martedì 1 marzo 2011

Crisi di mezza età.

Questa mattina, venendo a lavorare, ascoltavo radio Company in una delle loro disquisizioni sul genere umano. Preso da una ricerca inglese (sti inglesi se non ci mettono la pezza non stanno bene) leggevano un articolo che, onestamente, avrei potuto scrivere io.
Si parlava principalmente di uomini e delle loro crisi di mezza età.
Non capita a tutti certo, ma ci sono uomini che arrivati a 45/55 (e oltre) anni, danno di matto facendo cose per cui le loro mogli li guardano e urlano "Esci da questo corpoooo!".

Un contadino inglese da sempre contrario alla modernità e al lusso, al compimento dei 49 anni arriva a casa dalla moglie con una Mercedes cabrio dal valore di non so quante migliaia di euro. Lui si giustifica dicendole che era il sogno di una vita....

Ma questo è il minimo, perchè voi sapete cosa succede ad un uomo ad un certo punto? Si sente vecchio. Si sente sorpassato, scivolato dalla cresta dell'onda, con una vita disegnata e scritta (solitamente da lui) che gli va stretta. Finite le emozioni dei 20/30/40 anni, le belle donne, i locali, le nottate con gli amici, quello che gli rimane è una famiglia, una moglie, i figli grandi, un lavoro (magari sempre quello da anni) il mutuo della casa e il leasing della macchina. Fine dei giochi!
Non che questo non capiti alle signore eh! Solo che loro vivono la vita e l'età che avanza diversamente (io ad esempio mi sono trovata un uomo di 9 anni più giovane...ahahahaah!) loro anelano per anni alla stabilità, alla casa, ai figli grandi, al lavoro sicuro e ad una vita pacifica, senza scossoni.
Ma poi arriva LEI... la crisi di mezza età che solitamente combacia come forma e misura, ad una giovane ed avvenente 25/35enne, che trova eccitante "giocare" con un uomo dell'età di suo padre, anche se in realtà non gliene può fregar di meno. Così lui, ringalluzzito dall'interesse suscitato dalla giovane collega/amica/conoscente, comincia a dare i primi segni di squilibrio. Si mette a dieta, va in palestra, tinge i capelli e cambia abbigliamento, suscitando nella moglie i primi sospetti. La moglie prova magari a fargli presente che gli skinny su un uomo di 56 anni con un po' di pancetta e lo stivale con la punta pitonata, un po' stonano, ma lui è giovane, la sua vita è appena agli inizi, perchè, se una ragazza giovane prova interesse per lui, non può che essere così. E' la moglie che non ha capito niente ed è vecchia.
E passano così le settimane e lui una mattina si alza e si rende conto che è la moglie a renderlo vecchio, è la famiglia a tarpargli le ali di questa sua rinvigorita vitalità. Sono i figli, che lui ama, a non capire e che forse quando avranno la sua età si renderanno conto che lui ha ragione.
Così si lancia nelle frequentazioni di questa nuova donna, che lo porta nei locali con gli amici e lui si sente figo e giovane, mentre dall'esterno lo si vede spaesato e decisamente fuori posto.
Da la colpa di questa sensazione al suo legame con la moglie, che a casa è convinta che sia andato con Michele a bere una birra perchè il suo amico è in crisi... quando la crisi ce l'ha lui.
Prende su due piedi LA decisione, lascia la moglie, la casa e la famiglia, tra le imprecazioni di un figlio poco più giovane della sua nuova fiamma, prende la sua nuova macchina (comperata con i risparmi di una vita per far colpo sulla donna del momento, giovane e bella) e se ne va.

La vita però, non è tutta rosa e prima o poi le cazzate che si fanno le si pagano a caro prezzo... La giovane compagna una sera non ha voglia di uscire e l'altra nemmeno. Lui si ritrova in un monolocale in affitto (unica cosa che si è potuto permettere dopo l'auto nuova) in ciabatte e pigiama, il pigiama che sua moglie gli ha regalato per Natale quello stesso anno, alla tv non danno nulla e lui ora avrebbe voglia di parlare con qualcuno, ma non ha nessuno da chiamare.
La giovane compagna, quella stessa sera, è a casa di un coetaneo e fa l'amore con lui come non lo farebbe mai col suo "accompagnatore attempato", decide che basta, è ora di chiudere questa relazione che comunque non la porterebbe da nessuna parte, perchè lei è giovane e lui no, perchè lei vuole una famiglia e dei figli e lui ce l'ha già e un'altra non la vuole.
E lui adesso è solo per davvero....

Nella solitudine del suo grigio monolocale, una sera, sente fortissima la mancanza di sua moglie e dei suoi figli e della sua noiosa e stabile vita. La chiama per parlare e lei decide di riprenderlo a casa.

Lui vende la macchina nuova, torna sotto il tetto della sua casa con mutuo e la sera va a dormire con sua moglie, di 30 anni più vecchia della sua ormai perduta giovinezza. Si rende conto che la vita scorre e ti regala momenti di differente felicità, a seconda dell'età che si ha. Si accorge che è inutile voler fare i 20enni a 50 anni suonati, che forse, la sua vera giovinezza, la sua forza, è proprio quella moglie coetanea, quella casa sudata con tanti anni di sacrifici, quei figli ormai grandi. Che l'emozione di avere un nipotino da portare al parco è impareggiabile e forse.... sta crisi e sti colpi di testa, davvero non ne valevano la pena.

Vs Libby

27 commenti:

  1. E' la moglie che ti riprende in casa che non mi torna...per carità, mai giudicare, non ci sono ancora arrivata, ma davvero non mi torna per nulla....

    RispondiElimina
  2. Ne ho sentite in giro di situazioni simili a questa. ;-)

    RispondiElimina
  3. però....non capita mica solo ai maschietti eh...

    RispondiElimina
  4. non so...io mi astengo... provo a chiedere a lover...però...non gli ho mai visto gli stivali a punta... anzi..

    RispondiElimina
  5. @Marta: eppure ci sono donne che perdona qualsiasi cosa, per non restare sole, per amore, perchè dopo una vita passata insieme, in fin dei conti è la prima volta che lui fa una cavolata. Certo, capitasse a me a 36 anni, lo manderei a correre sulle ortiche, ma magari a 60 anni....
    @Dr J: già!
    @Only: certo, infatti l'ho pure scritto, ma io da donna la vedo così, poi purtroppo capita anche il contrario!
    @Chanel: ahahahaah.... ma mica tutti eh? Mio papà non ha ancora dato di matto ad esempio. Eppure Chany io gli stivali a punta ho visto che li guardava a Venezia sai? :-D

    RispondiElimina
  6. La moglie ti riprende...si si ti riprende

    RispondiElimina
  7. sìsì lo so libby, io parlo ora a 28 non posso parlare per quando ne avrò 60 però davvero spesso noi donne perdoniamo troppo:(

    RispondiElimina
  8. invece lover è rinsavito con me!!!!!!!!!! PRRRRR

    RispondiElimina
  9. ma sai che scrivi bene libby!
    (anche se manca un bel vaffa al primo contatto con la moglie..poi che se lo riprenda ci può anche stare)

    RispondiElimina
  10. @Marta: mi trovi assolutamente d'accordo!
    @Luna: come dicevo a Marta, anche io a 36 anni non credo accetterei di nuovo mio marito, ma mettiti nei panni di una donna di 60 anni che si ritrova sola e che per tutta la vita ha avuto solo il marito. Credi che non perdonerebbe? Io penso di si.
    @Chanel: ... come dire che tu sei la giovane ed affascinante donna che lo ha sedotto? ;-)
    @On: oh grazie mille stella cara! Si però ho voluto viverla dal punto di vista di una 60enne che ama la famiglia e che perdona il marito... fosse stato per me lo avrei preso a calci nel culo...(per non essere volgare).

    RispondiElimina
  11. Infatti ne sono convinta a meno che anche lei non sia impazzita e si cerchi un giovanotto di qualche decina d'anni più giovane eheheheheh

    RispondiElimina
  12. e' stato lui a sedurre me.....!!!

    RispondiElimina
  13. sta crisi di mezza età a me fa un po' ridere, ora, poi magari quando avrò 50 anni mi farò i capelli blu e farò la groupie...

    RispondiElimina
  14. La verità è che arrivati ad un certo punto si sta insieme solo per mancanza di alternative e solitudine. L'amore non c'entra più niente.
    Fra 30 anni vi farò sapere!
    E comunque di queste storie se ne sentono a bizzeffe.
    P.S. Questo post è scritto meravigliosamente bene.

    RispondiElimina
  15. Vete...mi unisco anche io se fai la groupie!
    Cmq, la crisi ci sta. Ad un certo punto veramente ti rendi conto di essere invecchiato e di aver voglia di fare qualche cazzata...salvo poi renderti conto che ogni età è bella per qeullo che regala e che crescere fa parte dell'accettazione del bello di ogni età!

    RispondiElimina
  16. dai Cla, sarebbe troppo bello: molliamo i compagni ai loro deliri di onniscienza e noi giriamo il mondo come groupie... vado a comprare 1kg di piercing ;)

    RispondiElimina
  17. Claudia, vete, vi spiace se mi unisco anch'io?
    Così, in simpatia!! :-)

    RispondiElimina
  18. @Luna: ecco come me!
    @Chanel: oh... beh allora è lui il colpevole! Ehehehe!
    @Vate: adesso io ho raccontato sta cosa per una parte inventata, ma purtroppo ne avrei da raccontare di vere e non si discostano di molto da questa. Chissà come saremo noi a 55 anni... e più che altro... se avremo ancora il Blog!
    @PRxT: i complimenti sul mio modo di scrivere mi lusingano davvero troppo... quindi grazie! E comunquen hai ragione da vendere. Credo che, le coppie che stanno insieme per sincero affetto, siano davvero poche e io spero che tutte noi, saremo così tra taaanti anni... ancora a credere nell'amore e a stare col nostro compagno per un enorme e insostituibile amore.
    @Cla: io ho qualche anno più di te e anche più di qualche altra che mi legge e sebbene a 28 anni non credessi alla cosa che i 40 fan paura, beh... mi devo ricredere. Sto bene con me stessa e con la consapevolezza di come in 36 anni io sia cresciuta e abbia imparato tantissimo dalle esperienze fatte. Non farei a cambio con 10 anni di meno, però... però mi guardo intorno e mi rendo conto che anche se ho molto tempo ancora, certe cose non sono più per me, sono per voi che ancora non avete 30 anni o addirittura per quelle più giovani. Non ho paura dei 40, ma in un batter di ciglia arrivano. Vi dirò com'è!
    @Vate: ahahahaha occhio allora, col kg di piercing, niente bagno o rischiate di affogare!
    @PRxT: beh ma allora scusate vengo pure io eh!

    RispondiElimina
  19. Io sono dell'idea che ogni giorno bisogna fare una piccola pazzia: che sia alzarsi alle 5:00 di mattina per andare a prendere la brioche appena sfornata per portare la colazione a letto alla propria compagna, che fare un viaggio inaspettato ogni tanto, che andare a in discoteca una sera e fare le 8:00 con gli amici, che prendere la macchina e farsi 120 km per stare in spiaggia cinque minuti in pieno inverno, ecc. Sono queste le cose che ti rimangono in memoria e che fanno in modo che arrivati a una certa età non si voglia fare chissà cosa in più di stravagante. Certo che se il/la proprio/a compagno/a dice sempre di no a tutto, oppure uno stesso si dice che non farà mai una certa pazzia per X motivi, alla fine ci si potrebbe svegliare una mattina e dirsi che la propria vita è stato uno sprecco, per cui o decide di farla finita oppure decide di lasciarsi andare a tutte le pazzie represse.

    RispondiElimina
  20. DrJ ha proprio ragione, mi sa...!

    RispondiElimina
  21. PR vieni pure, più si è meglio si sta!
    Libby tranquilla, il kg di piercing ce lo distribuiamo così nessuna affonda ehehhe

    RispondiElimina
  22. DJ, ti sottoscrivo in pieno!
    Grazie Vete, sono pronta! :)

    RispondiElimina
  23. @Dr J: non fatevi ingannare, Dr J non è mai uscito a prendermi la brioche alle 5 di mattina. La nostra gita il giorno di Santo Stefano al mare, 120 km con vento e pioggerellina per stare 10 minuti di orologio in una spiaggia talmente gelida che pareva di essere in Siberia. E' stato bellissimo e quel giorno ero, in un periodo bruttissimo che ricorderete tutte, davvero davvero felice, anche se poi mi sono ammalata!!!
    Credo che ciò che dici caro amore, sia giusto, anche se non sempre si possono fare le cose che si vorrebbero, vuoi per il tempo che manca, vuoi per i soldi che scarseggiano. Dire sempre di NO non va bene, ma voler sempre andare a spasso nemmeno. Meglio trovare un equilibrio e farsi bastare quello che abbiamo.
    @Vate: ah ok, ora sono più tranquilla!

    RispondiElimina
  24. bella favola, purtroppo più che reale e, soprattutto, senza il "vissero felici e contenti":
    io però dopo le corna non me lo riprenderei

    RispondiElimina
  25. Ho detto qualche decina ^__*

    RispondiElimina
  26. @Mamma: Beh certo, non sto dicendo che tutti lo rifarebbero, uomini o donne che siano. Magari decidono che le corna sono insuperabili, oppure no.... chi lo sa!
    @Luna: uh avevo letto una decina... ahahah!

    RispondiElimina
  27. E' vero, è una casistica che si riscontra spesso negli uomini di una certa età... ed è altrettanto triste quando capita alle donne, anche se mi sembra un pò più raro, per il momento... Il fatto che poi tornino dalle mogli, dopo questo rigurgito di adolescenza, mi mette ancora più tristezza, perché forse non è quello che vogliono né loro, né le mogli, per l'appunto, ma entrambi si accontentano, perché a cosa altro possono aspirare?? Sarà la pioggia, ma mi viene una tristezza!!! :-)

    RispondiElimina

Le vostre perle...