mercoledì 28 dicembre 2011

Come la nebbia...

Sento l'esigenza di scomparire.
Non so se vi è mai successo, se avete mai sentito il folle bisogno di chiudervi in una scatola per sentirvi libere. A me capita questo oggi, ieri e forse anche domani.
Non ce l'ho con tutto il mondo, ma vorrei starmene in pace con Dr J, i miei genitori e basta. Per tutto l'affetto che provo per voi e per qualche amico, dentro di me sento il bisogno di sparire per essere libera.
E' una sensazione piuttosto strana in effetti, ma rende l'idea di protezione dagli eventi esterni che mi sfiorano e mi toccano e mi danno fastidio.
Nella mia testa rimbalza un pensiero, un verbo a dire il vero: CAMBIARE. Tutto, tranne l'essenziale e l'essenziale è Dr J... e il gatto!
Ora pensavo... di starmene un po' in stand by, come se bastasse sparire da qui o da FaceBook per sparire dal mondo e dalle cose che mi fanno star male, invece no, sono un'entità in carne ed ossa, non solo virtuale, quindi non servirebbe andar via da qui, non servirebbe a nulla. Semplicemente potrei scrivere come faccio ora, quando ho qualcosa da dire. Ma sarebbe bello. Sarebbe bello poter vivere la vita come un blog, esserci quando hai qualcosa da dire o da fare e stare nell'oscurità quando invece proprio non hai nulla da condividere.
Sarebbe facile, genuino, sano. O forse no, ma al momento mi piacerebbe essere un'entità virtuale, che possa essere spenta se non mi va più di esserci.





Credo di essere pazza.

Libby

15 commenti:

  1. pazza no..credo che tu sia solo tanto, troppo stanca..

    RispondiElimina
  2. No, non sei pazza. Capita di sentirsi così, vulnerabili, evanescenti e delicati, credo sia istinto di sopravvivenza, auto-protezione. E' necessario anche questo, prendersi il proprio spazio, per stare in ascolto, in solitudine e ri-centrarci. Silenzio. Spesso è questo a mancare di più. Non dover spiegare nulla, non dover essere obbligate a rispondere, non dover rendere conto a nessuno. Togliere la maschera e poter essere ciò che siamo, senza mistificazioni.
    Potrei dirti che quando mi sento così io, in genere, mi assecondo. Non pretendo di essere quel che non sono. Accolgo. E mollo la presa e mi lascio andare se è di questo che ho bisogno. O almeno sto imparando a farlo.
    Sono giorni strani questi, per tutte, credevi davvero di poterne uscire immune? ;))

    p.s. Dove le hai fatte le foto?

    RispondiElimina
  3. Io spero che questa nebbia si diradi presto, perchè allora vorrà dire che avrai superato questo periodo critico e tornerà a splednere il sole nella tua vita :-)

    RispondiElimina
  4. @Nina: le foto ovviamente non sono mie, le ho "rubate" al Web e le trovo bellissime. Non pensavo di essere immune da nulla, ormai sono abituata a sentirmi così, grigia ed evanescente come la nebbia. A volte vorrei esserlo davvero ed evaporare al primo sole. Tornare quando sono sicura di me e di cosa voglio. Adesso è un momento semplicemente difficile. Tutto qui. Mi assecondo per quanto mi è possibile, perchè se lo dovessi fare per davvero, prenderei e mi nasconderei in uno di quei paesaggi toscani invernali, nebbiosi ma così vivi e pulsanti da far sentire viva anche me.

    @Luna: ah cara, da quanto ci conosciamo? Da un bel po' ormai e ho imparato da me stessa che i periodi così non passano mai in fretta. Anzi a volte non passano proprio, finchè non fai una follia, una cazzata che ti fa sentire di nuovo viva. Al momento mi muovo con cautela e cazzate non ne posso proprio fare... in trappola in pratica.

    RispondiElimina
  5. Non credo che tu sia pazza e SI è capitato pure a me di avere voglia di nascondermi da tutto, di non esserci più per nessuno, di non avere nessun obbligo, di non dover sottostare alle regole del quieto vivere, ma poi il bene che vuoi alle persone che a loro volta ti vogliono bene e non capirebbero o prenderebbero il silenzio per menefreghismo prende il sopravvento e ti fa fare tutto ciò che è necessario. Eppure a volte basterebbe così poco, forse oltre che cambiare tu hai bisogno di riprendere contatto con te stessa e per questo ci vuole silenzio e pace.....

    RispondiElimina
  6. che dire...
    l'esigenza di andare via e diventare "donne invisibili" la provano un po' tutti... anche se personalmente la trovo una cosa un po' sciocca... se siamo soli o in compagnia poco cambia... la cosa essenziale è star bene nei nostri panni... così e solo così si può star bene in ogni dove...

    RispondiElimina
  7. Per un pò ci si sente in trappola, e forse lo si è davvero. L'ho provato sulla mia pelle, ma piano piano si esce dalla trappola...te l'assicuro:-)

    RispondiElimina
  8. Non sei pazza, devi solo come scrivi tu stessa muoverti con cautela, guardinga come una volpe che cammina sul ghiaccio dicono gli orientali...
    L'inverno è la stagione del raccoglimento, dell'introspezione, del rifugio nel nostro mondo interiore, è necessario questo periodo, fisiologico, per rifiorire con nuova grinta ed energia la prossima primavera.. :-)

    RispondiElimina
  9. Non sei pazza...E' solo un periodo un pò strano...Hai solo bisogno di qualche cambiamento...Di qualche stimolo nuovo...Però non buttarti troppo giù...Noi ti sosteniamo virtualmente!!!

    RispondiElimina
  10. gia ti capisco bene stella..
    e speriamo arrivi presto un cambiamento! :)

    RispondiElimina
  11. Non ti biasimare...rispetta la tua esigenza di stare racchiusa in te stessa..siamo in continua evoluzione...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. @Mere: le persone che davvero mi vogliono bene capirebbero i miei silenzi e il mio NON essere presente. Solo che non si può, il silenzio dovrebbe venire da dentro, prima che da fuori, non credi? Se i pensieri che hai fanno un gran baccano, come trovi la pace?

    @Patalice: hai detto una verità in effetti. E' come quando ci si sente soli, capita di sentircisi anche in mezzo ad una folla e a volte capita di sentirsi parte del mondo, anche se si è soli. Parte tutto da qui, dal centro dell'anima.

    @Luna: allora continuo ad aspettare di intravvedere l'uscita.

    RispondiElimina
  13. @Silvia: che bella la parola primavera, ti fa intravvedere i colori del mondo e i profumi che col freddo non senti (ma ne senti altri). Dà l'idea di rinascita e di cose nuove, speriamo sia di buon auspicio.

    @Memole: grazie cara amica, e meno male che ci siete voi a stagnare le mie cazzate ahahahah! Nel frattempo attendo irrequieta tempi migliori.

    @Lali: tesoro, so che mi capisci, ma tu sei stata coraggiosa ed hai scelto la tua strada a testa alta. Un grande cambiamento che ti porterà a grandi cose.

    @Arianna: evoluzione... non ci si ferma mai.

    RispondiElimina
  14. Libby io spero che qualcuno mi rapisca per poter sparire un po'.
    Non mi considero pazza ma solo stanca.
    Probabilmente lo sei anche tu

    RispondiElimina

Le vostre perle...