venerdì 25 febbraio 2011

Sin Ti

Sin ti
No podré vivir jamás
Y pensar que nunca más
Estarás junto a mi
Sin ti
Que me puede ya importar
Si lo que me hace llorar
Está lejos de aquí
Sin ti
No hay clemencia en mi dolor
La esperanza de mi amor
Te la llevas al fin
Sin ti
Es inútil vivir
Como inútil será
El quererte olvidar


Il rapporto tra Dr J e me, è nato molto prima che diventassimo una coppia, molto prima che mi rendessi conto che ero innamorata di lui e, molto più tardi, lui di me.
Quello che c'è, non è una cosa che si riesce a spiegare a parole, sono una serie di sensazioni per cui posso dire "lo sento". Ho sempre sentito LUI moltissimo. Vibrazioni nell'aria, uno sguardo, un sospiro e io SO. Magari non so i perchè, ma so che qualcosa non va e che ha un pensiero da esprimere.
A volte mi dice che sono la persona che più lo conosce al mondo, che più lo comprende e io credo abbia ragione.
Il nostro rapporto e basato molto sulle parole, sulle lunghe chiacchierate, sulle confessioni e la fiducia. Ecco perchè riusciamo a dirci i nostri pensieri senza pudore.
Il problema dei pensieri però, è che a volte non si possono spiegare e noi, nel nostro cuore li interpretiamo in modo differente, da come sono nati nella testa dell'altro, e a volte capita di rimanere feriti da cose che magari non hanno molto valore, ma sono solo pensieri fuggevoli in vari momenti della vita. Anche perchè è inutile negarlo, siamo diversi. Tra uomo e donna c'è un abisso di diversità che cerca con tanto sforzo di comprendersi e non è sempre possibile.
Così nascono le cose che fanno male, senza volerlo. La sincerità, la limpidezza dei sentimenti, a volte feriscono e ci fanno sentire inadeguati e sciocchi.
Però questa trasparenza che rende vulnerabili, è quella che mi fa amare incondizionatamente, è quella che mi fa sentire il cuore che esplode per quest'uomo con tanti pregi e tanti difetti, è quello che lo rende mio, è quello che mi fa dire che si... è LUI, la mia metà del cielo!
Poi il tempo ci cambia, ci trasforma, ci plasma. Si diventa grandi, si diventa adulti e responsabili.
Sarebbe bello farlo insieme, sarebbe bello mantenere gli equilibri che con fatica si costruiscono, ma poi, il futuro, non si sa cosa ci porta e cosa ci regala.
Vivere il presente, con le gioie e i dolori, senza paura di piangere e di urlare, di amare e di sorridere, questo è il segreto. Questo serve per crescere e costruire la vita insieme.
Perchè stare con un'altra persona significa sacrificare un po' di se stessi e se si è disposti a farlo, è solo perchè si ama davvero.

Vs Libby

9 commenti:

  1. si cambia, è vero, ma l'importante è cambiare insieme
    o quanto meno seguendo un percorso comune...

    e quando sono buone le premesse...

    RispondiElimina
  2. Quel "lo sento" che hai detto, secondo me, è proprio l'essenza dell'amore.. Ed è vero che sarebbe bello crescere e cambiare insieme ma, in ogni caso, secondo me bisogna godersi queste sensazioni uniche, nel momento in cui si hanno, il più possibile!!

    RispondiElimina
  3. @Mamma: già, è questo che fanno le coppie no? Nel momento in cui non si condivide più il percorso, è il momento in cui finisce anche l'amore, almeno, da parte di uno dei due.
    @Lisa: sicuramente si, ma a volte capita di pensare "E se domani...".

    RispondiElimina
  4. Dividere la propria vita con un'altra persona comporta sicuramente dei sacrifici, ma non pesano se sono fatti per amore.
    Il riuscire a cambiare insieme, a percorrere la stessa strada uno affianco all'altro è l'essenza della buona riuscita di un rapporto.

    RispondiElimina
  5. e questa secondo me è una sensazione che nn si ha OGNI VOLTA che si vive una storia...è il quid che fa dire è LUI.

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia. Hai scritto cose bellissime e verissime, valide per tutti quelli che sono davvero rapporti importanti. Vi auguro di essere sempre felicissimi insieme, ve lo meritate tantissimo.
    (Ammzza, quanti issimi ho scritto... Scusami!)

    RispondiElimina
  7. @Luna: certo, non sono sacrifici, ma a una parte di te devi rinunciare e lo fai senza pensarci troppo. Però, se ci rifletti ti accorgi che è così.
    @Carrie: bravissima, era proprio quello che intendevo. A me non è capitato con nessun altro a dire il vero. Nemmeno di leggerlo in questo modo o di captare segnali che non si vedono ma ci sono. Ah l'amour!!!
    @PRxT: ehehehe, vanno benissimo. Ovviamente ricambio di cuore l'augurio cara!

    RispondiElimina
  8. Io non so perché ma, credimi,queste sembrano le parole che vorrei tirare fuori io...
    Sono convinta anch'io che non si deve avere il timore di essere sé stessi di fronte all'altra persona perché, se si ama davvero, l'altro/a ci capirà in qualsiasi nostro momento...
    E se si ama davvero, si è capaci di sacrificare un po' di sé stessi!

    RispondiElimina
  9. eh cara libby credo che questo famoso quid in più,che da al rapporto quel qualcosa di diverso,di piu profondo sia proprio quello che distingue un amore dall'Amore...e a esser sincera,pur avendo amato tanto e pur essendo stata tanto felice anche cn altre persone,c'è un qualcosa in più,qualcosa di intoccabile,di magico quasi che con luca sento e non credevo esistesse...

    RispondiElimina

Le vostre perle...