martedì 18 gennaio 2011

Un viaggio in silenzio

La prima cosa che faccio alla mattina, salendo in auto, è accendere la radio. Solitamente però, non ascolto le varie emittenti, ma un fidato cd di musica che mi piace davvero, alternato ad un altro. Bachate struggenti e romantiche o Miguel Bosè (famosissimo a livello di Madonna nelle Americhe) con i suoi bolero, struggenti e romantici. Il tutto rigorosamente in spagnolo.

Questa mattina ho fatto i miei 7 km in totale silenzio, ascoltando solo il ronzio del motore e il cigolio della ventola dell'aria calda. Guardavo i campi gelati ferma al passaggio a livello e le persone correre sul bordo della strada o rientrare a casa col sacchetto del pane.

Vi è mai capitato? Scommetto di si. Di invidiare queste persone, almeno un pochino, che hanno la giornata libera e possono fare quel che hanno da fare.


Nel silenzio del mio abitacolo riflettevo su molte cose e mi ponevo molte domande.

Ad esempio questa sera devo uscire con un'amica e ovviamente non ne ho nessuna voglia. Non che lei sia cattiva, anzi, eravamo molto molto amiche anni fa, poi si è comportata male in un paio di occasioni e pur avendola perdonata, non sono più tornata con lei, alla confidenza di un tempo.

Andiamo a mangiare una pizza e a spettegolare un po'. Dopo cena lei vorrebbe andare nel locale dove io vado il venerdì a ballare, perchè anche il martedì fanno latino...e qui si che davvero, ma davvero non ho voglia di andare, tanto più che dubito che a Dr J farebbe piacere. Per carità, non vado a fare niente di male eh!


Poi pensavo al mio momento no, che pareva una cosa passeggera e che invece ogni giorno mi ricorda che c'è. E mi sono ritrovata a pensare "No dai, la vita non può essere tutta qui!" Lavoro di merda in un posto di merda con persone di merda. Debiti da pagare, bollette da pagare, affitto da pagare, tasse da pagare. Nebbia e se non è nebbia è pioggia, freddo, ghiaccio.... no dai, non mi dite che davvero la vita è tutta qui.

Ma poi mi sento davvero egoista e penso a chi anela a queste cose da un letto di ospedale e vorrebbe solo le banalità che ho io.

Stamattina mi sono posta questa domanda: TORNERO' MAI LA DONNA FRIZZANTINA E SENZA PAURA CHE ERO UN TEMPO?

Secondo me no, perchè quando scivoli in basso, quando ti senti tanto piccola da essere quasi inesistente, quando ogni cosa che fai e che dici e che tocchi, va storta.... forse l'autostima e la forza fanno le valigie e se ne vanno ai Caraibi, a prendere il sole, anche loro, stufe di questa sfigata che non sa reagire....


Ci andrei anche io ai Caraibi...


Vs Libby

23 commenti:

  1. ehi libby, tirati su.
    anche la montalcini ha passato anni così. non giorni, non mesi.. anni...e poi?
    s'è rialzata... :)

    RispondiElimina
  2. e ci tornerai..cm chi ha il braccio rotto..per un periodo nn ha il braccio funzionante,poi,cn il gesso e le terapie torna il braccio di prima..certo se il braccio nn lo si ingessa resterà SEMPRE rotto o malfunzionante..

    RispondiElimina
  3. volevo mandarti l'invito per leggere il mio blog... qual'è la tua mail?

    RispondiElimina
  4. Libbyyyy, se sapessi che nebbia schifosa c'è qui da me! Quando guardi fuori dalla finestra e vedi solo nebbia, l'umore inevitabilmente va a puttè. Ma non lasciarti spaventare, immagina di essere su un aereo, e che subito dopo il decollo, superato il muro di nebbia (solo una cinquantina di metri) ti immergi in un sole splendente che ti fa dimenticare tutte le cose brutte della vita.
    La vita è bella, basta godere delle cose che abbiamo.
    Fidati, non aver voglia di ascoltare la musica la mattina non vuol dire che tutto va storto, solo che oggi volevi stare sola con i tuoi pensieri. Coraggio! La primavera arriverà prima o poi... Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Noto che sei di ottimo umore anche tu eh... Suggerisco un cd di canzoni stupide la prossima volta, a me ieri è partita la sigla di "Il pranzo è servito" e per poco non mi schianto per la sorpresa. Te ne faccio uno io, ti movimenta la vita almeno!

    RispondiElimina
  6. Cara Libby, ti capisco benissimo, in questo periodo mi trovo anch'io in una fase decisamente no, dove il termine autostima è diventato uno sconosciuto... Però voglio sforzarmi di pensare anche alle piccole cose belle e non solo alle negative... La vacanza ai caribi?? aiuta, aiuta...

    RispondiElimina
  7. @Christine: ostia la Montalcini è morta e non lo sa ancora............ :-D La mail è Verika74@gmail.com
    @Carrie: ricevuto, forte e chiaro!
    @PRxT: ecco... io ho il terrore dell'aereo, non è per fare la rompi palle, ma l'esempio mi mette un po' d'ansia. Ma ho ben capito il senso. Grazie.
    @Aus: ciao sorella, va bene, a sto punto proviamo anche con la sigla di La Corrida e di Zelig, hai visto mai che siano terapeutiche.
    @Mamma: mah!

    RispondiElimina
  8. Tornerai la donna frizzantina ed energica, perchè no?
    Ci sono tanti problemi, ma chi non ne ha. Questa è la vita! ma ci sono anche tante altre cose belle che te la devono fare amare. Son sicura che appena la nebbia svanirà e tornerà il sole, anche tu ti riprenderai e tornerai la Libby che conosco.

    RispondiElimina
  9. Si che tornerai come prima anzi adirittura migliore e con più forza ed energia, perchè una volta superato questo momento no avrai la consapevolezza di potercela sempre fare anche nei momenti più duri. A me capita spesso di viaggiare senza musica, spesso è l'unico momento in cui sono davvero sola e la musica mi dà fastidio, mi sconcentra dalle mie meditazioni!!! Il cervello ogni tanto ha bisogno di silenzio!!! Mi capita di invidiare le persone che hanno tutta la giornata per fare le loro cose nei giorni che sono a casa e mi rendo conto che fuori da qui c'è un mondo che va avanti e fa altro che stare rinchiuso tra 4 mura!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. quando sei fuori stasera sarai contenta di esserlo. E per tornare ad essere cio che eri.... ti piacevi? di la verita'. Torneresti indietro?

    RispondiElimina
  11. Oh, Libby! Che dobbiamo fare??????? eh???????
    Le scelte sono due: o reagisci o reagisci!!!
    Questi problemi sono di tutti, consolati col fatto che non sei né la prima né l'ultima e che siamo fortunati ad avere questi problemi!!!
    E' solo un momento, più o meno lungo. Ma passerà!! Fai un sospiro e vai avanti. Altrimenti davvero l'autostima e la forza che avevi un tempo ti faranno i dispetti e ti faranno ciao con la manina dai Caraibi...
    E tu non vuoi questo, veeeeroooo? Non che non vuoi!!!
    Su, su!
    Io ti abbraccio forte e ti mando un sorriso ^_^ il quale non è molto, ma spero possa illuminare poco poco la tua giornata silenziosa...

    RispondiElimina
  12. oh si!! anche io le invidio le signore con il sacchetto del pane, ma non perchè hanno il sacchetto del pane, ma perchè sono riuscite a scegliere quel tipo di vita (poi mi chiedo anche se sono felici o stanno meditando il suicidio eh...)

    RispondiElimina
  13. idea. comprare il pane andando al lavoro.

    RispondiElimina
  14. @Luna: Mah!
    @Mere: Non me lo dire... non sai quante volte ci penso, a tutto quel che avrei da fare a casa...
    @Chanel: Certo che mi piacevo, questo non significa tornare indietro, significa tornare quella di prima. E credimi, stasera quando sarò fuori non vedrò l'ora di tornare a casa mia!!!
    @Funambola: che ti posso dire.... faccio quel che posso, che al momento non è abbastanza!
    @Only: beh certo, tutto il giorno a casa nooo, ma mezza giornata... due ore prima... così, tanto per sbrigare le cose alle 4 del pomeriggio, invece che alle 7 di sera?
    @Chanel: mmm no perchè non arriva a sera e lo mangio tutto....

    RispondiElimina
  15. Libby ha detto...
    @Funambola: che ti posso dire.... faccio quel che posso, che al momento non è abbastanza!

    E tu continua! Sforzati! Che andrà meglio! Dai, dai, su!

    RispondiElimina
  16. Ai Caraibi ci andrei anche io volentieri!!! :-)) No, non tornerai quella di un tempo, ma non perché ormai hai imboccato la strada in discesa e non se ne esce, ma semplicemente perché ora sei una persona diversa e anche quando le cose andranno meglio tu sarai un'altra persona, arricchita da tutto quello che ti è capitato in questo periodo.. solo, anche se non ti sembra possibile, devi crederci che le cose miglioreranno, perché lo faranno!!.. non mi picchiare!!! :-) Ma tu vieni al blog raduno?? Daiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  17. Secondo me invidiamo la donna col pane perchè ha il tmepo di andare a prenderlo...ma magari ha un sacco di casini per la testa, ha perso il lavoro, o ha una vita di merda...Tutti quelli che vediamo ci sembra stiano meglio di noi, ma nn è tutto oro quello che luccica...e forse è meglio gioire di quello che di buono si ha...e ora è un periodo così e non ci trovi niente di buono...ma io ti dico una cosa; sei SANA come un pesce...dieci giorni d'ospedale a settembre nn mi hanno certo cambiato la vita, ma mi hanno aiutato a capire la priorità delle cose ...
    Andare ai caraibi??? Bello bello, ma non si risolvono i problemi scappando, perchè quando torni i problemi sono sempre lì che aspettano di essere risolti..
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  18. @Lisa: Blog-raduno? Lo leggevo ieri nel tuo blog, così ieri sera ho buttato là a Dr J la cosa e lui mi ha detto OOOK! Penserete mica che vengo fino alla mia amata e adorata Firenze da sola no??? Comunque a grandi linee ci sono anche io!
    @Bri: Beh, per sicurezza intanto ai Caraibi ci andrei.... eheheheh!
    @Dentro: sperem!

    RispondiElimina
  19. Grande!!!!!!!!! Sono proprio contenta!!!! :-)) Allora ti teniamo aggiornata sulle info del B&B o albergo che troviamo, per stare eventualmente tutti insieme!!

    RispondiElimina
  20. Ciao Libby cara, da quanto tempo non passavo da qui, a dire il vero anche dal mio blgo ;( uffi. A me capita di guidare con la radio a palla e scendere e chiedermi...ma cosa stavo ascoltando? dal gran che ero pensierosa....fai te!

    RispondiElimina
  21. Io ti leggo sempre ma non ho mai commentato:)
    Posso, però, dirti, che passerà, credimi, tornerai combattiva:)
    La vita è così: in pista a correre a 100 all'ora veloci come il vento, del resto, non si puo' certo sempre stare:)
    Nessuno sa quando passerà, e quando dico nessuno intendo proprio nessuno...potrebbero volerci 3 giorni, 6 mesi, 2 anni, è inutile impuntarsi su questa cosa. Già rendertene conto e avere amiche che ti possano prelevare di peso e "costringerti" a vivere lì fuori fa benissimo ed è la strada giusta:) Così come obbligarsi alla routine di azioni puramente pratiche.
    Anche il consiglio di Carrie (se ce lo si puo' permettere) è assolutamente giusto: non tutti poi hanno amici volenterosi e attenti o riescono a prendere coscienza del proprio empasse e allora uno specialista indirizza bene, se competente:))

    RispondiElimina

Le vostre perle...