mercoledì 5 ottobre 2011

Impiegati felici...

Sono sconvolta...
Stamattina, arrivata in ufficio, presa la mia mattutina dose di merda, ho telefonato ad un centro smaltimento rifiuti della zona, per prenotare un ritiro. L'impiegato che ha risposto al telefono stava ridendo!!! Era felice, ha parlato con me e si sentiva che sorrideva. Di sottofondo si sentivano donne e uomini parlare di consegne, DDT e fatture e tutti erano sereni. Ad un certo punto il tizio al telefono con me si scusa per il baccano e mi dice "Mi scusi sa, ma qui al mattino prima che si cominci a fare i seri ce ne vuole un po'!" e una risata generale ha invaso il mio orecchio.
Non è la prima volta che telefono in questo posto e non è la prima volta che trovo impiegati felici.
Il lavoro è lavoro, ma loro erano felici. Loro non piangono tutte le mattine salendo in macchina, non rimangono svegli ore, la sera prima per l'angoscia di dover tornare al lavoro. Non hanno la gastrite cronica, non sono ansiosi, non tornano a casa sempre nervosi e incazzati, non preferirebbero 30 anni di galera piuttosto che mezza giornata in ufficio. No, quella sono io!

Stamattina guidavo come un'automa fissando il vuoto e chiedendomi "Per cosa mi verranno sfrantumate le palle oggi? Dunque... ieri era per la banca, il giorno prima per un DDT , oggi potrebbe essere per....!" subito dopo, a ripetizione, come un disco rotto "non ne posso più non ne posso più non ne posso più".
Sto cercando, sto cercando qualsiasi cosa in qualsiasi posto a qualsiasi paga. Mi va bene tutto, basta che io possa andarmene. Non si trova nulla (alla faccia di quelli che dicono che il lavoro c'è... se c'è trovatemelo voi!).
E mi sento di merda perchè ho un lavoro fisso e tutti mi dicono che al giorno d'oggi è una gran fortuna. Ammalarsi anche immagino! Avere l'angoscia e le lacrime agli occhi tutto il giorno anche. Ho davvero un gran culo allora.

Allora ha preso forma un pensiero. Devo provare... devo fare qualcosa IO. Se non trovo un lavoro me lo devo inventare. DEVO se non voglio morire qui dentro. Non voglio più saperne di uffici e contabilità. Non voglio sentir parlare di bilanci o fatture. Non è vero che il lavoro d'ufficio rende migliori o rende felici. Quando facevo l'orafa, quando non potevo tenere le unghie lunghe e smaltate, quando avevo tagli e bruciature e calli nelle mani, quando lavoravo col grembiulino e mi sporcavo, quando andavo a lavorare in tuta e scarpe da ginnastica... ERO UNA PERSONA FELICE, ero una persona migliore.
Non posso tornare a fare quel lavoro, perchè il lusso ormai non è più di moda, ma io voglio andare via da qui, adesso, subito. Voglio sentirmi libera, senza angoscia... voglio smettere di pensare e di stare male.

Sono giorni talmente brutti che non riesco nemmeno a descriverveli. Scusatemi, vi prego, so di essere pesante, ma vi chiedo di avere pazienza, magari tornerò a fare un sorriso prima o poi.

Libby

19 commenti:

  1. ciao cara,per tirarti un po' su ti consiglio di vedere questo film (ti ho pensata molto mentre lo vedevo!): "come ammazzare il capo e vivere felici", fa davvero ridere!

    RispondiElimina
  2. dai Libby qualcosa uscirà, tieni duro ancora un po'.. online hai cercato? ci sono tanti siti che ti mandato le news senza bisogno nemmeno di cercare e ti agevolano la vita...
    alla decrescita hai mai pensato?
    un abbraccio consapevole ♥

    RispondiElimina
  3. un lavoro fisso è veramente una fortuna...ma non a discapito della salute. tempo fa abbiamo anche discusso a riguardo ma qui di lavoro se ne trova (sono in provincia di venezia)...tu cerchi qualcosa in particolare? cioè voglio dire se ti potesse andar bene fare la commessa, di negozi ne vedo sempre che cercano... ora non mi mandare a cagare, ti scrivo queste cose solo xkè x esperienza sia personale che non, ho visto che insistendo qualcosa salta fuori..

    RispondiElimina
  4. anche da noi il clima non è allegro. La mia collega di fronte, che teoricamente fa il mio stesso lavoro ma in pratica per ogni cosa son 2 mesi che mi risponde "io non ne voglio sapere niente" non mi saluta nemmeno più...
    Io penso che fuori di qui c'è la mia bambina stupenda.
    E penso che a me questo lavoro piace un sacco (son fortunata, lo so)
    e mi faccio coraggio
    e sorrido io per prima, perchè da qualche parte bisogna pure cominciare.

    RispondiElimina
  5. Mamma come ti capisco!!!! Come ho detto anche sabato sera parlando con una ragazza quanto mi piacere mandare a quel paese tutto qua dentro queste 4 mura e poter fare DAVVERO quello che mi piace, basta carte ordini basta rotture di balls basta, se solo sapessi di poter guadagnare saprei io cosa fare....ma la paura è troppa.....

    RispondiElimina
  6. Curriculum a nastro, continui, in massa, a tappeto, rispondendo anche a quegli annunci che dicono "fondamentale la conoscenza del cinese e dell'arabo fluente"!! Saranno poi loro eventualmente a scartarti, ma se il curriculum è buono (e il tuo non ho dubbi che lo sia) potrebbero anche chiamarti per altre posizioni (a me è capitato spesso di mandare candidatura per un lavoro e proprre un'altro). Chiama anche le agenzie interinali, TUTTE quelle dalla zona, manda il tuo CV anche a loro e fai un primo colloquio: io con le agenzie ho fatto 3/4 colloqui, alcuni dove mi ero candidata io, altri dove mi hanno cercato loro. Importante la lettera di accompagnamento in cui dici che VUOI CAMBIARE LAVORO e che sei disposta a valutare anche contratti differenti dal tuo attuale tempo indeterminato. L'obiettivo è OTTENERE IL COLLOQUIO.

    Ripeto: PURTROPPO DEVI RISPONDERE IN MASSA AGLI ANNUNCI. Perchè la ricerca di un lavoro diventa un secondo lavoro.

    RispondiElimina
  7. guarda Libby io non so proprio piu cosa dire dato che anche da me il clima è teso,il titolare quando gli tira ti tratta malissimo,il problema è quando si ha un mutuo sulle spalle e il periodo fa schifo non si trova niente in giro tranne ditte che assumono con contratti anche settimanali.

    RispondiElimina
  8. dai che qualcosa ti inventi!! Io sono in un'isola felice, ma prima di arrivarci...ne ho viste di cose brutte !!

    RispondiElimina
  9. io sinceramente non ho consigli a differenza forse di altre persone che li hanno....semplicemente perchè ho provato di tutto anch'io prima di decidere di tornare a studiare per specializzarmi in un ramo del mio settore che spero mi dia un lavoro decente dopo....ho 27 anni e ancora vivo con i miei se pur non vedo l'ora di poter formare qualcosa di concreto con il mio ragazzo....se non rischiavo ora non lo facevo piu e me ne sarei pentita a vita.....conosco bene la sensazione d'inutilità, d'incapacità, di schifo che genera un posto di lavoro che non sopporti...anch'io mi alzo la mattina e mi chiedo cosa ci faccio qua dentro e ci vado con apatia e ansia perchè so che sarà una giornata inutile come tutte le altre dove uscirò svuotata....per fortuna sarà ancora x poco....cmq diciamolo chiaramente posti tipo commessa ecc c'è un limite di età x cui non chiameranno mai, come si fa a dire "vai a fare la commessa"....bah....massima comprensione....chiedere magari agli impiegati felici di cui parli? :D

    RispondiElimina
  10. Libby, dirti che mi dispiace serve a poco, anzi a niente, ma è vero! E non mollare, perché prima o poi i tuoi sforzi saranno premiati, sono convinta!! Ti abbraccio forte!!

    RispondiElimina
  11. @Vete: si ne ho sentito parlare ed ho visto molte volte il trailer, lo guarderò.

    @Perle: Decrescita? che cos'è scusa? Si si sono iscritta a quei siti, mi mandano gli annunci, mi candido e non ricevo mai una risposta. Mi dicono in agenzia che non prendono nemmeno in considerazione chi già lavora, ovviamente danno precedenza a chi è in mobilità o a casa.

    @Mika: noo figurati, non ti mando a cagare. Va bene tutto, ma dalle mie parti si trova poco o niente e cercano gente in mobilità o a casa. Le persone con un lavoro non le prendono nemmeno in considerazione, giustamente!

    @Elena: io odio il mio lavoro, lo detesto e mi fa più schifo dello schifo. Non ho colleghi, sono da sola a sorbirmi gli strilli. L'ambiente è pessimo che di più non si può. Fuori ho un mondo bellissimo e questo mi rende solo più triste, perchè rovino anche quello che di buono c'è.

    @Mere: non c'è coraggio senza paura! E non c'è paura senza coraggio. Senza una base non vai da nessuna parte, senza un sostegno economico nemmeno. Il sostegno economico lo dovresti avere lavorando, ma se non lavori non ce l'hai e non puoi averlo. Un cane che si morde la coda. Anche io saprei cosa fare...

    @Lapink: grazie tesoro... prendo per oro colato il tuo suggerimento. Ora più che mai visto che mi ha dato 3 mesi di tempo per andar via!

    @Lali: esatto... il problema rimane sempre l'affitto, il mutuo e vivere. Avessi due soldi da parte potrei prendermi 1 mese e cercare come una pazza, ma sono qui 8 ore al giorno.... arrivo a casa che le agenzie sono chiuse... un casino.

    @Only: spero che tu abbia ragione.

    RispondiElimina
  12. @Nya: so che tutte le persone che commentano il mio blog, mi vogliono bene, per quanto si possa voler bene ad un'isterica che nemmeno conosci, ma hai ragione, sono fuori età da almeno 10 anni per fare la commessa, la barista o l'apprendista. Per assurdo, aver fatto l'operaia per 12 anni e 10 da impiegata, vuol dire che sei un'impiegata e come operaia non ti prende nessuno. Qui non si tratta di sentirsi inutili... io qui mi sento morire, è differente!

    RispondiElimina
  13. sì sì lo so che tu ti senti morire e la situazione è differente è solo il disagio che ci accomuna....immagino che con mutuo spese varie ecc non puoi minimamente pensare ad un attività in proprio giusto?è un casino ti dò ragione....continua a mandare cv, nelle agenzie a parlare di persona spiegando la situazione hai gia provato?

    RispondiElimina
  14. Cosa vuol dire che ti ha dato 3 mesi per andartene? MI sembra una gran bella notizia... almeno a chi ti fa i colloqui puoi dire che il tuo contratto si concluderà, per accordi interni, tra tre mesi e quindi la tua disponibilità è gran cosa. Però comincia subito a cercare, ripeto, A TAPPETO, che non hai tempo da perdere!!

    RispondiElimina
  15. Libby, ti scrivo in separata sede :)
    ti linko solo questo: http://decrescitafelice.it/

    RispondiElimina
  16. Io sono fortunata, mi piace il mio lavoro e mi diverte, purtroppo l'idea che il lavoro e' sofferenza e' molto comune anche se non dovrebbe essere così, tu non devi assolutamente mollare e vedrai che sarai ripagata

    RispondiElimina
  17. Oh, come ti capisco!! Anche io ho avuto momenti come questi nel mio vecchio posto di lavoro! Tanto che quando mi sono trovata disoccupata ero più entusiasta che depressa ^^' (a onor del vero, devo dire che avevo già un paio di proposte di lavoro in vista, ma finchè non firmi un contratto non ne hai mai la certezza, quindi la preoccupazione resta)
    Ti consiglio di continuare a cercare su tutti i fronti. Prima o poi un altro lavoro deve saltar fuori. In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  18. @Robin: si, so di che parli. Infatti anche a me era capitato diverso tempo fa di essere stata scaricata da un posto dopo tre mesi di lavoro, dopp che per due mesi mi avevano fatto la corte e mi avevano fatto lasciare il mio posto di lavoro fisso, con l'illusione di uno stipendio migliore. Lo stipendio era migliore in effetti, ma il posto era un inferno e il lavoro non mi piaceva affatto. Quando mi hanno comunicato che sarei dovuta rimanere a casa,perchè improvvisamente non c'era più lavoro.... ero la donna più felice del mondo... nonostante in mutuo e i problemi economici. Ma a onor del vero la situazione economica non era così orrenda, ho trovato lavori in una settimana. Ciao.

    @Claudia: che donna positiva... eheheheh!

    @Marta: ho avuto anche io un lavoro che mi piaceva tanto.... nonostante lavorassi tre volte quel che lavoro ora.... andato!!! Pace e bene!

    RispondiElimina
  19. Non devi chiedere a noi di essere pazienti, ma devi esserlo tu per non annoiarti a mandare cv a ripetizione, anche a quell'azienda che richiede doti che tu non hai...non mollare Libby!!!!
    P.s. so che arrivo in ritardo..ma CONGRATULAZIONI per la bellissima notizia del matrimonio ;)

    RispondiElimina

Le vostre perle...