martedì 25 gennaio 2011

Perchè un blog?

Sono di nuovo qui, a scrivervi la sera ad ora di cena, visto che mi è diventato impossibile farlo dall'ufficio.
L'argomento di cui mi va di parlare è nato da una conversazione via chat con un'amica, riguardante tutte quelle blog frequentatrici che ogni tanto amano criticare qualsiasi cosa tratti qualsiasi blog presente nel web.
Chi legge Chanel, avrà letto il post che ha riportato (non ho idea di chi sia l'autrice e mi scuso) di una sua lettrice, non me ne voglia ne la sconosciuta, ne l'amica Chanel, ma non sono assolutamente d'accordo con moltissime cose che sono state riportate. Al di là del fatto che posso trovarmi d'accordo sul fatto degli errori e degli strafalcioni grammaticali, che ormai nel 2011 dovremmo almeno conoscere le basi dell'italiano, ma quello che mi trova in disaccordo sono le critiche sollevate a tutti quei blog lamentoni (come il mio, e forse per quello mi sento presa in causa più di altre) o a tutte le persone che si lamentano del proprio impiego o del proprio marito o della propria casa, senza mai cercare di reagire.
Tanto per cominciare... noi quanto sappiamo della vita di ognuna di noi? Solo quello che NOI vogliamo far sapere, quindi, senza sapere è sempre meglio non criticare a parer mio.
Io non sarò (solo attualmente) la persona più simpatica, frizzante e allegra del mondo, ma la mia vita è questa, senza esagerazioni o storie finte. Quel che scrivo è quel che sento con un'onestà maniacale. Non fingo di essere triste o di essere felice. Io sono questa. Come me moltissime altre persone hanno difficoltà nella vita e le sanno riportare nel Blog con un senso dell'umorismo e autocritica invidiabili (prima tra tutti Aus!!). Però non siamo tutti così, non abbiamo tutti cose felici e allegre da raccontare. Non tutte abbiamo una simpatica canaglia che si aggira per casa in pannolone o un cagnolino che fa danni o un fidanzato che ci chiede in spose. Ci sono le persone normali che combattono ogni santo giorno per arrivare a sera, che sono stanche, depresse e tristi. Che hanno le bollette e la mamma malata o il fidanzato/marito stronzo. Quindi... queste persone non hanno forse il diritto nel LORO blog di esprimere le loro opinioni ed esperienze?
Ultimamente se io avessi dovuto scrivere solo dei miei momenti felici.... questo blog avrebbe FORSE 2 post. E io non sarei stata onesta perchè al momento non sono felice, non come vorrei comunque.
Allora dico a tutte quelle persone che sollevano critiche riguardo tutta una serie di Blog che "non vanno bene", che forse dovrebbero semplicemente non leggerli.
Io per prima ve lo dico... non leggo tutti i blog, non mi piacciono tutti e non m'interessano gli argomenti trattati o il modo di scrivere.
Se Aus (scusa sorella se ti nomino di continuo ma sei il mio esempio) riesce ad incollarmi allo schermo raccontando la storia di un tappeto con le arance e invece Pinco Palla non mi fa effetto, pur raccontando di un viaggio a New York, credo che io debba solo scegliere di leggere quel che mi piace.
Le mie amiche le leggo tutte, anche se non riesco a commentare più di tanto. I blog che non m'interessano o che trovo pesanti.... beh non li leggo e basta, senza criticare come e cosa scrivono.
Senza volerlo forse ho a mia volta criticato e mi scuso, ma ho potuto verificare che questo mio ragionamento non è solitario e che altri hanno espresso perplessità per certe critiche.
Detto questo, io continuerò come ho sempre fatto perchè l'onestà è alla base del mio blog, potrete non conoscere la mia faccia o il mio nome (ormai credo che tutte mi conoscano) però quel che racconto è tutto vero e ne vado immensamente fiera. La mia vita è noiosa? Pazienza, magari domani mi capiterà una cosa stupenda e ve la racconterò, ma per ora va così...

Un bacione
Vs Libby

16 commenti:

  1. Mi trovi d'accordo. E poi che ognuno scrivesse quel che gli pare. Personalmente non mi piacciono i blog con le frasi glitterate o solo con immagini...e allora vado oltre. La tua vita è noiosa?! Con il Messia come puoi dire questo?! :P Un bacio

    RispondiElimina
  2. Concordo anch'io con quanto affermi in questo post...Ognuno del suo blog fa quello che gli pare e scrive di ciò che più gli interessa...Ed è giusto che sia così...Se qualcuno non è d' accordo può anche non soffermarsi a leggere e andare oltre.
    A presto.

    Silvia

    RispondiElimina
  3. Questo post avrei potuto scriverlo io, perchè è esattamente quello che penso.
    Anch'io, come ben sai, scrivo esattamente della mia vita (è anche il titolo del mio blog)e non sempre ho da raccontare cose allegre e divertenti.
    Questa è la vita per moltissime persone; se si vogliono leggere le favolette dobbiamo iniziare a mettere in moto la fantasia e inventarne di sana pianta.
    Ma a me sinceramente nn è questo che interessa.
    Anch'io come te leggo solo ciò che mi piace, con tutti gli altri passo oltre. Un bacio

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo anch'io che ognuno deve scrivere ciò che sente dentro al blog e naturalmente ognuno è libero anche di non leggere. Io però ci tengo a dire che seguo il blog che Chanel ha citato ed ho interpretato in maniera diversa il suo post sinceramente. Credo che lei non volesse criticare chi scrive i cosiddetti e benedetti "lamenti" nel blog, semplicemente ha espresso un gusto personale in primis. Io ti conosco e ti seguo da tanto ed anche se ti sei sentita toccata non era certo a blog come il tuo che era rivolta la "critica" se si può dire così perchè tu comunque racconti di una vita normale, come abbiamo in tante, fatta di giorni no e di momenti belli che ci danno emozioni, fatta di passi avanti e momenti di calma piatta. Ora è vero hai un momento no ma ci sono post come quello di ieri in cui hai il guizzo di creatività e si legge tra le righe il tuo brivido. Questo è essere umani. Per come l'ho capita io lei (magari un po' superficialmente chi lo sa) ha posto il dubbio su chi perennemente ne dice di ogni eppoi continua pacificamente per la sua strada, come capita nella vita normale no? c'è chi piange tanto il morto che qua e che là eppoi magari va in ferie 15 gg quando il giorno prima ti dice "scusa non ti pago il caffè ma non ho neanche i soldi per riempire il frigo" capito come? Ecco....

    RispondiElimina
  5. ti do perfettamente ragione....il blog è un diario personale virtuale, dove l'autore ha il diritto di scrivere quello che gli pare, può sfogarsi, lamentarsi o al contrario gioire e condividere le cose belle che gli succedono....tutti sanno che la vita non è sempre rose e fiori, per cui anche quelli che scrivono sempre cose positive, che tutto va bene, che è tutto idilliaco, credo che non la raccontano tutta per intero....che poi, se a uno non piace quello che scrivo, mica lo obbligo a restare sul blog....se ne vada a leggere qualcos'altro!

    RispondiElimina
  6. @Gnappetta: Mi trovi d'accordo, hai presente quei blog che prima di arrivare al post devi scorrere duecento fotine glitterate? Ecco, come ci entro ci esco pure. Magari è la persona più cara del mondo, ma se devo scavare tra i brillantini per vedere quel che hai scritto... anche no. Ovviamente non ne faccio un problema, semplicemente passo oltre.
    @Maya: alla fine, l'importante è sempre non offendere chi ci potrebbe leggere, non essere volgari o istigare alla violenza, ma se nel mio blog ci voglio scrivere che piango tutto il giorno.... uno deve sono NON leggere.
    @Luna: eh lo so, ci ho pensato tutto il pomeriggio e poi ieri sera il guizzo e l'ho scritto. Nessuna favola quindi... solo quel che c'è e che può non piacere.
    @Mere: ciao bella, premetto che la ragazza che ho citato, non la conosco e non la leggo (quindi davvero non me ne voglia assolutamente) quindi non ho davvero nulla contro di lei. Mi è capitata da esempio, come potrebbe essere stata la Pink che in un commento era d'accordo con lei. Ho solo espresso un parere su una serie di critiche che ogni tanto mi capita di leggere, ma non a lei e al suo post, figuriamoci. Probabilmente, tu che la conosci e la segui, avrai interpretato in modo differente le sue parole, ma anche io sono sicurissima non siano scritte in modo accusatorio o cattivo, semplicemente esprime ciò che le piace e ciò che non le piace leggere. Come dicevo nel post, semplicemente quel che non mi piace non lo leggo e non lo critico.
    @Kari: ahahah esatto, se da domani mi va di parlare di calcio... lo faccio, chiaro che mi si svuota il contenitore dei commenti, perchè a noi donne di calcio ne capiamo molto poco no? Oddio, io almeno!

    RispondiElimina
  7. Non sentirti presa in causa, cara Libby. Tu sei un tesoro, hai raccontato e quando puoi racconti un sacco di cose divertenti, e apri grandi dibattiti. Il momento "no" capita a tutti, chi non ce l'ha.
    Scrivi quello che sei, quando lo sei, senza paura. Noi ti apprezziamo così, ok? OK???
    Smack!

    RispondiElimina
  8. @Libby: sisi non era mia intenzione difendere lei sai era tanto per riallacciarmi al discorso, comunque come ha detto Prxt tu continua sulla tua strada che noi ti apprezziamo così!!!! :))

    RispondiElimina
  9. Io non posso proprio dirmi "contraria" al post della sconosciuta di Chanel, un po' effettivamente lo condivido, ma visto che io, per prima, ho aperto il primo blog solo per sfogarmi o per raccontare alcune cose che non avrei mai potuto dire in giro, condivido anche ilt uo pensiero. Ecco, a metà strada!

    RispondiElimina
  10. non ci ho capito un chez di tutta sta gente che non sei te, ma.....una cosa ti devo chiedere..... ma.... allora... solo xchè ho un fidanzato che mi ha chiesto in sposa..... non mi vuoi bene piùùùùùùùùùùùùùù????????????????? :(((
    ps: mi lagno anch'io. eccome. fatalità, questo è un periodo di escremento. bacino

    RispondiElimina
  11. Va be', era la sua opinione, io non la condivido appieno ma pazienza. Il blog è una cosa personale e la lettura è facoltativa!

    RispondiElimina
  12. Ognuno scrive quello che vuole, se gli altri non vogliono leggere, non devono fare altro che cambiare blog, no? E meglio tu che parli di vita vera che io che parlo di Lucianino!!!!! :-))))

    RispondiElimina
  13. IL TUO BLOG è VERO....ma tu amore santo ami il tuo uomo e qndo nn stavi + bene in una storia l'hai lasciata..hai avuto SEMPRE le palle di viverla la vita e hai trovato le emozioni......si riferiva,il post,a quelle che nn amano il marito,ci staNNO DI MERDA MA CI STANNO CMQ

    RispondiElimina
  14. @PRxT: Ooook stella. Grazie.
    @Mere: poi cosa vuoi, tutti esprimiamo il nostro giudizio.
    @Cla: certo, tanto è vero che tu mi leggi anche se mi lamento e se devo essere onesta, non racconto proprio tutto tutto... se no Carrie mi lincia.... ahahahahah!!!
    @Candy: amore si che ti voglio bene... anzi anche di più adesso. Io parlavo delle persone che criticano i blog sfigati e del fatto che non tutti abbiamo sempre belle notizie da raccontare.... :-D
    @Dolly: hai centrato in pieno il senso del mio post.
    @Lisa: ma ciccia, Lucianino è tuo marito, ovvio che tu ne parli no? ;-)
    @Carrie: si ma anche in quel caso, noi non siamo loro e non possiamo sapere che problemi possono avere o che pensieri possono fare....

    RispondiElimina
  15. sono pienamente d'accordo con te, cara Libby.
    Ciascuno nel proprio blog è libero di scrivere ciò che vuole, così come gli altri sono liberi di leggere, senza alcun diritto di criticare se i loro posts sono più o meno deprimenti.
    No, no e no! Già è difficile combattere con queste critiche al di fuori da qui, se la gente si mette a farlo anche nei blog, non si ha più la libertà di esprimere i propri pensieri, neanche attraverso un proprio spazio personale!

    RispondiElimina

Le vostre perle...