giovedì 6 ottobre 2011

Ciao Steve....


Il papà di Apple se n'è andato... qui una parte del discorso fatto agli studenti di Stanford... un genio!

La mia terza storia è a proposto della morte.
Quando avevo 17 anni lessi una citazione che suonava più o meno così: "Se vivrai ogni giorno come se fosse l'ultimo, sicuramente una volta avrai ragione". Mi colpì molto e da allora, per gli ultimi 33 anni, mi sono guardato ogni mattina allo specchio chiedendomi: "Se oggi fosse l'ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che sto per fare oggi?". E ogni qualvolta la risposta è "no" per troppi giorni di fila, capisco che c'è qualcosa che deve essere cambiato.
Ricordarsi che morirò presto è il più importante strumento che io abbia mai incontrato per fare le grandi scelte della vita. Perché quasi tutte le cose - tutte le aspettative di eternità, tutto l'orgoglio, tutti i timori di essere imbarazzati o di fallire - semplicemente svaniscono di fronte all'idea della morte, lasciando solo quello che c'è di realmente importante.
Ricordarsi che dobbiamo morire è il modo migliore che io conosca per evitare di cadere nella trappola di chi pensa che avete qualcosa da perdere. Siete già nudi. Non c'è ragione per non seguire il vostro cuore.
Più o meno un anno fa mi è stato diagnosticato un cancro. Ho fatto la scansione alle sette e mezzo del mattino e questa ha mostrato chiaramente un tumore nel mio pancreas. Non sapevo neanche che cosa fosse un pancreas. I dottori mi dissero che si trattava di un cancro che era quasi sicuramente di tipo incurabile e che sarebbe stato meglio se avessi messo ordine nei miei affari (che è il codice dei dottori per dirti di prepararti a morire).
Questo significa prepararsi a dire ai tuoi figli in pochi mesi tutto quello che pensavi avresti avuto ancora dieci anni di tempo per dirglielo. Questo significa essere sicuri che tutto sia stato organizzato in modo tale che per la tua famiglia sia il più semplice possibile. Questo significa prepararsi a dire i tuoi "addio". Ho vissuto con il responso di quella diagnosi tutto il giorno. La sera tardi è arrivata la biopsia, cioè il risultato dell'analisi effettuata infilando un endoscopio giù per la mia gola, attraverso lo stomaco sino agli intestini per inserire un ago nel mio pancreas e catturare poche cellule del mio tumore. Ero sotto anestesia ma mia moglie - che era là - mi ha detto che quando i medici hanno visto le cellule sotto il microscopio hanno cominciato a gridare, perché è saltato fuori che si trattava di un cancro al pancreas molto raro e curabile con un intervento chirurgico.
Ho fatto l'intervento chirurgico e adesso sto bene. Questa è stata la volta in cui sono andato più vicino alla morte e spero che sia anche la più vicina per qualche decennio. Essendoci passato attraverso posso parlarvi adesso con un po' più di cognizione di causa di quando la morte era per me solo un concetto astratto e dirvi: Nessuno vuole morire.
Anche le persone che vogliono andare in paradiso non vogliono morire per andarci. E anche che la morte è la destinazione ultima che tutti abbiamo in comune. Nessuno gli è mai sfuggito. Ed è così come deve essere, perché la Morte è con tutta probabilità la più grande invenzione della Vita. E' l'agente di cambiamento della Vita. Spazza via il vecchio per far posto al nuovo. Adesso il nuovo siete voi, ma un giorno non troppo lontano diventerete gradualmente il vecchio e sarete spazzati via. Mi dispiace essere così drammatico ma è la pura verità.
Il vostro tempo è limitato, per cui non lo sprecate vivendo la vita di qualcun altro. Non fatevi intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. In qualche modo loro sanno che cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario.
Quando ero un ragazzo c'era una incredibile rivista che si chiamava The Whole Earth Catalog, praticamente una delle bibbie della mia generazione. E' stata creata da Stewart Brand non molto lontano da qui, a Menlo Park, e Stewart ci ha messo dentro tutto il suo tocco poetico. E' stato alla fine degli anni Sessanta, prima dei personal computer e del desktop publishing, quando tutto era fato con macchine da scrivere, forbici e foto polaroid. E' stata una specie di Google in formato cartaceo tascabile, 35 anni prima che ci fosse Google: era idealistica e sconvolgente, traboccante di concetti chiari e fantastiche nozioni. Stewart e il suo gruppo pubblicarono vari numeri di The Whole Earth Catalog e quando arrivarono alla fine del loro percorso, pubblicarono il numero finale. Era più o meno la metà degli anni Settanta e io avevo la vostra età. Nell'ultima pagina del numero finale c'era una fotografia di una strada di campagna di prima mattina, il tipo di strada dove potreste trovarvi a fare l'autostop se siete dei tipi abbastanza avventurosi. Sotto la foto c'erano le parole: "Stay Hungry. Stay Foolish.", siate affamati, siate folli.
Era il loro messaggio di addio. Stay Hungry. Stay Foolish. Io me lo sono sempre augurato per me stesso. E adesso che vi laureate per cominciare una nuova vita, lo auguro a voi. Stay Hungry. Stay Foolish. Grazie a tutti.

28 commenti:

  1. non ho letto tutto il post. ma non posso che condividere con te l'addio ad un genio.
    ciao steve.

    RispondiElimina
  2. era geniale e innovativo, ci mancherà

    RispondiElimina
  3. Avevo già letto tempo fa il discorso, ma l'ho riletto volentieri. Da ricordarsi più spesso: seguire l'istinto

    RispondiElimina
  4. non conoscevo questo discorso.....lo condivido in pieno, decisamente chi parla in questo modo è uno dei pochi che ha capito il vero senso della vita...

    RispondiElimina
  5. Libby....credo proprio che le risposte ai tuoi problemi siano da cercare nelle sue parole... Io nel bene e nel male ho sempre seguito questa filosofia, sempre affamata, sempre folle, e quando me ne sono dimenticata non è mai andata bene (vedi ora....). Non è un genio, è un uomo che ha saputo vivere bene la sua vita.

    RispondiElimina
  6. non per essere la solita polemica ed insensibile, ma questo discorso oggi era sulla pagina fb di mezzi dei miei contatti. Bello per carità, niente da eccepire, ma... vi rendete conto di quanto è antisociale e tremendamente egocentrico? Se tutti vivessimo così... sarebbe uno sfacelo !! Possono permetterselo in pochi un ragionamento come questo, bisogna esserci portati ed essere degli arrivisti!

    RispondiElimina
  7. Era sicuramente un genio del marketing, ha creato una moda e un bisogno.
    Per quanto mi riguarda, non ho mai comprato un prodotto Apple e vivo benissimo :)

    RispondiElimina
  8. @mafalda: ti amo :) ( metaforicamente parlando eh...)

    RispondiElimina
  9. Scusa only, ma dov'è antisociale e arrivista? Dice solo di vivere la propria vita e non conformarsi a questo mondo che tenta in tutti i modi di conformarti, di seguire il proprio cuore e di non sprecare il proprio tempo. Secondo me non l'hai letto attentamente!

    RispondiElimina
  10. @Candy: io l'ho letto ( anche perchè è mesi che gira su internet ed il mio collega ne ha fatto la sua ragione di vita ( è stampato sulla sua scrivania). Adesso allora mettetevi tutti a seguire il vostro cuore...vediamo dove andiamo a finire.Tanto "tutto il resto" è secondario ( nel resto ci sono anche delle persone).

    RispondiElimina
  11. @Mafanlda: scusa.... nessuno di noi per vivere ha bisogno di un computer, nessuno di noi per vivere ha bisogno di un cellulare... si vivrebbe benissimo anche senza queste cose, indipendentemente da Apple o Packardbel o Nokia, quindi il tuo discorso non ha molto senso. Ovvio che vivi benissimo anche senza un Mac, io vivo bene anche senza la Ferrari!!! Questo cosa centra col suo discorso? Trovi forse sbagliato qualcosa nella sua teoria di vita? Alla fine, diciamocelo, ha dato ragione a lui...

    @Only: ovviamente il discorso è stato copiato da un articolo nel Web, non sono certo io la promotrice. Personalmente lo trovo geniale, poi che fosse un cane egocentrico, nessuno lo nega. Nel suo discorso c'è una grande verità: vivi la tua vita e non quella che vorrebbero gli altri. Fai le tue scelte con la tua testa e non con quella degli altri. Pensa a quello che desideri e cerca di raggiungerlo. Questo non significa che imbraccerò un fucile e farò guerra al mondo. Sai cos'ho riscontrato nel tempo? Che la gente che critica i prodotti Apple, o il suo fondatore... sono persone che non sono mai riuscite a metterci le mani sopra. Credo che il raggiungimento dei suoi scopi e dei suoi traguardi, abbia fatto rodere il culo a parecchi. Indipendentemente dal caratteraccio che ha avuto, milioni di persone lo amavano, un motivo ci sarà!

    RispondiElimina
  12. @Candy: infatti l'ho letto un paio di volte stamattina, lo avevo sentito anche mesi fa, dal momento che Dr J è un Mac-fanatico! Sono passata a Mac a giugno dello scorso anno ed è innegabile che questi prodotti costano molto e valgono immensamente di più di un normale PC. Ma indipendentemente dai prodotti, che nel post proprio non li ho nominati, la sua filosofia, la vita che ha avuto, i successi ottenuti seguendo questa filosofia, sono innegabili e per quanto se ne possa parlar male, i successi gli danno ragione.
    Tutto questo dovrebbe diventare il mio mantra, ne sono cosciente.

    @Only: seguire il proprio cuore, il proprio istinto, non è sempre sinonimo di far del male agli altri sai? Ovvio che ognuno dovrebbe applicare tali regole alla propria vita secondo la propria coscienza, non c'è nulla di sbagliato in questo.

    RispondiElimina
  13. @Nya: non è da tutti avere il fegato per seguire questi dettami, ci vuole molto coraggio.

    @Luna: come ce ne sono pochi!

    RispondiElimina
  14. è vero ci vuole coraggio....ma se la vedi nell'ottica che potresti passare una vita magari come vogliono gli altri senza seguire ciò che fa star bene a te per poi ritrovarti insoddisfatta a star lì a pentirti amaramente perchè ti senti spersonalizzata e non riconosci te stessa in niente di quello che fai o segui.....
    beh ti accorgi che ciò che lui afferma non è altro che un principio naturale....
    il problema è che l'essere umano ormai è troppo abituato ad andare contro natura....in cerca di consensi o approvazione....cosa ci faremo poi dell'approvazione altrui se stiamo male diventando l'ombra di noi stessi x me personalmente è un mistero!
    meglio essere giudicata rimanendo me stessa piuttosto che attrarre consensi e non essere chi sono davvero!
    tanto poi alla fine chiunque te la mette in culo uguale quando o non servi più o non fai comodo......
    ahhhhh ultimamente mi sento ispirata che perla di sana e cinica saggezza ahahahahah ^_____^

    RispondiElimina
  15. per i prodotti: bellissimi, niente da dire, ma io non cambierei mai il mio Samsung con l'Iphone di Brad. Che vuol dire che sono gelosi quelli che non possono metterci le mani sopra!! Ce l'hanno cani e porci!! Io ho uno shuffle perchè è bello, ma in quanto a comodità...non fa nemmeno da chiavetta USB!!! Poi come ti ho scritto di là, se metà di quelli che oggi hanno postato 'sto discorso su Facebook domani ne applicassero un quarto ci sarebbe una rivoluzione, io almeno sono coerente, non faccio quello che vuole il mio cuore, faccio il mio dovere, fin dove sopporto... Come facciamo tutti...

    RispondiElimina
  16. Punti di vista..io non ti conosco, ma trovo le perdono che ragionano come te molto tristi. Di esempi sotto gli occhi ne ho, e la maggior parte sono donne imbruttite dalla loro vita, pero x fortuna sono circondata da persone positive e felici che hanno realizzato i loro sogni xche ci hanno creduto e hanno saputo seguire il loro cuore!

    RispondiElimina
  17. *persone, non perdono! Scusante, la correzione automatica Dell iPhone ;P

    RispondiElimina
  18. @Only: al di la del fatto che si stava rivolgendo alla futura classe dirigente del mondo (Stanford sfornerà il probabile futuro presidente degli USA), è proprio indirizzato al fatto che se nessuno prende il coraggio a quattro mani e tenta di cambiare lo status quo, beh, il mondo resta statico. chi l'ha fatto fare a grandi menti di andare a proprio rischio contro la chiesa che li additava come eretici? lo stesso Galileo ha ritrattato i propri sogni. colombo non ha seguito il proprio sogno?
    ciò non toglie che in media stat virtus, e lui stesso lo ha dimostrato limitando se stesso, smussandosi e contenendo il proprio ego.
    forse la grandezza sta proprio nel vedere oltre le difficoltà, il conformismo e la staicità e trovare il giusto compromesso per arrivarci.

    RispondiElimina
  19. Ti quoto in pieno Mr.red! E sono convinta che è proprio xche mancano persone forti che la pensano così che il mondo va male! 'massì, tiriamo avanti la carretta finchè va, poi si vedrà' ma che discorsi sono????? Animo, su, se c'è qualcosa che non va ci si tira su le maniche e si lavora x migliorarla! Ah, odio il pessimismo

    RispondiElimina
  20. @La candy: iniziate a tirare avanti la carretta però, non ha fare le vittime della società, poi ne riparliamo... Ah, giusto per tua informazione, io non sono triste, semmai incazzata, quanto ad imbruttita, non credo proprio. Mi fa solo ridere vedere che invece di prendere le parole di Jobs nel vostro piccolo vi siete tutti limitati a dire: bravo. Io non sono pessimista, sono realista. ( e per favore, usa una dialettica meno violenta nei miei confronti, mi hai già dato della brutta, della triste, della pessimista e anche dell'incapace a leggere solo perchè non mi sono appunto conformata alla vostra idea...qualcosa non torna non credi?) :)
    @Red amore: si lo so, ma sai anche che la mia era una provocazione... e vedi anche il risultato :) ( si lo so, oggi sono acidissima...)

    RispondiElimina
  21. Hai ragione mi sono espressa male, non intendevo insultare te, intendevo dire che conosco persone che ragionano come te che a furia di vederla nera e a non fare niente x migliorare le cose sono diventate acide e arcigne. Detto questo, io non dico solo bravo a jobs, ma la penso come lui e vivo seguendo la mia ideologia. Non sono ipocrita nè vittima della società, anzi. Ma questo non lo puoi sapere dato che non mi conosci, nè io posso sapere se tu sei una persona arcigna o solo incazzata xche non ti conosco neanch'io. Sorry se ti sei sentita offesa!

    RispondiElimina
  22. @LaCandy: no, non mi sento offesa, figurati. Solo mi difendo. Io per i miei quattro ideali mi scanno ogni mattina, ma non sempre puoi fare esattamente come vorresti, perchè qualunque cosa tu faccia, va sempre a scapito di qualcuno. E' faticoso fare quello che si vuole, specie quando il tuo istinto ha sempre ragione. Se io facessi tutto quello che dice il mio istinto... va beh, questa è un'altra storia.
    Comunque la mia era una provocazione, come dicevo a Libby, oggi tutti hanno messo la stessa mela listata a lutto e hanno taggato lo stesso discorso, nessuno ha fatto lo sforzo di metterci del suo. Io pensavo di mettere una pera, e Libby, che è la solita lussuriosa, mi ha suggerito una banana.

    RispondiElimina
  23. @Only: ahahahahah... ma si la banana mi pareva una cosa che andava controcorrente. La pera era troppo simile. E poi, lussuriosa... io? Ma vaaaaa.... è solo che mi piace fare le porcherie! Ahahahah!

    RispondiElimina
  24. Ahahahah Candy sei una porca pure tu!

    RispondiElimina
  25. Io quoto la banana!
    @Only, l'amore salverà il mondo :)

    RispondiElimina
  26. sarò criticata , ma ..sarà stato anche un genio ma si dice che con i suoi dipendenti fosse un vero TIRANNO. parcheggiava pure nel park handicappati. Ha riconosciuto la prima figlia avuta da una pittrice dopo molti anni, cercando pure di spacciarsi per sterile pur di rinnegarne la paternita'. Si era malato di cancro la bellezza di 8 anni fa...poteva invece di rimanere attaccatto alla sua azienda fino ad un mese fa, sfruttare il tempo per stare con la sua famiglia. Un grande business man, come uomo direi molto ...discutibile. Pace all'anima sua

    RispondiElimina

Le vostre perle...