lunedì 6 giugno 2011

Là su su sulle montagne, tra boschi e valli d'or....

Era una canzone che mi cantava un mio zio, fratello più vecchio di mio padre e, lasciatemelo dire, gran bel pezzo d'uomo.

Divago.
Il ponte è stata una vera merda.
Non voglio usare mezze parole o mezzi termini, perchè qui, nel verdeggiante Nord, non ha fatto altro che piovere!

Giovedì io e Dr J ci siamo sollazzati in casa, dopo un mercoledì sera/notte a piroettare sulla pista, abbiamo trascorso il giovedì (che io avevo programmato di trascorrere sistemando la cameretta e stirando) tra il letto e il divano, in coma profonda.
Venerdì mattina partenza alla volta della Val Comelico, nella cornice delle Dolomiti, che sono splendide con il sole e una rottura di palle con la pioggia! Ovviamente siamo arrivati che piovigginava.
Immaginate me, Libby, che detesta la montagna con ogni sua cellula, obbligata in una roulotte con pre-ingresso in legno per un totale di 10 mq, per 3 giorni con Dr J, papà, mamma, Enrico (il maxi cane) e Hook (il mini cane), senza connessione e senza lettore DVD! Una tragedia, avete detto bene.

Poi le splendiderrime idee di Dr J, che mentre la pioggia imperversava fuori dalle piccole finestre, provoneva pirotecnici viaggi in Austria e a Belluno, e per quanto abbia fatto i capricci e il muso, non è riuscito a convincermi. Ero tecnicamente impraticabile.... due palle come mongolfiere!
Lui si è divertito a giocare a carte con mia mamma, io a fare maglie per catena per una collana, e si, perchè sapendo cosa davano le previsioni, mi sono armata di: libro-nemmeno estratto dallo zaino, i.pod-nemmeno estratto dalla borsa, Mac-con cui ho giocato qualche minuto, guardato qualche foto e niente di più eeee... pinze, tronchese e filo metallico, con cui ho praticamente trascorso il tempo che non discutevo con Dr J o che dormivo.

Note positive ce ne sono ovviamente, ho dormito ma non più del solito, sono stata in splendida compagnia con i miei fratelli pelosi adottivi, Enrico e Hook e ho mangiato come un maiale....

Ieri siamo arrivati a casa col sole, salvo poi scatenarsi un temporale, giusto quando stavamo uscendo dalla birreria dove siamo stati a cena.... insomma, come non farsi mancare nulla.

Oggi, ovviamente, piove!

Giugno è davvero cominciato nel migliore dei modi, ma voglio farvi un regalo, vi lascio alcune foto del posto dove siamo stati...


La ridente cittadina di Santo Stefano di Cadore

Nella foto qui sotto il monte Aiarnola, famosissimo nella zona per un detto "Quando l'Aiarnola ha il cappello, piove!" dove il cappello ovviamente sono le nuvole. In tre giorni non siamo riusciti a vederla, imbavagliata
com'era dalle nuvole!!


Qui sotto invece, il Laghetto Sant'Anna, famoso per lo chalet che offre gelati ai frutti di bosco
e lamponi caldi.


Ciao a tutte.
Libby

10 commenti:

  1. il paesaggio a vederlo cosi sembra favoloso Libby :) però un pò immagino la noia...anche io dopo un pò mi sarei stancata forse!!! tranne che per il dormire ed il mangiare ;)
    Sul tempo stendo un velo pietoso!!! mi sembra che stia tornando l inverno!!! e nn vorrei dovermi trovare a fare il cambio stagione a distanza di due mesi!!!sarebbe davvero un incubo per me!!!

    RispondiElimina
  2. @Cene: lo scorso anno io e Dr J siamo stati in questo posto per un week end, i primi di luglio. Uno dei week end migliori dell'anno, speravo di replicare, ma tra me e lui c'è un po' di maretta da qualche mese e la pioggia non ha aiutato. Vabbè, ci rifaremo! Magari la prossima volta prendo la direzione del mare.... :-D

    RispondiElimina
  3. Se non altro i posti erano belli... sulla noia nessuno ti può capire meglio di me... dopo questo ponte allucinogeno!!!!

    RispondiElimina
  4. quando c'è maretta stare dentro pochi metri quadrati insieme nn è mai costruttivo ;) a soo sicura che replicherete ed anche molto bene ;) e si la prossima volta magari prova col mare :)

    RispondiElimina
  5. ecco non sono l'unica ad aver incontrato pioggia....testimoni il mio raffreddore ed il mio mal di gola peggiorati di molto, purtroppo noi ci siamo dovuti inzuppare per via del posto scelto e dell'attività voluta....spero che non sarà un'estate interamente cosi altrimenti sclero -_-

    RispondiElimina
  6. aahahahahaha Libby tesoro!!!! Non c'è niente di peggio della montagna con la pioggia per chi anche col sole la detesta. Io che amo la montagna fortunatamente sono riuscita sempre a trovare qualcosa da fare anche nelle giornate più piovose, incastrando due passi magari nell'unica oretta di sole, qualche visita a qualche castello o abbazia!!! Il prossimo ponte ti consiglio al mare!!! Ciao belessa!!!!

    RispondiElimina
  7. Il posto è stupendo visto così, ma immagino bene la noia mortale con la pioggia.
    Ho passato una settimana anni fa chiusa in un camper con 3 bambini, un freddo cane e acqua torrenziale. Era agosto ed eravamo al lago di Garda. Mai più, mi stavano ricoverando per crisi isterica fulminante :-D

    RispondiElimina
  8. il posto visto dalle fotine sembra uno splendore...ma io odio la montagna, e per di più se c'e' stata la pioggia mi sarei anche potuta tagliare le vene!! PERO' DAI almeno avete riposato un po'!!!:))

    RispondiElimina
  9. .. penso che io, al vostro posto, mi sarei lanciata giù dalla cima del monte Aiarnola o mi sarei affogata nel laghetto Sant'Anna... :-))

    RispondiElimina
  10. @MM: si cara ho letto e ti capisco molto bene!
    @Cene: si beh sono cose che capitano... :-D
    @Nya: è l'augurio che ci facciamo tutte credo. Se ti può consolare domenica sera Dr J aveva quasi 38 di febbre senza motivo... passata subito! Mah!
    @Mere: ciao amore santo, si la prossima volta vado al mare, che con la pioggia non mi piace comunque, ma sempre meglio della montagna!!!
    @Luna: oddio si, non me lo dire, poi al Garda quando piove PIOVE.... è famoso per le burrasche. Che palle!
    @Poggy: chi meglio di me può capirti cara...passavo le vacanze estive in questi posti, un intero mese... non ti dico le bestemmie, appena ho potuto non ci sono più andata!
    @Lisa: credimi, ci avevo pensato!

    RispondiElimina

Le vostre perle...