martedì 11 gennaio 2011

Qualcuno accenda la luce

L'impressione che ho avuto in questi ultimi tempi, è che qualcuno mi abbia spento la luce. Una luce virtuale, che è appollaiata nella mia testa e che pare si sia presa una vacanza lunga. Ho una sorta di buio totale per qualsiasi cosa. Ho desideri e sogni (se si possono chiamare così), ma zero forza di realizzarli, anche perchè sono in una sorta di limbo economico che m'impedisce un qualsivoglia miglioramento.
Se è vero che la fortuna la si crea con le nostre mani, io al momento devo essere monca, anche di cervello, perchè mi pare di essere in un barattolo senza via di uscita. E' abbastanza angosciante sta cosa. Mi dico continuamente che come Dr J trova un nuovo lavoro (e già qui ho dei seri dubbi), io cambierò il mio e tutto sarà differente. Ma non è così. Perchè non solo il lavoro non si trova, io so fare solo questo di lavoro e mi fa, con rispetto parlando, cagare! Odio le fatture, odio la prima nota, odio la contabilità banche, i fornitori, i clienti. Non posso pretendere di divertirmi lavorando, ma nemmeno di avere il costante desiderio di tagliarmi le vene no?
Così rimango immobile a non far niente, se non lamentarmi e lamentarmi e lamentarmi, che, diciamolo, è la cosa che mi riesce meglio, fosse un lavoro, sarei la più portata nel farlo.
Certo, la pioggia costante e il grigio di mesi e mesi, non aiuta di sicuro, ma speravo... davvero, che col nuovo anno mi sarebbero tornate le forze e la voglia e il desiderio di essere migliore, mi aspettavo delle sferzate di energia e dei cambiamenti imminenti.
Invece?
Beh invece no. Io sono sempre la stessa, spenta come la luce nella mia testa, Dr J è sempre lo stesso (per fortuna!!!), gli amici sono spariti, se mai ci sono davvero stati, il lavoro? Una merda!
Poi, sul fatto degli amici, apro una parentesi... a dire il vero sono in sintonia totale solo ed esclusivamente con una persona ultimamente (non me ne voglia nessuno eh!) e solo con lei ho voglia di parlare, solo con lei ho lasciato aperta la porta virtuale della mia testa, dicendole veramente quel che penso e cercando con le poche forze che ho, di comprenderla e sostenerla (consigliarla no, che per certe cose i consigli non servono a niente!) e mi sono resa conto che lei fa lo stesso, quindi forse, tutto si riduce all'empatia ed alla comprensione ecco... tutto il resto del mondo sta fuori e continua la vita di sempre, vita a cui io sto ben lontana.

Vs Libby

5 commenti:

  1. Mi piacerebbe poter fare qualcosa, mi piacerebbe poterti aiutare in qualche modo perchè a te ci tengo e ti voglio bene e sentirti così non è certo piacevole. Mi piacerebbe avere la sfera di cristallo per poterti dire che tutto andrà meglio. Purtroppo nn ci è dato sapere cosa ci riserva il domani, devi però ritrovarla quella luce dentro di te perchè è l'unica maniera per sperare ed avere la forza di andare avanti nonostante le difficoltà. Io vado avanti ad occhi chiusi e mi dico che sarà tutto migliore, perchè lo voglio con tutto il cuore ed allora faccio finta di non vedere le difficoltà che mi si parano davanti, appena giro lo sguardo loro sono lì a farmi ciao ciao con la manina ma cerco di non badarci. Non è facile, non lo è per niente ma di cadere nel baratro non se ne parla. Non farti risucchiare Libby nn ti far prendere da quel buco nero, sei il tipo di persona che no si dà per vinta, non mollare proprio adesso!!!! Un abbraccio (per quanto possa servire...)

    RispondiElimina
  2. Un abbraccio serve sempre cara Mere. Ti ringrazio per le tue parole, anche se apparentemente sono meno disperata di prima, di qualche mese fa, mi rendo conto che forse mi sono arresa, non è che io non sia disperata, sono vuota ecco.... mi riprenderò? Booo...

    RispondiElimina
  3. ti abbraccio forte forte anche io,come gia ti ho scritto in altri post mi dispiace davvero tanto che non ti senti bene e anche io come Mere ti sono vicina e ti dico di non mollare
    spero ti faccia piacere il mio passaggio

    RispondiElimina
  4. tesoro, non ti strappare i capelli! Chi te lo dice che tu sappia fare solo questo lavoro? Hai provato, per esempio, a dirigere un negozio?
    Sì! Lo dicevi tu!

    Abbi solo un po' di fiducia, non è mai troppo tardi.
    PER NIENTE

    Ti voglio bene
    mammaMatta

    RispondiElimina
  5. A volte la luce si accende solo quando si decide di muoversi per farlo. Ok, il lavoro nn ti fa fare i salti di gioia ma tanto fa anche l'ambiente e lì dove sei nn mi pare sia molto sereno. Perchè nn inizi a inviare un po' di curricula? NN è che devi aspettare dottJ per farlo. E intanto vedi se salta fuori qualcosa.

    RispondiElimina

Le vostre perle...