a cogliere il messaggio e avere delle dritte da qualcuno di più esperto!

      ciao! :D

      Elimina
  17. Risposte
    1. E non siamo le uniche a quanto pare!!!!

      Elimina
  18. sarò polemica anche io. Penso che sia incoerente far battezzare perchè così vuole la nonna così come fare il segno della croce su una bambina se si è atei. Detto ciò e aggiungendo che il rito del battesimo cambia da posto a posto io me la prenderei con chi ti giudica a prescindere dalla religione o dalla coerenza o meno con essa. Io sono molto contraria a tantissimi insegnamenti della chiesa o dei preti eppure mi sposo in chiesa perchè voglio sposarmi davanti a dio. E il battesimo "serve" a purificare dal peccato originale che non è l'atto del concepimento ma il peccato fatto da adamo ed eva quando si sono allontanati da dio. Quello in cui io credo relativamente al battesimo è il buon auspicio che si vuole dare alla creatura con il supporto dei genitori spirituali che sono padrino e madrina. Certo, mi rendo conto che è come se facessi una religione fai da te, prendendo solo quello che mi piace. Sono incoerente? Probabile, ma io non giudico te (te generico) nè voglio essere giudicata per questa mia incoerenza

    peace & love

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione sul segno della croce su una bambina visto che sono atea, ma ti domando.... in presenza di tutto il parentado del tuo futuro marito, davanti ad un diacono e ad altre due persone di chiesa, durante il pre battesimo, ti saresti messa a contestare un gesto del genere? Pensaci bene....
      Ho sbagliato ad andare quello si, ma nel momento in cui mi sono trovata lì non avevo molte alternative.
      Credo inoltre sia una scelta personale quella di prendere dalla religione in cui si crede, solo quello che ci pare più corretto... anche quelle sono scelte.

      Elimina
    2. anche io avrei fatto come te in quella circostanza Libby, non fraintendermi, è per dire che tutti quanti facciamo scelte controverse a volte
      e anche io pur essendo più credente di te trovo buffe alcune parti di quel rito come il rosmarino (che da me non si fa)

      Elimina
  19. Anche io ho 37 anni e non sono battezzato, e personalmente resto colpito dalla "ritualità" dei battesimi, ci sono dei gesti che fanno parte di una procedura che ricorda un pò quello che fanno alcuni giocatori incalliti per propiziarsi la fortuna... Quando assisto ad altre cerimonie, tipo matrimoni e funerali, mi limito a chiedermi se veramente la gente che partecipa possa credere che recitare la preghierina giusta possa servire a qualcosa, ovvero incomincio a pensare, con una logica tutta mia, che secondo me Dio non esiste, ma se esistesse di certo se ne fregherebbe delle preghierine dette in chiesa alla domenica ma giudicherebbe le azioni! Poi passo a considerare che se esistesse Dio una buona quantità di clericali avrebbe il giusto premio dopo aver prestato opera nella Vaticano S.p.A.
    E infine mi fanno pena quelli che battezzano i figli, gli fanno fare la comunione, la cresima e il matrimonio in chiesa ma se ne fregano alla grande a messa alla dmenica non ci vanno mai, lo fanno perchè si deve fare, quelli, se Dio esistesse, credo li farebbe bruciare all'inferno, io perlomeno al posto suo lo farei, mi prendi per il culo una vita intera e poi che pretendi?
    Penso che una naturale evoluzione nella fede sia emanciparsi da tutti i vacui rituali che la chiesa impone passando ad un rapporto diretto con la divinità in cui si crede, tanto tutte le scenette che si vedono in chiesa sono solamente una sovrastruttura imposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele, sottoscrivo in toto il tuo commento. La penso allo stesso modo. La religione è un fatto personale ed ognuno può viverla come meglio crede, il punto è che se non la vivi come loro t'impongono, sei figlio di Satana. La cosa mi fa molto ridere a volte, trovo che questi siano cervelli molto limitati. La Bibbia è un romanzo, racconta una bella storia, magari lunga e prosaica, e ci sono uomini che ne hanno fatto un business.

      Elimina
    2. Infatti ho assistito al primo battesimo in chiesa abbastanza colpito dalla ritualità della cosa, sembrava l'analogo del salto nel cerchio di fuoco, gesti e litanie vacue e sempre uguali per un semplice rito di passaggio.
      La seconda volta avevo l'animo dell'antropologo, ma comunque due cose mi hanno dato da pensare, veramente ci credono che con due preghierine e un pò d'acqua si passa da figlio di nessuno a figlio di Dio? Che debbano essere dette proprio quelle preghierine, l'ha detto Dio (ammettendo che esista) o se lo è inventato il primo umano fallace che è passato epr di qua?
      E POI L'INTERROGATIVO PIU' GROSSO: ma veramente è valido il battesimo di un bambino che non riesce nemmeno a stare seduto? Secondo me no! E se fossi Dio fulminerei i genitori solo per la loro prepotenza, impongono un rito e una fede senza chiedere all'interessato...
      Ma forse io sarei il Dio dell'antico testamento che era un pochino più cattivello ;-)

      Elimina
  20. Ho ricevuto tutti i sacramenti, perlomeno fino alla Cresima, sono cattolica e molto poco praticante.
    Credo in Dio ma non in chi lo dovrebbe rappresentare, la Chiesa.
    Ti dirò che nonostante abbia partecipato a varie messe, quando ero piccola, mi è capitato crescendo di trovare un pò assurdi certi riti che vengono seguiti normalmente.
    Questo cosa vuol dire, che sono una cattiva cristiana?
    Io non credo, non credo che sia necessario fare tutti quei gesti per essere vicina a Dio e credo che nemmeno Dio intenda tutto ciò.
    Sono dell'idea che sia solo una interpretazione (per lo più errata)degli uomini che dovrebbero rappresentare Dio.
    Quello che hanno fatto a casa dei tuoi suoceri per il battesimo lo trovo poi abbastanza assurdo. Da me non si fa. Il Battesimo avviene solo in Chiesa, con tutti i suoi riti cmq discutibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente ho avuto un leggero dubbio, magari sono malfidente... adesso non è che il rito a casa se lo fanno pagare con offerta libera? No perchè non mi sorprenderei. Già paghi il noleggio della veste ecc ecc, almeno so che dalle mie parti è così. Loro hanno detto che fare tutto in chiesa diventerebbe molto lunga la cerimonia e i bambini si stufano. Ma se lo hanno sempre fatto e non è mai morto nessuno? Mah...
      Poi la religione e come la si vive è una cosa molto personale.

      Elimina
    2. la veste a noleggio???? da noi la regalano. E quindi il battesimo in Chiesa come sarà?

      Elimina
    3. è molto strano perchè il battesimo in chiesa dura pochissimo in realtà perchè è staccato dalla messa (non come il matrimonio che è nella messa)

      Elimina
  21. IO ODIO LA CHIESA E TUTTO QUELLO CHE CI STA INTORNO... NIENTE ALTRO DA DIRE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisa e concisa... così mi piaci!!

      Elimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Le vostre perle...