venerdì 4 marzo 2011

Scelte obbligatorie

Oggi è venerdì, e per la serata di oggi è prevista la festa per il compleanno di Dr J, a casa nostra.
Non ho la più pallida idea di chi ci sarà, di cosa faremo da mangiare (farà Dr J che si è preso una giornata di ferie mentre aimè, io lavoro) e di quanti saremo. (mentre scrivevo il post ho avuto notizie in merito!)
Purtroppo a volte le aspettative ti fregano.
Ci si aspetta che le persone si comportino in un determinato modo, e se non lo fanno la delusione è bruciante e, ammettiamolo, ti fanno passare tutte le voglie di fare festa o di essere grati con una pizza per l'augurio ricevuto.
Non scendo in dettagli perchè non è questo l'argomento del post.

Voglio farvi una domanda... vi è mai capitato di organizzare qualcosa (festa, matrimonio, battesimo, compleanno) e di sentirvi OBBLIGATI ad invitare qualcuno?
Mi spiego.
Quando io e Dr J, ormai un anno fa, siamo andati a vivere insieme, c'era in programma di fare una mangiata con gli amici e successivamente i parenti, per inaugurare la casa nuova. Al momento di decidere chi invitare, ci siamo trovati in panne. C'erano persone che avevamo veramente piacere ci fossero, altre che avremmo preferito di no, ma che, essendo parte della compagnia, ci sentivamo comunque in obbligo di invitare. Alla fine, la cena con gli amici non è mai stata fatta e le persone non gradite non ci sono nemmeno più. Per quel che riguarda la famiglia la cosa è differente. Nonostante comportamenti poco carini nei nostri confornti, abbiamo invitato tutti, ma visto il numero eccessivo per le dimensioni di casa nostra, siamo stati costretti a frastagliare gli inviti un po' per volta.
Purtroppo però, quando si festeggia un compleanno o un evento quale un matrimonio, un battesimo, un evento unico insomma, la cosa cambia. Hai piacere di invitare Tizio, ma se lo fai devi invitare anche Caio e vorrai mica lasciar fuori Sempronio no?
Ecco queste cose mi irritano parecchio.
Se Dr J ed io decidessimo di sposarci, lo vorremo fare in modo molto intimo e ristretto, con le persone che ci fa piacere avere attorno e non con invitati obbligati dal Galateo o dai parenti che dicono "non puoi non invitarlo!".
Ma se noi dovessimo invitare tutte le persone che "non si possono non invitare" per i nostri genitori, ci ritroveremmo in 300 persone e la cosa non è proprio fattibile.
Si devono fare delle scelte. Io amici ne ho pochi, lui anche, ma quei pochi li vorremmo con noi. Dobbiamo invitare la famiglia, anche se magari qualcuno di loro non si è comportato proprio benissimo con noi e ci piacerebbe mandarli a quel paese. Con la famiglia si aggiungono gli zii e i cugini piccoli e se inviti lo zio Virginio, non puoi non invitare Prosdocimo. E Virgilio e Prosdocimo hanno 4 figli a testa e non li puoi lasciare a casa, che sono piccoli.
E se decidi di invitare la cugina Genoveffa, con la quale sei nata e cresciuta ed hai con lei un rapporto molto speciale, come puoi fare torto a Ludovica e Lavinia??? Che non ti cagano da anni ma sono le sorelle di Genoveffa?
Una cosa ancor più fastidiosa è quando tutti vogliono dire la loro, o peggio ancora, lo fanno dopo che ti sei fatto il culo per organizzare l'evento e se ne escono con "Beh potevi fare così o colà, dovevi invitare questo o quello!" o che sollevano fantasiose critiche alle quali risponderesti con un bel vaffanculo. Peggio ancora se organizzi e sai già che qualcuno che hai invitato ti farà incazzare come una biscia.

La verità è che fosse per me, inviterei solo le persone che si sono comportate bene con me, che mi hanno portato rispetto, che mi hanno voluto bene, che mi hanno criticata ma con lo scopo di darmi un consiglio e non per il gusto di rompere le scatole.
Fosse per me ad ogni "Ma non puoi non invitare Calissandro!" risponderei "Questo tizio mi ha fatto questo, questo e questo e io non lo voglio tra i piedi!" con buona pace di tutti, o quanto meno con buona pace mia.
Ma non si può.... perchè c'è una legge non scritta che ti obbliga ad invitare anche gente che non se lo meritano.

Ditemi la verità, voi cosa fareste in questi casi? Avete la faccia come il vostro splendido lato B e vi ritrovate a dire "no a te non t'invito perchè sei una pettegola criticona", oppure sfoderate il vostro sorriso migliore e ingoiate il rospo?

Vs Libby

Nota: post PERLE VARIEGATE su Libero...

10 commenti:

  1. Alla Cresima di A. non ho invitato una cugina con figlia al seguito che vedo solo ed esclusivamente in queste occasioni (battesimi, comunioni ecc) Probabilmente si sono un pò offese, ma ho giustificato la cosa non dicendo però il vero motivo del mancato invito.
    Insomma un colpo al cerchio e uno alla botte.
    Con qualche scusa ben assestata si possono, nei limiti, evitare inviti non graditi.

    RispondiElimina
  2. Non solo ti dico quello che farei, ma lo avvaloro dicendo che l'ho fatto: visto che l'evento in questione è il mio, e non dei miei genitori, invito solo esclusivamente le persone a cui tengo e che voglio che ci siano.. la legge non scritta che obbliga ad invitare Tizio perché non si può non farlo, per me non vige!! :-) Sarò impopolare, ma non voglio rovinarmi momenti in cui mi interessa solo di essere circondata da persone a cui voglio bene.. e per gli altri, non credo sia mai stato un trauma non essere invitati!!! :-))

    RispondiElimina
  3. Ti dico solo: lasciamo perdere.
    Questo post mi fa incaxxare così tanto, che non riesco a mettere per iscritto i sentimenti e i pensieri...
    Dipende dal carattere.
    A volte non si può decidere chi invitare e chi no, bisogna solo assecondare gli eventi... :(

    RispondiElimina
  4. la penso esattamente come lisa. se pure William e Kate non inviteranno zia Sarah al loro matrimonio, credo che anche tu possa tranquillamente esimerti dall'invitare Calissandro. :)

    RispondiElimina
  5. Non so....è semplice dire "manda a quel paese chi non vuoi" xo come dici tu spesso ci si ritrova in inviti pro-forma difficili da evitare a meno che non ci interessi poi delle conseguenze....forse x non ritrovarmi poi in casini successivi personalmente li inviterei se pur ignorandoli totalmente visto la mole degli invitati....mancanza di coraggio?boh non credo, forse quieto vivere o carattere lungimirante....

    RispondiElimina
  6. @Luna: si lo credo anche io, anche se non è sempre facile. Ad ogni modo ci sono scelte dettate non solo dalle simpatie e dalle frequentazioni. Tornassi indietro al mio matrimonio ci sarebbero metà delle persone che c'erano. Venuti a scrocco a mangiare e mai più viste ne sentite, a partire dal mio testimone di nozze!!!
    @Lisa: alla veneranda età di 36 anni la penso come te. Infatti, dovesse mai essere, inviterò esclusivamente chi se lo merita e chi voglio vicino. Se gli altri si offendono... peggio per loro, fanno due fatiche per nulla.
    @PRxT: si ti capisco molto bene e in effetti un pensiero a te, mentre lo scrivevo, è andato. E hai anche ragione nel dire che a volte si seguono gli eventi e non si può sempre scegliere, potendo però...
    @Poison: ahahahah si ma dici che la zia Sarah non s'è offesa almeno un pochino? Per Calissandro, beh io credo possiamo fare a meno!
    @Nya: se parliamo di un matrimonio ti do ragione, se parliamo di una cena tra amici o parenti... fai un po' fatica ad ignorare certe persone no? Diciamo che la regola del Invito ma non cago, è applicabile ai grandi eventi e per gli altri... si farà quel che si potrà immagino!

    RispondiElimina
  7. Uhm....x una cena tra amici me ne fregherei totalmente ed inviterei solo chi davvero conta....x i parenti ecco il detto "parenti serpenti" è purtroppo spesso vero....valuterei forse che conseguenze porterebbe un non-invito e se non fossero poi cosi catastrofiche salterei anche li....l'importante è che stiate bene voi e che non vi facciate il sangue amaro x questo.....

    RispondiElimina
  8. oh mio Dio, che argomento che vai a toccare...
    Io ahimè spesso e volentieri in tanti casi ho DOVUTO fare degli inviti che, diciamocelo, NON potevo (o non avuto le palle per) NON fare.
    Altre volte, invece, come per la festa di compleanno di Mati di quest'anno (è una lunghissima storia che NON posso raccontare qui) sono arrivata (tristemente, in questo caso, complice però anche l'intervento ai denti) a NON organizzare una festa allargata perchè la situazione era ingestibile....

    E comunque, in entrambi i casi, non sto a dire nulla... passo oltre....

    RispondiElimina
  9. oh no avevo scritto un commento ma è sparito!!!!!! che dirti, se al matrimonio paghi tu e non tua mamma lei si deve fare una ragione per chi non vuoi invitare....

    RispondiElimina
  10. Per il nostro matrimonio, abbiamo deciso di invitare solo chi volevamo. Certo, abbiamo dovuto scontrarci con i parenti (ed in particolare con mia suocera), ma alla fine l'abbiamo avuta vinta. Sinceramente non mi andava di avere tra i piedi, in una giornata così importante per noi, persone che a mala pena mi salutano per strada. E se oggi non mi salutano proprio per niente... chissenefrega!!! L'importante è che voi due la vediate nello stesso modo!

    RispondiElimina

Le vostre perle...