giovedì 17 novembre 2011

GIORNO 0 ...e giramenti di palle!

Non vi avevo mai parlato di questo giorno, non pubblicamente e non a tutte voi, solo a qualcuna, diversi mesi fa. Non credo nemmeno ve ne ricordiate, com'è giusto che sia.

Dopo diversi e svariati tentativi, perpetrati in questi 11 anni, io e Dr J abbiamo deciso, su suggerimento del mio santissimo ginecologo, di rivolgerci ad un centro specializzato per la procreazione assistita, dal momento che nonostante l'impegno, non abbiamo ottenuto nessun tipo di risultato.
Così, il giorno del mio compleanno, il 21 aprile, ho chiamato un centro specialistico in provincia e ci hanno dato appuntamento questa mattina... Quasi 7 mesi di attesa.

Ho deciso di prendere questa strada più per Dr J che per me, sono onesta. Ormai, nei miei 11 anni buoni di tentativi, stimolazioni e cure, ho imparato a non aspettarmi più niente e che sperare non serve a un bel cazzo. Così, ogni volta che mi si apre una strada, per me è più doloroso che altro. Ma ovviamente, per l'amore immenso che provo per Dr J, e per non lasciare nulla di intentato, ho deciso di fare anche quest'ultimo tentativo, promettendo a me stessa che sarà l'ultimo.

Arriviamo in ospedale con 15 minuti di anticipo e una volta pagato il ticket, ci sediamo in un tristissimo corridoio lungo e stretto, popolato da altre coppie. Il vederle lì non mi consola e non mi fa sentire meno sfigata. Ci chiamano in ambulatorio con quasi un'ora di ritardo, ma non importa, alla fine è per una buona causa e io onestamente non ho nemmeno fretta.
Entriamo e subito un medico comincia con le domande varie. Età, stato civile, peso e altezza, malattie, data e regolarità del ciclo, tentativi di gravidanza, figli, analisi ecc ecc. Poi tocca a Dr J, tre domande ed ha finito.

Ho sempre pensato ed immaginato che in un centro come questo, adibito a coppie diversamente fertili, ci fossero trattamenti e persone che usano le pinze e i guanti bianchi per parlare con i pazienti (le pazienti in modo particolare). Ho sempre immaginato che sarei stata trattata con la dovuta ed eccessiva cortesia e empatia che meritano le coppie che non riescono ad avere figli.
Mi sbagliavo! Se invece del nome e cognome, mi avessero dato un numero, sarebbe stato più adeguato. Il medico, piuttosto crudo, secco, asciutto, non maleducato, sia ben inteso, ma indelicato al massimo, ha tratto le conclusioni del caso, sentenziando che: Dr J è ancora molto giovane e in piena salute e può fare figli per i prossimi 40 anni, io no! IO sono troppo avanti con l'età e la possibilità di una gravidanza, visti i precendeti è pari allo 0.05 su 100... cioè NESSUNA!
Il dato in se è abbastanza agghiacciante, se poi ti viene riferito con un tono per cui mi aspettavo dicesse a Dr J "Caro ragazzo se vuole un figlio cambi donna!", vi assicuro che fa ancora più male.
Già di mio sono una persona con una cicatrice sempre aperta, ma che volutamente ignoro e fingo di non sentire, sono una persona che non ha nessun tipo di speranza in merito e non ha nessun tipo di positività, ho anche avuto la fortuna di incontrare un medico che la pensa esattamente come me e che non ha usato mezze misure per dirmelo.
Vista la mia età si passa diretti alla fase 2, la FIVET, perchè non c'è tempo, in un baleno avrò 40 anni e non si potrà fare più nulla, quindi via, più veloci della luce si deve procedere... data fissata per....SETTEMBRE 2012! Si si avete letto bene.... gran fretta ma settembre 2012. Una lista di esami da fare lunga 2 fogli A4, un paio di opuscoli per capire di che si sta parlando e arrivederci e grazie!
Ah no, ci hanno dato appuntamento con la psicologa "per ovviare a questo lungo periodo di stress di coppia!".

Uscita da lì mi era completamente passata la voglia. Ero imbufalita e incazzata, contro un Dr J che pareva aver vinto la Lotteria. Garrulo, felice e scherzoso, con me che fumavo dal naso come una pentola a pressione.
Altri 20 minuti abbondanti per prendere appuntamento per due analisi per accertamenti sulla Fibrosi Cistica e in quell'occasione troviamo un'infermiera con il senso dello humor di un coleottero.
Ci fissa gli appuntamenti per il 12 dicembre (che tanto il risultato delle analisi ci verrà dato il 25 di gennaio) e poi dice "Se nel frattempo la signora si prende in cinta, chiamate per disdire altrimenti vi fan pagare comunque!" io faccio una risatina amara e rispondo "La possibilità che accada rasenta l'impossibile, anzi è proprio zero!" e lei se ne esce con una cosa mai sentita (vero NINA???!) "Ah cara, mettiti calma e vedrai che ti prendi subito!".
VE LO GIURO... IN QUEL MOMENTO LA MIA REAZIONE SAREBBE STATA SFASCIARLE UNA SEDIA SULLA TESTA!

Esco dall'ospedale non di cattivo umore... peggio, molto peggio. Con Dr J nelle orecchie che spara cazzate a non finire e io che cerco di trattenere un urlo disumano nello stomaco, finchè, poco carinamente gli chiedo di piantarla, che non c'è un cazzo per cui essere allegri, che voi uomini non capite un cazzo di niente e un cazzo di niente capiscono le donne che figli ne hanno e non hanno avuto problemi. Nessuno e ripeto NESSUNO può capire come ci si sente al mio posto, se non chi sta provando la stessa cosa.
Sentirsi troppo vecchia per il tuo partner, che quasi ti vien voglia di mollarlo perchè possa farsi una famiglia altrove, sentirsi fuori tempo massimo, sentirsi tradita da un corpo che non ha mai fatto il suo dovere e da un ginecologo che ha aspettato troppo a darmi questa opportunità. Tradita dalla totale assenza di empatia da parte di chi ti sta accanto che, senza nessun tipo di cattiveria, è felice di non essere la causa del nostro problema, stanca fin da ora per tutte le visite, i prelievi, le gambe all'aria che dovrò subire da qui a due anni, mentre il mio corpo invecchia e le possibilità sono sempre meno. Stanca perchè la speranza ti stagna dentro e ti fa male come se avessi ingoiato delle puntine. Stanca perchè avresti solo voglia di metterci un punto, che tu credi di essere pronta a tutto, credi di essere consapevole del fatto che non diventerai mai mamma, ma ogni volta che te lo ricordano, ogni volta che nasce il figlio di un'amica, ogni volta che ti fanno LA domanda "Ma voi figli niente?"... ti si risveglia il mostro che ti si mangia fino all'anima.

Un consiglio, un consiglio ad un'amica che so volere un bambino e che non è poi tanto più giovane di me... NON ASPETTARE... non fare come ho fatto io... NON ASPETTARE!

Libby

29 commenti:

  1. Non ho parole adatte a commentare, vorrei solo poterti stringere.....già sai....

    RispondiElimina
  2. ti abbraccio e non so che altro dire.

    RispondiElimina
  3. Mi viene da piangere.
    Io non so se mai avrò un figlio, non ci ho mai provato!! Ma l'età avanza inesorabile... e sarà sempre tutto più difficile.

    Ti abbraccio fortissimo anch'io.
    E vorrei abbracciare anche Dr.J, perchè lo so che tu adesso ce l'hai con lui, ma sono sicura che il suo sia solo un tentativo maldestro di starti vicina, di non appesantirti anche preoccupandoti del suo dolore.

    Ciao cara.

    RispondiElimina
  4. Purtroppo la delicatezza, la discrezione, l'attenzione nel trattare certi argomenti che possono diventare fondamentali nella vita di una donna, non sono doti di tutti, men che meno di chi, come chi fa certi tipi di mestieri, dovrebbe averle più spiccate degli altri! Mi dispiace tanto per quello che stai vivendo e ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  5. @Mere: Non aspettare! Non ti dico altro...
    Un bacio grande grande anche a te.

    @Francy: grazie, sei un tesoro!

    @PRxT: non ce l'ho con Dr J, anzi. E' stato carino visto come ero incazzata e come gli ho risposto. E' l'amore della mia vita! Non ce l'ho con lui e sono davvero contenta che sia tutto ok per lui. E' giusto così, sono io che sono in ritardo... o ritardata se preferisci!

    @Lisa: lasciamo perdere va' che razza di modi, come stessimo parlando di un kg di pane... non ho parole!

    RispondiElimina
  6. lo so che può valere poco, ma io quella FIVET li ...proverei a farla prima... lo so che costa...giugno 2012 non è lontanissimo ma se la vogliamno vedere per IL TUO BENE nemmeno vicinissimo.
    E ci siamo capite in che modo. Merano.

    RispondiElimina
  7. Io due figli li ho, ma ti assicuro che se anche forse non riesco a mettermi completamente nei tuoi panni, ho sentito tutto il tuo dolore e la tua disperazione e mi viene da piangere.
    Mi viene anche rabbia verso tutte queste persone insensibili, che dovrebbero aiutare ed invece peggiorano solo la situazione.
    Rabbia per chi in questi anni non ti ha saputo indirizzare nel verso giusto.
    Ti abbraccio forte !

    RispondiElimina
  8. Ma no, dicevo che ce l'hai con lui perchè 'sparava cazzate a non finire'...
    Ci mancherebbe che tu sia contenta per lui, non l'avevo messo in dubbio nemmeno per un istante.
    Scusami se mi sono espressa male.

    RispondiElimina
  9. Mi spiace tanto. La gente spessissimo ha il tatto di un badile...secondo me il mondo a stare zitto in certe circostanze ci farebbe + bella figura. Cmq è bello che tu affronti tutto questo per l'amore che hai x il tuo uomo...dà l'idea di come sei dentro...un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Dipendesse solo da me.....ahhhhhhhh che vita......

    RispondiElimina
  11. io un bimbo l'ho, è stato super voluto e non è stato semplice...ma posso capire bene come tu ti senta...purtroppo per tante persone, forse troppe, siamo solo numeri, a 18 anni fui operata per 2 volte nel giro di 2 mesi per un tumore, durante le terapie mi fecero puro terrorismo psicologico/fisico nel caso in cui avessi deciso di rimanere incinta...la paura è stata tanta ma in ugual misura alla speranza...
    non ci sono parole adatte...solamente ti abbraccio forte forte...

    RispondiElimina
  12. Innanzitutto ti abbraccio forte.
    No, non so cosa si provi ma ho vissuto i problemi di concepimento attraverso i racconti di mia mamma. Sono stata concepita dopo undici anni di tentativi, i problemi erano di entrambi, con molta delicatezza (anche allora, quando non esistevano fivet né icsi né altro) i medici avevano detto loro che le loro possibilità erano una su un milione.
    Ti sono vicina e spero che il vostro percorso sia il più breve e fecondo possibile!

    RispondiElimina
  13. La mia storia la conosci, probabilmente non capirò mai cosa vuol dire essere nella tua situazione, ma, come per Luna, ho percepito in questo post tutta la tua frustrazione, il tuo dolore e... mi sono sentita come se fossi io, in quel momento.

    Ti abbraccio fortissimo tesoro!!!

    RispondiElimina
  14. @Chanel: siamo in lista nel caso si liberassero posti per giugno, ma comunque c'è da aspettare. Tutto sommato, ho aspettato talmente tanto che questi 10 mesi non mi sembrano nemmeno troppo lunghi... E poi si, è molto molto costosa da fare privatamente. Ma ti ringrazio.

    @Luna: oggi ho detto che il prossimo che mi domanda perchè non abbiamo ancora figli, chiunque esso sia, lo mando a fare in culo! Con eleganza!

    @PRxT: non temere cara, avevo capito cosa intendessi. In effetti mi ha fatta innervosire la sua goliardia... ma non è certo colpa sua.

    RispondiElimina
  15. @Violetta: a volte bisognerebbe rispondere a tono, si passa per maleducati, ma almeno si sputano rospi che diversamente sarebbero difficili da digerire!

    @Mere: lo so bene tesoro...

    @Erika: ecco io queste cose non le comprendo proprio. Non dovrebbero cercare di rincuorare la gente che ha determinati problemi? Non dovrebbero essere loro i primi a dare speranza o a non darla per niente, ma con maniera ed empatia? Non so forse la mia è una visione utopistica...

    @Mafalda: grazie... perchè se mi scrivi vuol dire che quell'1 su un milione ha vinto. Magari anche il mio 0.05 su 100 no? Ciao cara.

    @Pink: grazie tesoro! Un bacione.

    RispondiElimina
  16. a parte stringerti forte forte forte, vorrei gentilmente l'indirizzo di questo centro e i nominativi dei medici perchè vado lì e li rendo empatici a badilate in faccia e calci nel sedere.
    VERGOGNA.

    RispondiElimina
  17. @MM: :-D grazie MM, riesci sempre a farmi fare un sorriso!!!

    RispondiElimina
  18. un fortsissimo abbraccio Libby.
    la signora degli appuntamenti si meritava molto piui che una badilata in faccia.

    RispondiElimina
  19. Mammamia che racconto mi dispiace davvero! Anche io non son tanto messa meglio e sono un po' indecisa sul da farsi ma ora che ti leggo quasi quasi mi muovo e pure in fretta che i 40 son dietro l'angolo! Comunque abbracciandoti ti dico anche io di metterti calma e a sto punto se arriva arriva se no niente, non puoi nulla contro la natura che ti ha dato questa sfortuna. LA cosa brutta è sapere che ci son donne che non dovrebbero far figli e invece li fanno e chi meriterebbe di diventare madre deve affrontare lotte, delusioni e tensioni...speriamo che stavolta non sia una falsa speranza.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Mi dispiace sai Libby, io posso capirti, perchè ci sono passata, e se alla fine il figlio è arrivato senza ricorrere a pratiche mediche, ho subito pure io frustrazioni e delusioni, ancora di più stavo male quando mia suocera lanciava frecciatine acide..... il mio problema era diverso dal tuo, io restavo incinta e poi lo perdevo, sono state esperienze dolorose, ma alla fine quando orami il gine mi aveva quasi tolto ogni speranza e mi avevalasciato un ultimo tentativo, sono riuscita a portare a termine la gravidanza e ora mio figlio ha quasi 24 anni!!!! E pure io non ero più una ragazzina!!!!

    RispondiElimina
  21. E' proprio questo a spaventarmi di più: la mancanza di tatto, sensibilità, delicatezza. La medicalizzazione resa ancora più estrema dalla rigidità dei medici, dalla loro distanza. Io sono ferma allo scoglio delle analisi propedeutiche, La gina mi aveva assicurato, un mese fa, che mi avrebbe mandato una mail con la lista infinita (tu confermi). E intanto il tempo passa, ma pare passare solo per noi. No, non si può comprendere da fuori, dici bene. Le emozioni sono così complesse e contraddittorie. Hai espresso davvero, nella parte finale, quel che si prova. Provo la tua stessa rabbia e soffro con te. Libby...è proprio vero, le chiacchiere stanno a zero, quando arriva questo momento non ci resta che prenderci un po' di tempo per smaltire l'incazzatura e il dolore e poi agire. Sono con te guerriera! Ti stringo forte :**

    RispondiElimina
  22. Non ho parole adatte a commentare, ti sono vicina per quel poco che possa valere, ti abbraccio forte:D

    RispondiElimina
  23. Ti capisco benissimo. Ho provato tutto ciò che hai provato tu, anche il marito che pensava di aver vinto alla lotteria e io che volevo quasi suicidarmi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Forza Libby, come cantava il buon vecchio Vasco "ci fosse anche solo una probabilità, giocala!". Mi sa che i medici son quasi tutti così, forse alla fine si creano una specie di corazza per non farsi sopraffare da tutti i problemi dei pazienti...Coraggio! In bocca al lupo, vedrai che settembre arriverà prestissimo. Un bacione

    RispondiElimina
  25. Le mie nipoti sono nate con un piccolo aiuto, a mia cognata era stato detto "è molto difficile ma non impossibile per lei ma senza aiuti la vedo dura". le gemelle hanno 8 anni e 3 anni fà la cicogna ha bussato inaspettatamente alla loro porta. Sono andati a Parma, se ti servono altri dettagli posso chiedere e girarteli in privato.
    dimenticavo lei all'epoca aveva 28 anni!!! solo che ha trovato persone molto più umane. posso solo immaginare il tuo dolore. un abbraccio

    RispondiElimina
  26. ecco, molte righe di questo post avrei potuto scriverle io

    RispondiElimina
  27. C'è DI TUTTO IN GIRO quando ti appresti a percorrere questa strada difficilissima, l'umanità io l'ho trovata da NINA e le sue amiche, ora siamo un bel gruppo compatto e ci sosteniamo tanto. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  28. non ti posso capire perchè nonostante abbia 26 anni non sento per nulla il desiderio di essere mamma, nè sono certa che la mia realizzazione sarà diventandolo.
    però... però mi dispiace davvero molto per la ferita che hai e per l'indelicatezza (è un eufemismo) delle persone che hai trovato. dovremmo davvero tutti fare un corso di sensibilità ed empatia verso il prossimo... sono francamente convinta ci sarebbero meno problemi al mondo.

    RispondiElimina
  29. Coraggio, io tifo per te. Vengo dal salotto di Nina, dove ho sempre trovato sensibilità. Baci

    RispondiElimina

Le vostre perle...