lunedì 21 febbraio 2011

Di culi suini e di pesche di beneficenza...

Ieri sera vita mondana!
Il mio consorte ed io, con alcuni amici, siamo stati ad una specie di sagra paesana al coperto, la festa di San Valentino, organizzata in un paese campagnolo della provincia. Il complesso che suonava, rigorosamente dal vivo, è tra i migliori nel mondo latino, quindi era davvero da non perdere.
Peccato il suono fosse pessimo, vista l’acustica rimbombante della palestra.
Comunque… abbiamo ballato lo stesso, su un pavimento che, a detta di Dr J, era peggio del biadesivo… gomma antiscivolo praticamente.

Prima dell’inizio del concerto, abbiamo cenato con le varie leccornie schifezzose offerte a somme modiche, dagli organizzatori. Avete presente le sagre no? Con sti tavoloni e le panche tutte in fila. Ecco, c’era gente seduta ai tavoli due ore prima dell’inizio del concerto, che non mangiava ma occupava i posti, sicchè per poco non abbiamo mangiato in piedi, nonostante intorno alla pista ci fossero file di sedie vuote… ma vabbè, si sa che la gente a volta mica ci arriva!
Davanti a noi un’allegra combriccola rumorosa… mi sporgo alla mia destra e dico ad un’amica “Guarda un po’ lì… che ben di Dio, che classe, che finezza….!” La scena davanti agli occhi ci si presentava più o meno così… un uomo robusto e completamente senza capelli (e a me i pelati solitamente piacciono) con la carnagione rosa maialino… mostrava a tutta la nostra tavolata le sue grazie posteriori. Pantaloni calati a mezzo culo, lasciavano intravedere le chiappe pallide e rosate ai bordi, non prive di rotolini trasbordanti, il sorriso verticale e la peluria varia che fuoriusciva dai jeans. Fortuna avevo già mangiato!

Mi volto a sinistra e mi ritrovo davanti una signora di una certa età con un paio di pantaloni neri in palette nere. Pantalone aderente su un sederone morbido e pronunciato… oibò, mettersi una cosa meno vistosa le pareva proprio brutto!
Poco dietro di lei, scorgo un giubbino a terra, tra la polvere e la gente che quasi lo calpesta, provo pena per la signora in questione e ho la tentazione di richiamare la sua attenzione per farle raccogliere l’indumento. Mi si apre la folla e noto con scioccante terrore, la panca pericolosamente piegata a U sotto il suo peso. La signora aveva una corporatura davvero non indifferente, pantaloni marrone a vita bassa e lardini traballanti in vista.

No vabbè, io non ce l’ho con le persone soprappeso, ci mancherebbe…. Ma non è che sia proprio bello da vedere, specie su persone che hanno da tempo superato i 50. Fosse mia madre le chiederei se le è andato di traverso il cervello.

Ma in questa simpatica sagra ho commesso un errore…. Gli occhi sbarluccicosi di Dr J vagano attenti e osservano curiosi la Pesca di Beneficenza che è immancabile in tutte le sagre paesane. Mi chiede, con malcelata indifferenza, come funziona e io rispondo: “Spendi 1 euro, peschi un numero e ti porti a casa una montagna di cagate!”.
Detto fatto… Dr J pesca e vince due rotoli di carta da regalo (orribile)… pesca di nuovo un po’ dopo e vince una penna con il laser, ripesca e vince un altro rotolo di carta, un vasetto di ceramica porta thè, una ciotola in vetro e per finire… un pacchettino di stecchini in plastica per mescolare il caffè!!!
Ecco, direi che per quest’anno con le pesche abbiam finito no?
E’ proprio vero eh… sfortunati in gioco, fortunati in amore!!!

Vs Libby

20 commenti:

  1. azz... stecchini in plastica per il caffè? proprio vero che c'è crisi!!! :)

    RispondiElimina
  2. Ahahahahahah fantastica la vostra pesca!!! :-) A parte questo, direi che certa gente non solo non ha gli specchi a casa, ma se facesse un pelo di autocritica, non sarebbe male!!! :-))

    RispondiElimina
  3. ma c'ero pure io! a mangiare la porchetta..non a ballare..

    RispondiElimina
  4. strano che non hai vinto la spugna per il cesso!

    RispondiElimina
  5. @Poison: non me ne parlare, non so nemmeno dove siano finiti...
    @Lisa: abbiamo davvero tanto culo eh!
    @Onthe: come c'eri anche tu????? ma di dove sei????
    @Chanel: quella per lo meno mi sarebbe tornata utile!

    RispondiElimina
  6. Il tiro alla pesca ci sta, è d'obbligo ed è giusto che venga fatto... ma perseverare in quel modo è diabolico!!!

    RispondiElimina
  7. Le pesche ti regalano tante di quelle cose orrende e impensabili che non si possono perdere.
    Per quanto riguarda il buongusto di certe persone, c'è da rimanere strabiliati.
    La cosa che più mi lascia perplessa non sono tanto loro che si vestono in modo ridicolo e orrendo, ma il fatto che non ci sia nessuno che glielo faccia notare.

    RispondiElimina
  8. all'ultima pesca ho vinto un set di 6 menu con una fantasia tipo del 1800... inguardabili!

    RispondiElimina
  9. @Cla: io giocavo alla Pesca quando ero piccina, onestamente fosse per me farebbero davvero pochi soldi. Più che altro perchè preferisco fare un'offerta che avere in cambio la robaccia che ti danno. So che essendo di beneficenza non ci si può aspettare chissà cosa, ma sono proprio gusti miei così. Certo che Dr J c'aveva pure preso gusto!
    @Luna: ma pensa, se è una madre, magari le figlie saranno uguali! E per quel che riguarda le pesche, ne faccio ben volentieri a meno.
    @Vate: ahahaha una mia amica ieri ha giocato 8 euro. Per ben 4 volte ha vinto delle "splendide" tazzine in ceramica (valore 0.0020 centesimi) con tanto di piattino, due presine in plastica e due rotoli di carta.... impareggiabili!

    RispondiElimina
  10. Libby potresti andare a braccetto col Felino che ogni volta mi fa una storia tanta (con tanto di prese in giro a iosa) perchè per me la pesca di beneficienza è come il miele per gli orsi....NON SO RESISTERE. Immancabilmente arrivo a casa con mollette varie e mestoli dai colori improponibili....però dai uffa secondo me è colpa sua che mi porta sfortuna, comunque sono riuscita anche a vincere una volta un ricamo da fare a mezzo punto, uno scovolino per i termosifoni, un secchio verde in abbinamento con il cestino porta mollette verde uguale: troppo chic!!!! ^__^

    RispondiElimina
  11. Solo io ho una figlia ipercritica nei miei confronti???

    RispondiElimina
  12. Ma infatti, a volte si riesce anche a vincere roba veramente bella o cmq...utile! E poi, per me il tiro alla pesca è uno solo e solo appunto per lasciare la mia piccola parte di beneficienza!

    RispondiElimina
  13. eheh anche io alle sagre vinco sempre della cavolatine! certo per alcune persone non esiste l'educazione!

    RispondiElimina
  14. Io non ho mai vinto niente di niente. Ma in effetti avrò giocato tre volte in croce... Invece SF ci passerebbe intere giornate, non ne è mai soddisfatto, anche se sa che al max si vincono ca.gate... :-)
    Per i rotolini, non so, vivo circondata da gente iperpudica, quindi non saprei a chi dare i miei consigli... E poi, come già ti ho detto, io tendenzialmente sul look della gente mi faccio i fatti miei perchè non sopporterei chi venisse a fare commenti su di me... Libby, proprio tu...
    :-)

    RispondiElimina
  15. @Mere: oh non t'offendere, ma la pesca di beneficenza mi sa tanto da sfigati! Mi dovete spiegare che gusto ci provate a spendere 1 o 2 euro per vincere cose che costano meno di 80 centesimi... misteri!
    @Cla: ma si dai, uno ci sta, sotto tortura ieri sera mi hanno fatto pescare due biglietti (non con i miei euro però...) ma non ci trovo proprio gusto. Il problema è farsi prendere dalla smania.
    @Lali: ma mi sa che tutti vincono cavolate sai... ne ho visti tanti ieri sera andarsene con delle cose improponibili, avevamo proprio il posto a sedere davanti alla pesca.
    @PRxT: ...proprio io cosa? ;-) No io non parlavo del look, io parlavo dei rotolini a vista o del culo fuori dell'ultra 50enne seduto davanti a me. Giuro non era un bello spettacolo... E poi scusa... cos'è? Si è sparsa la voce che non mi so vestire... ahahahahah!!!

    RispondiElimina
  16. @Libby: mi offendo eccome ahahahaha....ma vaaaaaa!!!! Comunque a me piace, lo so che probabilmente si vince meno di quello che si è speso, ma è proprio il gusto di pescare, quel brivido che ti viene come quando gratti il gratta e vinci....quella speranza di srotolare e vedere un bel numerino scritto....anche solo il fatto di fiondare la mano in mezzo a tutti quei numerini, pescare nel mucchio....bè insomma fatto sta che sti 5/6 euro per un divertimento li spendo volentieri ecco!!!

    RispondiElimina
  17. come dice PapàKappa "ma questi non si sono guardati allo specchio prima di uscire di casa"??????

    Sul resto... meno male che siete fortunati in amore!

    RispondiElimina
  18. @Mere: ho capito, a te piace il brivido....
    @Mamma: credo certa gente non si veda....

    RispondiElimina
  19. Non mancano mai queste scene raccapriccianti alle sagre... ma il mondo è bello perchè è avariato!!! Per quanto riguarda le pesche di beneficenza, sono sempre stata attirata da questa cosa, è una malattia? l'ultima volta ho vinto delle presine, una tristezza infinita :-( ma almeno mi sto facendo il corredo!!!

    RispondiElimina
  20. @Gi: ahahahaha.... beh spero non siano come le presine che ha vinto la mia amica, appena uscita le ha buttate in un cassonetto....

    RispondiElimina

Le vostre perle...