venerdì 7 ottobre 2011

Ciao ciao estate...

Stamattina sono stata svegliata dallo scrosciare della pioggia. Il cielo è plumbeo e la temperatura decisamente bassa.
Mi sa che stavolta l'estate ci saluta definitivamente, ha fatto le valigie e se ne sta andando, facendoci ciao ciao con la mano.
Del resto, si poteva forse pretendere una temperatura da metà giugno fino a Natale? Direi di no, ma questo non mi rende meno triste.

Aggiornamenti per chi non lo sapesse, e siete molte. Da mercoledì pomeriggio sono a casa... in mutua. La cosa è stata improvvisa, tanto che il mio orologio è rimasto in ufficio e il PC è rimasto acceso!
Mercoledì, dopo l'ennesima folle discussione, sono tornata a casa in lacrime (per il nervoso) e mi sono abbracciata la tazza infilandoci la testa dentro, mentre Dr J mi teneva i capelli.
A questo punto credo di essere arrivata al capolinea. Mio padre è stato comprensivo e anche un pelo irritato dall'"aimale" per cui lavoro (parole sue), mia madre, come ogni conservatrice, mi ha tirato il collo, intimandomi di tornare a lavorare, di fregarmene del fatto che strilla perchè io sono l'unica che lavora e lavoro non ce n'è e se mi licenzia siamo nella merda. Quello che mia madre non sa è che nella merda ci siamo già da un pezzo e che è IMPOSSIBILE ignorare una persona che non fa che urlare e creare problemi dove non ce ne sono, che non ti lascia parlare e spiegare e che solamente ti accusa di cose che non hai fatto. Non so voi, ma io faccio fatica a farmi scivolare addosso le cose.
Sta di fatto che Dr J mi ha obbligata a rimanere a casa e mi ha portata dal medico a cui ho detto solo di essermi sentita male e mi ha dato tre giorni di mutua. Insomma, rientro lunedì. Qualcuno mi ha chiesto perchè non gli ho detto la verità, che magari mi guadagnavo una settimana di riposo. Perchè il medico non mi conosce, mi ha vista due volte e giocarmi alla prima la carta dell'esaurimento da lavoro (anche se è vero) mi pareva eccessivo, ma vi assicuro che se ricapita non lesinerò certo le vere motivazioni del mio malessere.

Non ho voluto saperne di chiamare l'idiota, che solo la voce mi avrebbe fatta vomitare come nella famosa scena dell'esorcista, così ha chiamato Dr J e nonostante le sue parole siano state "Libby si è sentita male, oggi non viene..." il tono era più simile a "Se non vuoi ritrovarti il naso in gola, ti conviene piantarla di rompere i coglioni!", caro il mio amore.
Così sono due giorni che sono a casa a fare NIENTE di niente. Divano. computer e tv. Fanculo anche a lui!

Ah quello che ho dimenticato di dirvi, è che nella foga della discussione, mi ha dato 3 mesi di tempo per trovarmi un altro posto, il che potrebbe anche essere una cosa positiva, una scadenza, un countdown direbbe Lisa! Certo, devo trovare altro da fare ovviamente e io DETESTO fare la contabile...

La cosa buffa è che rispetto allo scorso anno, in cui la depressione mi mangiava l'anima per questa ragione, oggi posso dire di NON essere affatto depressa. Io sto bene, io sono felice, le cose con Dr J sono serene e ci vogliamo bene, ho ripreso i corsi, ho ripreso ad uscire con gli amici. L'unica cosa che non ho ripreso affatto, è creare. Questa è una cosa che mi fa capire che qualcosa non mi lascia vivere serena, ma non c'è poi molto da cercare...è il lavoro. Non fosse per questo, nonostante io sia mooolto povera (ehehehe) sto bene lo stesso.

Libby

Oggi è venerdì, c'è già un post che vi attende al Club!

38 commenti:

  1. Ragazza... guardala sotto questa ottica: hai tirato letteralmente fuori il peggio! ora devi pensare a ripartire!

    RispondiElimina
  2. Ti ho già detto come la penso e cosa ti consiglio di fare.
    Con una persona così si passa alle maniere forti. Soprattutto informati se può dare questi ultimatum (non credo proprio)
    Intanto rilassati in questi giorni....qui continua a splendere il sole, nonostante qualche nuvola di stamattina presto :-))

    RispondiElimina
  3. Benvenuta nel club! Anch'io a gennaio devo sloggiare..solo che a me l'ha detto due settimane prima del matrimonio..e il bello è che secondo lei sono fortunata xche mi ha dato tanto tempo x trovarmi un altro lavoro! Per fortuna abbiamo degli uomini d'oro al nostro fianco..!!!

    RispondiElimina
  4. ma una bella vertenza sindacale???

    RispondiElimina
  5. brava che sei stata a casa!!!!!!!! goditi il dolce far nulla per un po' :)

    RispondiElimina
  6. Te l'ho già detto e te lo ripeto: SENZA NIENTE DI SCRITTO TU NON TI MUOVI DI LI E SFRUTTI OGNI ARMA A TUO FAVORE PER FARGLIELA PAGARE!!! Se vuole mandarti via, lo fa con tutti i crismi della situazione, che così sono solo parole al vento!

    RispondiElimina
  7. ma....cosa vorresti fare davvero!?

    RispondiElimina
  8. Orpolina, se sei un tempo inderminato, e lui non sta facendo fallimento, come si permette di darti tre mesi di preavviso??? per licenziarti, anche in tronco, devono esserci dei motivi validi: dormire sul posto di lavoro, arrivarci ubriachi, rubare, grave insubordinazione (però va provata...). io consiglio caldamente sindacati e denuncia per mobbing, per cominciare. tanto poi cose da aggiungere se ne trovano sempre... un passo dai sindacati fallo, fidati!

    RispondiElimina
  9. Scusa ma lui può darti un ultimatum di questo genere? Premesso che secondo me è assurdo ammalarsi per il lavoro e va bene che si lavora per vivere, ma non si vive per lavorare...nel momento in cui dovessi stare male fisicamente al solo pensiero di varcare la soglia di questo ufficio me ne andrei senza tanti ripensamenti. Capisco che il lavoro è necessario e i soldi servono ma sul punto sono molto "fatalista" e Dio vede e provvede (si spera! :P)...però ecco allo scadere dei 3 mesi un bell'esaurimento me lo farei diagnosticare dal medico, così in simpatia, eh? Un in bocca al lupo gigantesco per tutto, Libby.

    RispondiElimina
  10. Sono d'accordo con Perle tranne che per una cosa: STAI LONTANA DAI SINDACATI!!!

    RispondiElimina
  11. Goditi un po' di riposo. A mente confusa non si riesce a prendere nessuna decisione e ad intraprendere nessuna azione di un certo rilievo.
    Devi tornare 'lucida'...
    Corro nel blog del venerdì!

    RispondiElimina
  12. Diciamo che io, di solito, penso ad un altro tipo di countdown ma, paradossalmente, anche questo potrebbe essere positivo, perché anche se ora ti sembra una tragedia perdere il lavoro, questa cosa potrebbe innescare un bel cambiamento, e non lo dico sull'onda della mia solita positività galoppante, ma perché ci sono passata io per prima! Pensa che proprio oggi volevo scriverci un post, ma non ho tempo, poi lo scriverò, però intanto voglio dirti che io, anni fa, ho perso il lavoro, perché la società per cui lavoravo fallì e lasciò tutti a casa.. io pensavo che la mia vita fosse finita, che sarei andata sotto un ponte, senza soldi per l'affitto, per mangiare, ecc., e invece da lì si sono innescate una serie di cose che mi hanno permesso di affrontare cose che, se avessi mantenuto il lavoro di prima, non sarei mai riuscita a superare! E sono d'accordissimo con LaPink: stai più lontana che puoi dai sindacati, che sono un'istituzione vergognosa! Non ti muovere di lì, fatti licenziare e poi fagli causa, ti toglierai qualche soddisfazione!! E non mollare!!!!!!!!!!!! Ti abbraccio forte!!

    RispondiElimina
  13. @Sonia: secondo me il peggio deve ancora venire!

    @Luna: qui invece è brutto come da previsioni, ma poco importa, tanto sono comunque chiusa in casa fino a sera. Poi mi attende una bella serata, spero!
    L'ultimatum non credo sia efficace, nel senso che non penso possa fare molto, il punto è che sono io ora che non voglio rimanere.

    @Candy: ma stai scherzando? non lo sapevo... magari ti scrivo due righe in privato. Si la fortuna è che abbiamo due angeli vicino, solo che il mio è ancora un angelo disoccupato. Certo che ti han fatto proprio un bel regalo di matrimonio eh!!! Carini!

    RispondiElimina
  14. @Princi: pensi che possa cambiare qualcosa? L'ho visto licenziare senza preavviso un mio collega e maltrattare a parolacce un secondo finchè non si è licenziato. Il primo si è preso un avvocato e non è riuscito ad avere nemmeno un centesimo.... lascia stare, questo è furbo come pochi. E poi cosa potrebbe servire? Credi che si darebbe una calmata? Secondo me mi farebbe vedere i sorci verdi per mesi e sono già messa male di mio. Che mondo crudele! :-D

    @Vete: già, tanto poi le rotture di maroni le recupero da lunedì...

    @Claudia: certo, ne sono cosciente e lo so che non può mandarmi via. Io però l'ho visto come si comporta con chi non vuole più. Mi farà impazzire vedrai. Io non sono come il mio ex collega, io rischio di farmi 30 anni di galera o di ospedale.....

    @Only: onestamente non lo so, o meglio lo so ma non è proprio possibile. Il lavoro che ho fatto per tanti anni... l'orafa! Tutto il mio mondo!

    @Perle: dai sindacata dovrei farci un giro davvero, anche se ho sentito alcuni colleghi e mi hanno detto che fanno molto poco. Come dici tu per licenziarmi ci vogliono dei motivi comprovati e gravi, ma altrettanto temo per una denuncia per mobbing, tanto più che sarebbe la mia parola contro la sua. I miei colleghi, sebbene mi diano ragione, non lo faranno mai pubblicamente. Io mi ritroverei comunque senza lavoro....

    RispondiElimina
  15. @Gnap: tu hai tutte le ragioni del mondo, ma sono l'unica che lavora in famiglia e ho un mutuo e un affitto da pagare. Se potessi me ne sarei già andata, con o senza un altro lavoro. L'idea di tornare lì dentro lunedì mi da la nausea e mi sale l'ansia, ma non posso mollare il lavoro così, in un mese mi sbattono fuori di casa e vado a vivere sotto i ponti. Ovvio che non mi diverte l'idea di lavorare lì dentro, ma non ho alternative possibili. Io ho un contratto a tempo indeterminato e il suo ultimatum se lo può beatamente mettere dove dico io, il fatto è che IO non voglio più restare. Grazie mille.

    @Cla: ecco, non sei l'unica che me l'ha detto....

    @PRxT: brava corri... ahahaha!

    @Lisa: grazie cara... si lo so che i tuoi countdown sono decisamente più divertenti, ma se è vero che positività chiama positività... forse ce la possiamo fare. Forse. Niente sindacati, giuro! Non vedo cosa di buono possa accadermi, ma io resto ad occhi aperti, magari non lo vedo passare e non lo piglio al volo.

    RispondiElimina
  16. perchè dici che non è proprio possibile?

    RispondiElimina
  17. Altra cosa: prima di andare, FATTI PAGARE TUTTO QUELLO CHE TI DEVE!!!

    RispondiElimina
  18. Eh quando ti dicevo che eravamo nella stessa barca mica scherzavo..cmq che tu ci creda o no ma è tutta la settimana che devo farci un post, ma poi preferisco leggere voi e commentarvi x non pensarci, perché ormai mi vien da vomitare anche a parlarne!

    RispondiElimina
  19. Lo sai quanto riesco ad essere fessa io, ma in casi come questo divento una iena peggio del Messia.
    Io al tuo posto da lì mi muoverei solo quando avrei trovato qualcosa d'altro e lui non può licenziarti senza un motivo più che valido che deve essere anche dimostrato.
    Capisco che sia pesante e ti far stare, ma sarebbe un'ingiustizia e un mandare a fanculo tutte le lotte per il lavoro. Queste persone non possono fare il bello e cattivo tempo come le pare.
    Io gliela farei pagare e mi passerebbe anche il mal di stomaco :-)

    RispondiElimina
  20. Mi dispiace proprio tanto per la situazione, l'ho visto accadere tante volte.
    Tieni duro finché non trovi qualcos'altro, anche a costo di stare a casa mesi. Senti i sindacati comunque, almeno segnali loro i comportamenti folli...
    Coraggio

    RispondiElimina
  21. @Claudia: tutti quelli che se ne sono andati da lì, hanno tribolato come dannati per avere il TFR, per me sarà lo stesso e ti dico già che non si può fare altro che aspettare i suoi comodi!

    @Candy: ecco si, l'effetto che ho avuto io mercoledì. Non mi era mai successo.

    @Luna: eh si ma non è tutto semplice, tu la mia situazione la conosci fin troppo bene e io da lì non me ne posso andare. Ovvio che sto cercando lavoro, ma fino ad allora (e considerato i mesi che Daniel sta cercando il suo...) non posso far altro che vomitarmi l'anima e mangiarmi il fegato. Perchè ignorare le urla non si può, non per me. Ignorare le ingiustizie nemmeno.

    RispondiElimina
  22. @Mafalda: grazie cara. Cercherò di fare del mio meglio!

    RispondiElimina
  23. @ LIbby: no, niente sindacati. Insisto. E nemmeno un avvocato normale, ma uno che segue principalmente diritto del lavoro.

    RispondiElimina
  24. la so bene la situazione, per questo ti dico di fargliela pagare. Quando ti diventa insopportabile sopportare i suoi insulti, le sue grida, la sua cafonaggine, invece di stare male, ti metti in malattia. E così finchè sarai tu a dargli il benservito.
    Intanto informati, fatti consigliare da chi ti può tutelare (come ha detto anche la Pink)

    RispondiElimina
  25. al mio paese c'è un cartello per la ricerca di operai (specializzati, credo), se vi interessa vado a prendere gli estremi, ok?

    RispondiElimina
  26. Mi spiace Libby, cerca di stare tranquilla anche se so che non è semplice... e prosegui la ricerca di un posto migliore... non può piovere per sempre... e che caxxo aggiungo!!

    RispondiElimina
  27. mi spiace davvero tanto......non riesco a trovare parole adatte x farti sentire meglio perchè cmq non cancellano il fatto che tu debba tornare sempre lì dentro x il momento....però perchè elimini totalmente l'idea di tornare a fare l'orafa?

    RispondiElimina
  28. @Nya: perchè non esistono posti dove poterla fare. Dalle mie parti il 90% delle ditte orafe ha chiuso nel 2002-2004. Quelle rimaste aperte riducono il personale. Il mio momento è passato ormai.

    @Gi: speriamo sia vero.

    @Bri: che cara che sei, ti direi anche di si, di farmi sapere, ma lo sai che anche le imprese non assumono operai se non hanno esperienza? Pare incredibile.

    RispondiElimina
  29. intanto vado a vedere e mi prendo i numeri, te li passo, poi se cercano con esperienza non ho idea, ma almeno si fa qualcosa, no?

    RispondiElimina
  30. Libby nooooooooooooooo Tutto ma non abbracciare la tazza del WC !!! ti pregooooo !!! :-)

    RispondiElimina
  31. In bocca al lupo per la ricerca! So che è difficile (ci sono dentro anch'io) ma qualcosa prima o poi deve arrivare e, a occhio, peggio del lavoro che hai non può proprio essere ;)

    RispondiElimina
  32. Ehi la tazza no, eh!!!! Non farlo mai più!
    Per il resto, cerca di essere forte... e cerca anche un nuovo lavoro altrimenti ti ammali davvero...
    Quando si lavora si ha bisogno di serenità...
    In bocca al lupo cara Libby! :) ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  33. forza libby!!
    hai fatto benissimo a rimanere a casa in questi giorni!!!
    ora mettiti in cerca e intanto resisti!!...anche se immagino che non sia facile per niente!!! :-(
    per gli sfoghi noi siamo a tua disposizione!! :-)
    un bacione

    RispondiElimina
  34. fino a Natale magari no, che l'albero col sole di fuori non è bello da fare, ma fino a metà novembre 'sto caldo me lo sarei portato volentieri ;)

    RispondiElimina
  35. ecco mi son persa sia le tue news che il post del venerdi!!! nooo!!! comunque ho gia rimediato ed ho commentato!
    hai fatto benissimo a stare un po lontana da quel cretino e spero in questi mesi tu possa trovare qualcosina anche part time,sono posistiva ed incrocio sempre le dita per te.

    RispondiElimina
  36. trovato, ma la dicitura è apprendisti meccanici, ti metto il numero su face, che c'è la messaggeria privata.

    RispondiElimina
  37. Ciao libby,come va a livello fisico?lo stato d'animo nemmeno te lo chiedo immagino tu sia dovuta tornare a lavoro :(

    RispondiElimina

Le vostre perle...