martedì 8 novembre 2011

Una cosa l'ho capita....

Che la gente non capisce un cazzo!!!


Quali e quante interpretazioni si possono dare ad un cartello con scritto DIVIETO DI ACCESSO?


La ditta dove lavoro è una normalissima officina meccanica, costituita da una porta con scritto UFFICI e un portone enorme che da accesso diretto all'officina. Attaccato al portone c'è un cartello gigantesco con scritto 





E’ FATTO ASSOLUTO DIVIETO AI NON ADDETTI DI ENTRARE IN
CAPANNONE PER QUALSIASI MOTIVAZIONE!


SI PREGA CORTESEMENTE DI RIVOLGERSI
ALL’UFFICIO ALLA VOSTRA DESTRA.


NEL VIOLARE QUESTO SEMPLICE DIVIETO
SARETE GLI UNICI RESPONSABILI
PER EVENTUALI DANNI ALLA VOSTRA PERSONA
E AGLI ALTRI.


Visto che, nonostante il cartello, la gente entra direttamente senza passare per l'ufficio, ci siamo procurati una catena di plastica bianca e rossa, appesa di traverso sul portone ad altezza vita, dove è attaccato un altro cartello identico a quello sul portone. In totale 3 cartelli!!! TRE!

Due minuti fa arriva una macchina, scendono due uomini, passano davanti alla porta dell'ufficio, scavalcano la catena ed entrano in officina, pacifici e beati.

Ste cose mi fanno incazzare da morire. 
Voi potreste dire che non sono fatti miei, invece si, perchè noi dipendenti siamo responsabili nell'eventualità che qualcuno si faccia male in officina. Il nostro compito è assicurarci che le persone passino per l'ufficio e non entrino in officina se non accompagnati.
Così ogni santissima volta che arriva qualcuno, devo correre in officina e dire loro "Signori, per cortesia, ci sono tre cartelli di divieto, non si può entrare dal portone!!".
Solitamente la gente mi risponde "Ah non l'ho visto!". 
A parte che per non vederlo devi essere completamente orbo, ma poi dico.... sei come ghost? Passi attraverso la catena?
Allora ribatto "Veramente c'è anche la catena... e per entrare deve averla scavalcata!".
Sorriso di circostanza e poi mi sento dire "Ah lo avrò fatto senza accorgermene!". 
E vi giuro che, che sia uomo donna o bambino, vecchio, giovane, ingegnere, panettiere o ufficiale della marina, tutti rispondono allo stesso modo e tutti entrano in officina senza passare per l'ufficio.
Ed è anche capitato che io non li vedessi nemmeno entrare e che questi girassero indisturbati  tra lamiere e tubi in ferro.

Ma io dico... sti cazzi (aggiungerei!), ma cosa c'è di difficile nel suonare il campanello e passare dall'ufficio? Cosa c'è di incomprensibile su un VIETATO ENTRARE? Pensano forse che il cartello sia lì per far colore? Per bellezza?
Che poi, se scazzata faccio loro notare la cosa, poi riferiscono al boss che sono maleducata... cosa faccio la prossima volta... esco col mitra?
Poi ce ne sono molti che sono amici del Messia, di conseguenza entrano e si prendono la roba senza nemmeno chiedere o semplicemente mi dicono "Ah dopo parlo io col Messia, che tanto mi conosce!".
Si ok, ma io no! Che ne so di chi tu sia??? Che ne so che davvero conosci il titolare. 
Se chiedo il nome, 9 volte su 10 mi sento dire "un amico del Messia!" o al massimo "Toni, un amico del Messia!". 
Dirmi il cognome è un problema? Sei un testimone sotto protezione? 

Diversi mesi fa è capitato che il Messia mi venisse in ufficio dicendomi "Ah ma ieri è passato Tizio a prendersi della lamiera?", lo guardo perplessa e gli dico di no, che io non ho visto nessuno. Poi scopro che sto scemo è entrato, si è tagliato dei pezzi e se n'è andato pacifico a casa, senza dire niente a nessuno....! Così non solo ho preso la mia dose di scazzo dal pazzo del Messia, ma mi sono presa anche che me ne frego di chi entra e chi esce.
A mia difesa devo dire che da dove sono seduta nella mia postazione, vedo se arriva gente solo se mi alzo in piedi, altrimenti non vedo un tubo. Il mio collega (l'unico che rimane sempre in officina) ha preso la sua dose di merda, perchè stava tagliando della roba con le cuffie e non ha sentito ne visto nulla nemmeno lui!!!

Allora io dico... ma dalle mie parti ci sono solo decerebrati? Cerebrolesi? Mongo-spastici, analfabeti e ignoranti?

Cazzo ma non li sanno leggere i cartelli?????

Vs Libby (un pelino incazzosa!)


19 commenti:

  1. io lavoro in una concessionaria e c'è anche l'officina e so bene che i clienti non devono andare per NESSUNA ragione in officina perche se si fanno male ne risponde la ditta..ricordo questo discoro perche avevi gia scritto un post su questo argomento,anche da me succede cosi,oppure succede che la gente parcheggia la macchina dove c'è un cartello che dice "riservato al personale"..
    boh sembra lo facciano apposta

    RispondiElimina
  2. Hum... oggi bombe a mano anche per te?

    RispondiElimina
  3. @Lali: il menefreghismo della gente a volte è aberrante. Io dico, se non riescono a seguire un semplice divieto d'accesso, come si può pensare che seguano le leggi?

    @Francy: mi fanno incazzare a morte ste cose, perchè poi a prendere le parole siamo sempre noi dipendenti!

    @Pink: l'hai detto!!!

    RispondiElimina
  4. oh come ti capisco! Il mio vecchio ufficio è in una specie di magazzino, per cui proprio davanti alla mia scrivania c'era una porta che però è allarmata e all'esterno non c'è nessun cartello col nome della ditta nè citofono perchè A FIANCO c'è l'ingresso vero e proprio. Non puoi capire la gente che sbatteva contro la mia porta e mi urlava di tutto e ai mie segnali di fumo (guarda alla tua destra) mi ignoravano. Dovevo fare il giro e andare ad aprire la porta (notare che abbiamo una portinaia) perchè questi imbecilli non guardavano più in là del loro naso

    RispondiElimina
  5. e dire che basta davvero poco,eh!
    bisognerebbe inventare cartelli che parlano e che in qeusti casi dicono "razza di deficente non puoi passare!!"
    credo non sia fattibile però..

    RispondiElimina
  6. è una cosa psicologica, alla gente piace pensare che quei cartelli sono lì per chi "gli estranei", e siccome nessuno vuole essere estraneo, si sentono il diritto di entrare da lì. A me succede nei macelli: siccome i capi che stai macellando sono miei, io ho diritto di entrare in catena di macellazione, nonostante non sia vestito come dovrei, nonostante non abbia gli opportuni DPI, nonostante non abbia chiesto il permesso a nessuno.

    RispondiElimina
  7. la gente se ne frega. Piuttosto fa delle gran figure di m...ma deve fare quello che le pare.
    Veramente vergognoso, perchè questo è il comportamento generale verso tutto e tutti.

    RispondiElimina
  8. Suggerisco di far prendere la scossa a tutti quelli che toccano le porte da cui non devono passare!
    Vedi che la prima volta ci provano, la seconda imparano a leggere... Ahahahh

    RispondiElimina
  9. @Vete: come mi danno fastidio ste persone... che poi qui c'è gente a cui è stato detto più volte di non entrare, ma imperterriti cara, continuano a fare come pare a loro!

    @Lali: ahahahah fantastico, mi sa che li invento, li brevetto e divento ricca... ahahahah!

    @Only: ma sai che non c'avevo mai pensato? Mi sa che hai ragione.... Loro il cartello lo vedono, ma ovviamente non è rivolto a loro! Chiaro no?

    @Luna: esatto, io ho portato l'esempio della mia ditta e di una cosa abbastanza banale, ma è così per tutto.

    RispondiElimina
  10. mi sorge il dubbio che siano tutti parenti di mia suocera questi... ora quando hai un attimo mi giri i cognomi, eh!

    RispondiElimina
  11. Che gente.
    Ne ho viste tante anch'io nel corso degli anni, e dovendo fare io fisicamente da filtro ne ho dovute inventare altrettante! Almeno però non prendevano l'ascensore per infilarsi nell'ufficio del presidente...

    RispondiElimina
  12. accanto all'ostello c'e' l'officina ferrarese. il numero e' sempre il 24, ma appunto non e' un ostello, bensì un'officina, credo lavorino carta(nel senso che fanno cartelloni, volantini...) insomma entrano SEMPRE in ostello dicendo E' qui l'officina Ferrarese? ma non lo vedi che e' un ostello? le chiavi delle camere, la reception, le bandiere dei Paesi del mondo, il bar...mah!

    RispondiElimina
  13. Ti capisco. L'azienda dove lavoravo prima era un caseificio quindi divieti ovunque e per questioni igieniche protezioni di vasche con acqua e cloro tipo che se ci passi sopra ti inzuppi fino alle caviglie...gli operatori ovviamente hanno un abbiglio speciale. Ci credi che spessissimo son riuscita a trovare "la signora Maria" della situazione nei locali lavorazione? E quando li cacciavi fuori si offendevano pure...anche perchè i titolari cazziavano me e le colleghe che non li intercettavamo a dovere...ma quelli erano peggio delle schegge....;)

    RispondiElimina
  14. @Violetta: e quelli che ti ridono in faccia e ti dicono: tutte balle!!! Cosa vuoi che ti inquino io??

    RispondiElimina
  15. ecco appunto glim imbecilli son passati da tutte noi!

    RispondiElimina
  16. @Only: a me di solito rispondono ahhh va bè ma mica la metto la tuta dei RIS... oppure ah perchè non si può entrare? ma io conosco il titolare sono del mamma del suo amico Pinco Pallo....insomma si potrebbe scrivere un libro (di idiozie ovvio....)

    RispondiElimina
  17. @Violetta: ma che gente c'è al mondo?

    @Lali: ecco l'hai detto, gli imbecilli sono in ogni dove!

    @Marta: ma cacchio, dove lavoravo prima vendevo caldaie e le signore entravano chiedendomi un kg di pasta all'uovo!!! La gente è demente a volte.

    @MM: comincerò la raccolta dei nomi cara...

    @Mafalda: si come da me, tutto quel che accade è colpa mia o dei miei colleghi! Forte no?

    RispondiElimina
  18. Tu hai espresso totalmente e chiaramente il mio pensiero a riguardo!! Troppo bello sto post.

    RispondiElimina

Le vostre perle...