martedì 26 ottobre 2010

Esplosioni controllate.

Tornata a casa ieri sera ero talmente furiosa da vedere tutto rosso. E' la storia di tutti i giorni, questo modo di rispondere arrogante e il modo di parlarmi come fossi una quindicenne deficiente. La saccenza, i toni che tradotti significano "Cosa me ne faccio di una così! Non capisce un cazzo!", spazientiti e rassegnati. Maleducati al limite della sopportazione.

Non so cosa mi tenga dall'urlare con tutta la mia forza, di buttare all'aria fatture e documenti, dal mandare tutti a fare un giro in culo e prendere la mia roba e liberarmi da questa persona pesante e infima che comincio a detestare con tutta l'anima.
Perchè io mi conosco e l'esplosione non è lontana. Tengo, ingoio i rospi perchè non posso fare altro. Perchè devo mangiare, perchè devo pagare l'affitto e il mutuo. E allora davvero sono con le spalle al muro.

E detesto le persone che mi dicono di non prendermela, di non essere abbattuta e di provare a lanciarmi all'avventura. Con 1500 euro in conto vado incontro al disastro, non all'avventura. Che se non ci si trova in certe situazioni, non si può assolutamente sapere come si sta e cosa si prova.
E non sopporto più nessuno.

Amiche che m'invitano per l'aperitivo per raccontarmi di quanto si sono arrabbiate con la commessa del negozio Tal dei Tali, per averle venduto un reggiseno diffettato, o perchè non avevano la taglia giusta di quella maglia che a loro piaceva tanto.
O ancora perchè dopo 5 anni sono ancora in fissa per uno che non se l'è mai cagate, nonostante siano pure fidanzatissime. Perchè si pavoneggiano dell'idea che quel tale che se l'è trombate e poi non le han più cagate di pezza, sta ancora sbavando per loro, quando è evidente che questo ha altre mire, più che ragionevoli!

Non sopporto più queste cene familiari di una falsità assurda, dove tutti fanno finta di essere contenti di vederci e poi non ti parlano per tutta la sera. Festicciole di compleanno per bambini che non sanno nemmeno che la festa è per loro e che non gliene può fregar di meno di chi c'è e chi no. Tutta facciata e zero sostanza. Non sopporto più le persone che continuano a rinfacciarmi che non vado mai a trovarle, come se io passassi la giornata a grattarmi la patata. Una è in maternità, l'altra a casa da 12 anni a fare niente. Tutto un lamento per le troppe cose da fare. E sono stanca di sentire gente che si lamente per delle cazzate.

Tutto questo, in uno sfogo, l'ho detto ieri sera a Dr J, che paziente mi teneva per mano e ogni tanto mi accarezzata la testa per consolarmi. Gli ho detto che attualmente io "parlo" volentieri solo con due persone (lui escluso ovviamente), con Luna e con la Aus. Nulla da dire per le altre, ma con loro due ho instaurato ormai un rapporto differente e so che entrambe mi capiscono perchè stanno vivendo situazioni simili o comunque sanno di che parlo.

Scusatemi, scusatemi davvero per lo sfogo, ma se non lo faccio sul blog, lo faccio nella vita reale e i danni potrebbero essere ingenti.

Vs Libby esplosiva.

10 commenti:

  1. Sfogati e non scusarti. Mi spiace e ti stringo virtualmente in un grosso abbraccio...

    RispondiElimina
  2. quando qualcuno mi dice che non passo mai a trovarlo gli chiedo se i km che devo fare io sono meno di quelli che dovrebbe fare lui... sfogati pure qua!

    RispondiElimina
  3. grande havet!
    e tu qui sfogati...

    RispondiElimina
  4. io ti abbarccio e basta ecco.

    RispondiElimina
  5. ehi Libby!!!!! sfoga sfoga!!!! bacione

    RispondiElimina
  6. stella! sfogati pure qui, anche io odio le persone che si lamentano per delle cose davvero inutili ed anhe le amiche che non stanno capendo quanto sia difficile per me uscire con loro per un aperitivo perche sto facendo il trasloco e si incavolano anche!!
    taaaanta pazienza..

    RispondiElimina
  7. @Gi: ti ringrazio, l'abbraccio è arrivato e lo ricambio.
    @Vate: ahahaha grande, me la devo ricordare!
    @Carrie: grazie ciccia!
    @Poggy: anche io ti abbraccio stella.
    @Rucolina: se dovessi sfogarmi come dico io avrei già fatto un miliardo di danni...
    @Laly: a volte penso di essere io esagerata, ma ho cominciato ad essere egoista e a fregarmene di tutti. Del resto, scusa, ognuno penserà ai propri problemi no?
    Un bacione a tutte care.

    RispondiElimina
  8. ...allora...allora...visto che ti ho invitato un lunedi sera a cena....vuoi che...vengo io?

    RispondiElimina
  9. @Chanel: ciccia io onoro i miei "debiti", l'ultima volta sei stata tu dalle mie parti, stavolta vengo io dalle tue, comunque ci sentiamo, e poi la cosa delle cene era FAMIGLIARI, non con le amiche di chiacchiera.
    @Barracuda: grazie tesoro, ti abbraccio anche io.

    RispondiElimina

Le vostre perle...