lunedì 10 gennaio 2011

Un papà che piange

E' così che i primi 10 giorni di gennaio mi hanno già regalato cose spiacevoli, come l'influenza, la macchina rotta, problemi col ciclo e un papà in lacrime.

Non credo ci sia cosa che mi devasta di più il cuore, che vedere il mio papà piangere come un bambino.

Qualche settimana fa, mia madre mi aveva comunicato che ultimamente il mio papà non stava bene. Nessuna malattia, nessun problema, solo tanta tristezza senza un vero e proprio motivo, una cosa che lei ha chiamato depressione. Lui che non fa che ripetere che vuole mettersi in una tana e spiare il mondo da un buco, senza prendervene parte e io che lo capisco davvero tanto.
Poi dai primi di dicembre il suo cane comincia ad avere problemi, subito sembrava avvelenamento, sabato la diagnosi: tumore tra la prostata e la vescica. Il canale urinario ostruito e la certezza che il cane non si salverà
E così ieri, durante la festa di compleanno di mia mamma (tanti auguri mamy!!!) lui sparisce e io lo vado a cercare dopo 20 minuti di assenza. E' giù in taverna, col cane, che piange come un bambino e mi abbraccia forte dicendomi "Cosa farò io senza il mio cane?", che a scriverlo ora mi si riempiono gli occhi di lacrime.
Mi sento impotente, come impotenti sono i veterinari che l'hanno in cura e che mossi da pietà per quegli occhi scuri di mio padre che in silenzio implorano "Fate qualcosa!", stamattina proveranno ad intervenire, ma gliel'hanno messa davvero brutta, meno dell'1% di possibilità che si salvi.

Mi ha scritto un sms stamattina, il mio papà, dicendomi che al di là delle battute che si possono fare, lui oggi perderà il suo amico a 4 zampe e mi chiede se ha il diritto di essere disperato.
Certo che ce l'ha, per un vuoto ed un dolore incolmabili e che ci consola sono gli 8 anni che il cagnone (che a me è sempre stato antipatico, ma che mi fa piangere il cuore a vederlo malato) ha trascorso in giardino, correndo lungo la ringhiera ed abbaiando a tutti. Per quella volta che quasi si mangia mia madre e per le corse felici nei boschi del Cadore. Per tutte le volte che quasi mi si mangia (l'antipatia era reciproca). Ma è il migliore amico di mio padre, un compagno fidato e amorevole. Ed ora, che lui era già molto triste per altre questioni, si ritrova ad affrontare questo dolore grande, che solo chi ama gli animali come li amiamo noi può capire.

Vs Libby

AGGIORNAMENTO: ha appena chiamato mia mamma, il cane è stato soppresso, la malattia lo aveva devastato.... ci voleva una buona notizia e invece è arrivata la peggiore.

15 commenti:

  1. oh no povero cagnone! capisco eccome e mi dispiace tanto

    RispondiElimina
  2. Capisco eccome il dolore di tuo padre. Così come a me è capitato che il mio amico peloso a 4 zampe tante volte mi ha consolato dalla tristezza e soprattutto mi ha dato una scusa per uscire nei momenti in cui l'unica cosa che volevo era nascondermi sotto le coperte e che nessuno mi trovasse più....Capisco eccome tuo padre ed anche quello che provi tu, impotente difronte al suo dolore....Mi dispiace stella mi dispiace tanto per quello che vi sta succedendo!!! Un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  3. Ciao Libby! Prima di tutto buon anno! :-) Secondo poi, mi si è stretto il cuore a leggere della sofferenza di tuo padre.. dire che mi dispiace tantissimo conta poco, ma è assolutamente vero! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazze, ci sono senz'altro cose più gravi nella vita, ma anche una cosa piccola può far star male.... E' la vita, aspettiamoci il peggio per godere di ogni piccolissima vittoria.

    RispondiElimina
  5. Mi dispiace davvero tanto! Per il cagnone, ma soprattutto per tuo papà. In questo momento un pò delicato proprio non ci voleva questa batosta.
    Stagli vicino tu, anche se so che è superfluo dirtelo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. POVERO PAPY. Dolce. LA perdita di un cane è dolorosa proprio perche NOSTRO VERO FEDELE AMICO.

    RispondiElimina
  7. io lo capisco..eh si ha il diritto di essere disperato..stategli vicino...

    RispondiElimina
  8. Come da aggiornamento vi comunico che il cane è morto. Ogni tentativo da parte di un veterinario davvero scrupoloso è stato vano. Mi spiace tanto!!!

    RispondiElimina
  9. mi dispiace davvero moltissimo perche so cosa significa. un animale (gatto o cane) entra a fare parte della nostra vita e quando purtroppo accadono queste cose ci si sta male di brutto.

    RispondiElimina
  10. dolce papà....se ti può consolare neanche a me è cominciato benissimo l'anno! coraggio, ci rifaremo! un abbraccione

    RispondiElimina
  11. non ho parole... mai come da quando ho prada ti posso capire..

    RispondiElimina
  12. Eh già Mamma, avere una animale ti fa comprendere molte cose, è una osa bellissima e meravigliosa, ma purtroppo anche la loro vita può essere sfortunata, si possono ammalare e la sofferenza che si prova è grande che quasi non ci si crede!
    Candy, spero niente di grave, ma ultimamente ne sento tanti a cui l'anno è cominciato di schifo!

    RispondiElimina
  13. caspita che brutte notizie! mi spiace davvero tanto per il cagnolone, purtroppo ci siamo passati anche noi ed è stato davvero brutto! mi dispiace tanto tanto!
    un bacio

    RispondiElimina

Le vostre perle...